NOTIZIE

Progetto Scuole Sicure – Una giornata al parco della legalità

leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/225cf65bcddc62c357714926

Nuoto paralimpico: tante medaglie per le Fiamme oro alle World Series

Si è svolta a Lignano Sabbiadoro (Udine) la tappa italiana delle World Series di nuoto paralimpico, alla quale hanno partecipato gli atleti più forti del mondo, dando vita a gare di altissimo livello in tutte le categorie. Al termine dei quattro giorni di gare l’Italia è risultata prima nel medagliere con 16 ori, 9 argenti e 6 bronzi, con un rilevante contributo dei portacolori delle Fiamme oro. I nuotatori cremisi hanno infatti conquistato 7 medaglie d’oro, 2 d’argento e 3 di bronzo, migliorando così la loro posizione nel ranking internazionale, molto importante in vista dei Mondiali che si svolgeranno a Londra nel mese di settembre. Un ottimo risultato per i nuotatori del Gruppo sportivo della Polizia di Stato, sempre in crescita grazie al lavoro del responsabile sport acquatici Roberto Bonanni. Ad incrementare ulteriormente il bottino dei portacolori delle Fiamme oro le 8 medaglie vinte nelle categorie giovanili (7 d’oro e una d’argento), e i tre ori conquistati con le staffette. Tra tutti i risultati spicca l’oro vinto da Antonio Fantin con il nuovo record del mondo nella categoria S5 dei 50 stile libero, fermando il cronometro sul 30”16. “Ci tenevo tantissimo a fare bene qui a Lignano Sabbiadoro – ha detto Fantin commentando la gara – Un record del mondo è sempre qualcosa di speciale”. Fantin si è messo al collo altre cinque medaglie d’oro: nei 100 e 200 metri stile libero open, e nelle classifiche riservate ai giovani, nei 50, 100 e 200 metri stile libero open; oro anche con la staffetta 4×100 stile libero. Sono ben dieci i metalli vinti dalla campionessa cremisi Carlotta Gilli: tra i senior l’oro nei 200 misti open, l’argento nei 100 farfalla open e due bronzi nei 100 stile libero open e 100 dorso open; tra i giovani l’atleta cremisi ha vinto l’oro nei 100 stile libero, 100 dorso, 200 misti e 100 farfalla, nonché l’argento nei 50 metri stile libero. L’ultimo oro è arrivato con la staffetta azzurra 4×100 stile libero mista. Vincenzo Boni si è messo al collo uno splendido oro nei 50 metri dorso open mentre Francesco Bocciardo ha vinto l’argento nei 200 stile libero open e il bronzo nei 100 stile libero open. Le ultime tre medaglie d’oro sono state conquistate da Efrem Morelli nei 150 metri misti open, nei 50 metri rana open e con la staffetta 4×50 mista mista. Ottime anche le prove di Marco Maria Dolfin, Giulia Ghiretti e Francesco Bettella, che si sono ben piazzati nelle rispettive classi. “Grande il contributo delle Fiamme oro nel medagliere dell’Italia in questa tappa delle World Series di nuoto paralimpico – ha sottolineato il commissario tecnico della nazionale paralimpica Riccardo Vernole – Prestazioni di livello assoluto per gli atleti cremisi, spicca tra tutti il nuovo record del mondo di Antonio Fantin. A breve verranno diramate le convocazioni per i Mondiali che si terranno a Londra dal 9 al 15 settembre”. Sergio Foffo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165cf6521eaf61a397039975

Banda musicale: l’inno svelato agli azzurri della Nazionale

Lezione – concerto oggi per la nazionale azzurra di calcio in ritiro a Coverciano. Questa mattina alle 11, organizzato dall’Ancri (Associazione nazionale insigni dell’ordine al merito della Repubblica italiana) si è tenuto un evento dal titolo l’Inno svelato. Lo storico Michele d’Andrea, con le note della Banda musicale della Polizia di Stato ha spiegato ai nostri calciatori la genesi ed il significato dell’Inno di Mameli più correttamente conosciuto come il Canto degli italiani. Gli orchestrali della Polizia di Stato hanno accompagnato la voce del tenore Francesco Grollo, un ex poliziotto che da anni collabora con i musicisti della Polizia. A presentare il concerto Demetrio Albertini, ex calciatore ed ora dirigente sportivo, Francesco Tagliente, già prefetto e delegato ai rapporti istituzionali dell’Ancri e Tommaso Bove, presidente nazionale dell’Ancri. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/225cf63e2bce99b898223691

“Parità e sicurezza”: dibattito a Montecitorio per i 60 anni delle donne in Polizia

In occasione del 60° anniversario dell’ingresso delle donne in Polizia, a Palazzo Montecitorio si è svolto l’incontro “Parità e Sicurezza”, durante il quale si è parlato di violenza di genere e del ruolo delle donne nella Polizia di Stato. Fortemente voluto dalla vicepresidente della Camera Maria Rosaria Carfagna, l’incontro è stato moderato dalla giornalista Laura Chimenti e hanno partecipato il capo della Polizia Franco Gabrielli, i vice capo Antonio De Iesu, Alessandra Guidi e Vittorio Rizzi; Nunzia Ciardi direttore della Polizia postale e Maria Luisa Pellizzari direttore degli Istituti d’istruzione. Prima di prender posto nella Sala della Regina, gli ospiti hanno potuto ammirare una mostra fotografica che celebra l’Anniversario con foto storiche delle donne poliziotto. L’incontro ha avuto inizio con una breve introduzione all’argomento dell’onorevole Carfagna con il prefetto Gabrielli che ha dichiarato che “Da anni abbiamo intrapreso campagne di sensibilizzazione grazie alle colleghe che lavorano negli Istituti di istruzione e abbiamo investito sulla formazione perché proprio qualche mese fa è partito il primo corso di formazione per gli operatori delle Squadre mobili per il tema della trattazione delle vittime” ha continuato sostenendo che “Tutte le volte che lasciamo cadere una richiesta di aiuto, una denuncia di una donna che vive una condizione di sofferenza, noi abbiamo compiuto due delitti: lo abbiamo compiuto nei confronti di quella donna che sta chiedendo aiuto, ma lo abbiamo compiuto inevitabilmente nei confronti delle tante donne che potrebbero porsi nella condizione di superare la condizione di sofferenza e quindi di chiedere aiuto”. Il Prefetto ha concluso ricordando che i reati di genere sono reati odiosi che non dovrebbero mai albergare in una società civile. Oggi il ruolo delle donne è cambiato con qualifiche anche superiori rispetto al passato; la loro presenza è un valore aggiunto in tutti i Reparti, infatti agli inizi le ispettrici e le assistenti di Polizia, venivano impiegate esclusivamente per i reati in cui erano coinvolti donne e bambini.
Nel corso dell’incontro è stato proiettato un video realizzato per l’occasione con l’intervista molto rappresentativa a due donne poliziotto: una in servizio ed una in pensione. Di seguito è stata proiettata la testimonianza di una donna, madre di due figli, vittima della furia del marito. A conclusione del dibattito, la moderatrice Laura Chimenti ha letto una poesia dell’artista Frida Kahlo e poi gli ospiti, spostandosi sulla piazza di Montecitorio, hanno potuto vedere l’auto d’epoca Fiat 1100 utilizzata dalla Polizia femminile nel passato. In piazza era presente, inoltre, il camper del progetto “Questo non è amore”, la campagna informativa contro la violenza sulle donne, ideata e promossa dalla Polizia di Stato. Olivia Petillo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155cf50114c4f7a902715893

Festa della Repubblica: la cerimonia del 73° anniversario

Si festeggia oggi il 73° anniversario della nascita della Repubblica italiana all’insegna dell’Inclusione, il tema scelto quest’anno per celebrare l’unità del nostro Paese. Il primo momento delle celebrazioni si è svolto all’Altare della Patria a Roma dove il presidente della Repubblica Sergio Mattarella e le più alte cariche militari e civili dello Stato hanno reso gli onori al Milite Ignoto. Poi l’attenzione si è spostata ai Fori imperiali dove si è svolta la tradizionale rivista. A sfilare, tra le unità della difesa, anche la Polizia di Stato presente nel settimo settore, rappresentativo delle organizzazioni che fanno parte del nostro sistema di protezione e sicurezza nazionale. Donne e uomini attenti ai bisogni delle comunità, che garantiscono il rispetto delle leggi, il soccorso e l’assistenza in caso di calamità. La Polizia di Stato oltre che nel settore di riferimento, comandato quest’anno da una donna, il dirigente superiore della Polizia di Stato, Lorena Di Galante, è stata presente nel primo settore, con i propri atleti nei gruppi sportivi paralimpici, nella compagnia dei veterani, e nella compagnia dei gruppi sportivi olimpici. Nel settimo settore la Polizia di Stato ha sfilato con una compagnia di funzionari con indosso la sciarpa tricolore, simbolo delle esclusive funzioni di Autorità di pubblica sicurezza riconosciute alla Polizia, una compagnia di allievi vice ispettori, uomini e donne che al termine del corso, ricopriranno incarichi investigativi e di comando; a chiudere lo sfilamento una compagnia rappresentativa delle numerose specialità e specializzazioni della Polizia di Stato. La rivista militare si è svolta alla presenza del Capo dello Stato, dei rappresentanti del Parlamento e del Governo, del Corpo diplomatico e delle massime autorità civili, religiose e militari tra le quali il capo della Polizia Franco Gabrielli. Piazza Montecitorio Alle 14 in piazza Montecitorio a Roma, si terrà il concerto della Fanfara della Polizia di Stato, diretto dal maestro Secondino De Palma che esordirà con l’inno nazionale per proseguire poi con brani popolari. A chiudere l’esibizione l’inno europeo. Giardini del Quirinale Dalle 15 alle 19, in concomitanza con l’apertura al pubblico dei Giardini del Quirinale, si esibiranno le bande della Marina Militare, della Guardia di Finanza, della Polizia di Stato, dell’Arma dei Carabinieri, dell’Esercito Italiano e dell’Aeronautica Militare. In particolare, la Banda Musicale della Polizia di Stato diretta dal maestro Maurizio Billi si esibirà con un programma di brani classici e moderni. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cf1120b3dc0d787439768

Rovigo e Lecce unite nella sicurezza ferroviaria

Gli specialisti della Polizia ferroviaria in collaborazione con le federazioni del rugby, della pallavolo e dell’Agenzia Nazionale per la Sicurezza delle Ferrovie hanno unito Rovigo e Lecce nel segno della sicurezza ferroviaria. A Rovigo nello stadio Mario Battaglini, casa della palla ovale del comune Veneto, si è svolta la 2^ tappa della “Festa del Rugby”. Alla manifestazione hanno partecipato circa 1500 “piccoli rugbisti” di età compresa fra i 6 e 12 anni, che hanno avuto la possibilità di unire in una giornata, all’insegna dello sport e del divertimento, i valori propri del rugby e la cultura del rispetto delle regole in tema di sicurezza ferroviaria. A Lecce c’è stato invece il “Gioca Volley S3…in Sicurezza”, dove in piazza Carmelo Bene erano presenti circa 2500 “piccoli atleti”. Bambini e bambine di età compresa fra i 9 e 16 anni si sono divertiti a giocare a volley insieme al campione del mondo del volley Andrea Luchetta; ma non solo, i ragazzi attraverso lo sport si sono avvicinati anche al rispetto delle regole in ambito ferroviario. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cf260af5e4de293491888

Donare il sangue a giugno: le date

Anche questo mese Donatorinati, l’Associazione donatori volontari della Polizia di Stato promuove le donazioni di sangue. Ecco le sedi dove, chi volesse, può recarsi per effettuare la donazione nel mese di giugno. L’invito è rivolto a tutte le persone in buona salute e di età compresa tra i 18 e i 65 anni. Si ricorda che per donare il sangue è necessario avere un peso corporeo non inferiore ai 50 chili. È essenziale recarsi al prelievo a digiuno, anche se è concesso bere un caffè, un tè o un succo di frutta. Non è consentito ingerire latte e derivati. (Requisiti). leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155cf255d9cb3e1166549681

Bari: tentato omicidio a colpi di sciabola, presi altri 3 del commando

Il furto di nove grammi di cocaina e 100 di hashish scatenò la spedizione punitiva nei confronti di un 39enne tossicodipendente, che fu selvaggiamente picchiato e gravemente ferito a colpi di sciabola; la vittima fu lasciata in fin di vita nelle braccia della fidanzata, all’interno della propria abitazione, nel quartiere Poggiofranco di Bari. Per quell’aggressione, avvenuta il 28 aprile scorso, la Squadra mobile arrestò subito due uomini, di 63 e 69 anni, accusati di far parte del commando composto da cinque aggressori; i due sono ancora in carcere per il reato di tentato omicidio aggravato. Questa mattina, al termine dell’attività investigativa della Mobile barese, sono stati arrestati gli altri componenti del gruppo criminale. Si tratta di un 22enne, finito in carcere, e di due 20enni per i quali sono stati disposti gli arresti domiciliari. L’indagine ha permesso di far luce sulla vicenda: la vittima rubò la droga dalla roulotte di uno degli aggressori; dopo numerose minacce telefoniche, che non servirono ad ottenere la restituzione del “bottino”, il derubato organizzò il raid nell’abitazione del ladro. Dopo aver demolito a calci il portone dello stabile e la porta d’ingresso, il commando fece irruzione nell’appartamento, trovando la vittima in compagnia della fidanzata. Mentre alcuni bloccavano la ragazza, gli altri massacravano la vittima, utilizzando una sciabola trovata nell’abitazione. Nell’auto di proprietà di uno degli arrestati, la stessa utilizzata la sera del raid, gli agenti hanno trovato 150 grammi di marijuana, un bilancino di precisione e materiale per il confezionamento delle dosi. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165cf1569a248c1448222078

Capo della Polizia a Treviso premia 2 poliziotti della Stradale

Diciannovesima tappa del Giro d’Italia, Treviso – San Martino di Castrozza, presente anche il capo della Polizia Franco Gabrielli che ha premiato due poliziotti della Polizia stradale. L’occasione era l’8^ edizione del premio “Eroi della sicurezza”, iniziativa promossa da Autostrade per l’Italia che premia i poliziotti della Polizia stradale che si sono distinti nel campo della sicurezza stradale in attività di soccorso o di interventi particolarmente significativi. Il riconoscimento, consegnato dal capo della Polizia sul “podio firma” dei corridori alla partenza della tappa di Treviso, è stato assegnato all’assistente capo Valentino Reato e all’assistente Andrea Caldon entrambi appartenenti alla Stradale di Padova. Successivamente il prefetto Gabrielli, a bordo del Pullman azzurro, ha incontrato e salutato alcuni studenti di Biciscuola, il progetto educativo di Giro d’Italia. Il pullman azzurro è un’aula scolastica multimediale itinerante dove i poliziotti della Stradale diventano “maestri di sicurezza” per i più piccoli. Lezioni di sicurezza stradale a base di giochi a tema, filmati e cartoni animati per imparare le regole della sicurezza giocando. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135cf0f546397b9242350799

Festa della Repubblica: si celebra l’unità del Paese

Inclusione. Questo è il tema conduttore della Festa nazionale del 2 giugno 2019. La rivista che si terrà a Roma ai Fori imperiali mostrerà quanto le singole istituzioni del nostro Paese fanno, ogni giorno, per favorire la coesione sociale e salvaguardare gli interessi di ogni singolo cittadino, nel rispetto delle libertà di tutti. Anche la Polizia di Stato sarà presente con i propri reparti, con i propri uomini e con le proprie donne che quotidianamente servono la Nazione. Senza mai nascondere un sorriso. Perché è forse proprio attraverso il sorriso che si può declinare, più di qualsiasi altro gesto, il contributo che la Polizia di Stato offre all’inclusione sociale. Il sorriso che non manca mai nelle nostre stanze per le audizioni protette delle questure, soprattutto quando si tratta di bambini vittime dei reati più infami. Diverso ma ugualmente accogliente è il sorriso che le nostre donne e i nostri uomini offrono alle fasce deboli delle comunità quando devono sostenere anziani e donne, vittime di violenze o raggiri. E proprio un sorriso, femminile questa volta, esattamente 60 anni fa, ha marcato la differenza tra la Polizia e le altre uniformi. Per la prima volta nella storia, le donne hanno vestito un’uniforme; la nostra uniforme. Quell’atto rivoluzionario permise di includere, nella nostra amministrazione, valori e sensibilità sconosciuti sino a quel momento. Valori e sensibilità nuovi li cerchiamo e li troviamo nei sorrisi dei nostri atleti paralimpici che in tutto il mondo portano in alto i colori delle Fiamme oro ma soprattutto l’importanza dei diversi talenti che trasformano l’handicap in una crescita per tutti. E a proposito di atleti ricordiamo i sorrisi dei nostri istruttori che nei centri giovanili delle Fiamme oro, spesso collocati in realtà molto difficili di degrado e criminalità, strappano, uno ad uno, giovani fragili, da destini che sembravano segnati. Pugilato, lotta, karate diventano metafora della vita: le regole, l’accettazione della sconfitta, la tenacia e la forza di volontà diventano l’alternativa alla delinquenza. E gli ultimi sorrisi dei quali vogliamo parlare sono quelli appena accennati, quei sorrisi dei quali pochi si accorgono; appaiono sui volti dei nostri ragazzi delle Volanti della Stradale e delle tante specializzazioni che ogni giorno servono le nostre comunità in silenzio e con discrezione; tra loro c’è chi ci ha ricevuto ferite e lesioni durante il servizio e sfileranno anche loro, il 2 giugno, consapevoli di aver servito fino in fondo il Paese; con il sorriso ovviamente. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/225cee5a55cc18a899933894