NOTIZIE

Congresso a Milano su “Pandemia e crimine organizzato”

Questa mattina, a Milano, presso il Centro congressi dell’Università Vita S. Raffaele si è svolto il XXXIV Congresso nazionale della società italiana di criminologia dal titolo “La criminologia tra emergenze, diritti umani e giustizia”. Al Congresso ha preso parte Francesco Messina, direttore centrale anticrimine della Polizia di Stato che è intervenuto sul tema dell’impatto del Covid 19 sulle organizzazioni criminali e di come queste hanno saputo adattarsi ai cambiamenti materiali, sociali ed economici indotti dalla pandemia. Il prefetto Messina ha spiegato come in una prima fase, quella delle restrizioni, la criminalità ha alimentato fenomeni come l’usura, e con le riaperture, poi, ha cercato d’infiltrarsi in misura maggiore nell’economia, rilevando imprese in difficoltà oppure tentando di procacciarsi finanziamenti stanziati per la ripresa economica. Oltre ad aver rafforzato il settore delle misure di prevenzione patrimoniali si è previsto d’affiancare anche lo strumento dell’ablazione patrimoniale. A dar maggior forza alle strategie di contrasto, le indagini investigative avvenute durante la pandemia e coordinate dalla Direzione centrale anticrimine si sono indirizzate soprattutto verso alcuni settori divenuti maggiormente appetibili alla criminalità organizzata tanto d’aver generato, negli ultimi anni, numerose operazioni di Polizia su tutto il territorio nazionale. Con le indagini, gli investigatori, hanno evidenziato il modus operandi delle organizzazioni criminali che hanno rivolto il loro interesse nella filiera agroalimentare, nei settori delle infrastrutture sanitarie, della gestione degli approvvigionamenti, specie di materiale medico e dei dispositivi di protezione individuale, del comparto turistico alberghiero e di quello della ristorazione, nonché nella distribuzione al dettaglio della piccola e media impresa. Il prefetto Messina ha dichiarato che “L’affinamento dei meccanismi di individuazione degli indici di infiltrazione delle organizzazioni criminali strutturate deve essere accompagnato da una tempestiva e rigorosa azione di contrasto repressiva. È dalla individuazione delle specifiche modalità e delle tecniche dell’agire mafioso nell’ambito economico finanziario, peraltro in continua evoluzione, che può essere disvelata nel concreto ed efficacemente neutralizzata la minaccia mafiosa. L’azione delle squadre Mobili in fase repressiva e delle divisioni anticrimine in fase preventiva può in questo senso fare la differenza”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1561602a66d67ac265002693

Prevenzione sanitaria: la Polizia a Roma partecipa a “Tennis & Friends”

La Polizia di Stato partecipa a “Tennis & Friends” l’iniziativa, giunta alla XI edizione, è nata per diffondere la cultura della prevenzione sanitaria, sensibilizzando la popolazione ad adottare corretti stili di vita. L’appuntamento è per il 9 e il 10 ottobre, dalle 10.00 alle 18.00, presso il parco del Foro Italico a Roma, dove le eccellenze sanitarie della città di Roma e la sanità militare effettueranno screening e check-up gratuiti. I nostri medici saranno presenti in entrambe le date, con le proprie apparecchiature specialistiche, per consulenze e diagnostica cardiologica. Chi prenderà parte alla manifestazione avrà anche la possibilità di ammirare la Lamborghini Huracan con i colori della Polizia e le moto in uso alla Polizia Stradale, le vetture che hanno fatto la storia dell’Istituzione, provenienti direttamente dal Museo delle auto e il Full Back un vero e proprio laboratorio mobile, utilizzato dalla Polizia scientifica per l’esame della scena del crimine. Sabato 9 negli spazi espositivi sarà presente il “Camper Rosa” dove agenti della questura promuoveranno il progetto “Questo non è amore” nato per supportare le vittime di violenza e sensibilizzare i cittadini sulla lotta alla violenza di genere; alle 16 inoltre si potrà assistere all’esibizione dei cinofili con i loro “colleghi” a quattro zampe. Nella giornata di domenica, invece, al mattino ci saranno le esibizioni degli atleti delle Fiamme oro della sezione judo e della sezione scherma. Sarà presente come testimonial Luca Curatoli vincitore della medaglia d’argento nella sciabola a squadre ai Giochi Olimpici di Tokio. L’evento si chiuderà con l’esibizione musicale della Fanfara a cavallo della Polizia di Stato, prevista per le 17,30. Per l’ingresso al Parco è possibile registrarsi al link http://tennisandfriendsroma.it leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/15616000c8da448365263969

Capo della Polizia a Taormina per convegno su sicurezza e innovazione

Appuntamento al Palazzo dei congressi di Taormina (Messina) per il capo della Polizia Lamberto Giannini che ha partecipato al convegno sul tema “Sicurezza, innovazione e complementarietà”, moderato dalla giornalista del Tg5 Simona Branchetti. Un’occasione di confronto per esplorare i temi della collaborazione tra enti responsabili della sicurezza, società civile e aziende leader nel settore, in relazione anche al supporto offerto dall’innovazione tecnologica. Al dibattito hanno partecipato anche il procuratore nazionale antimafia e antiterrorismo Federico Cafiero de Raho, il presidente della Corte costituzionale Gaetano Silvestri, il procuratore della Repubblica di Messina Maurizio De Lucia, il direttore del Tg2 Rai Gennaro Sangiuliano e la scrittrice Cristina Cassar Scalia. Nel suo intervento il capo della Polizia ha sottolineato che “Durante l’ultimo periodo della pandemia abbiamo registrato una drastica diminuzione dei reati predatori, ma in controtendenza abbiamo registrato un aumento importantissimo dei reati che si commettono sul web. Tutto questo ha rafforzato la consapevolezza che avevamo già. Per questo sta nascendo una nuova Direzione centrale dove si riuniranno le competenze della Polizia Postale e della Polizia scientifica per dare risposte sempre più performanti. Però – ha proseguito il prefetto Giannini – accanto a questi specialisti io ritengo che sia fondamentale un’attività sociale e di educazione; per questo stiamo investendo molto in iniziative di formazione sia nei nostri istituti di formazione che nelle scuole dei più piccoli. Siamo anche molto attenti – ha continuato il Prefetto – a tutelare i grandi interessi nazionali che le persone più indifese”. Prima di prendere parte al meeting, il Prefetto è stato accolto dal questore di Messina Gennaro Capoluongo presso la Caserma Calipari, sede della questura di Messina. Nell’occasione il capo della Polizia ha incontrato dirigenti, funzionari, personale della Polizia di Stato e dell’Amministrazione civile, organizzazioni sindacali e personale dell’Anps. In serata invece, il prefetto Giannini ha assistito al concerto della Banda musicale che si è tenuto al teatro Greco di Taormina. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/13615f28d9858a2495887688

Roma: intitolata scuola all’assistente Antonio Montinaro

  Inaugurata a Roma una scuola all’assistente Antonio Montinaro dal vice capo della Polizia con funzioni vicarie, Maria Luisa Pellizzari. Il prefetto Pellizzari ha presenziato alla cerimonia d’inaugurazione dell’Istituto comprensivo statale e ad accoglierla oltre il dirigente scolastico Maria Rosaria D’Alfonso, anche il questore di Roma, Mario Della Cioppa. Alla cerimonia era presente anche la signora Tina Montinaro, moglie di Antonio che nel 1992, a Palermo, perse la vita nell’ attentato di Capaci insieme al giudice Giovanni Falcone. Dopo una breve rappresentazione teatrale degli alunni frequentatori dell’Istituto, la cerimonia è proseguita con gli interventi della signora Montinaro e del vicecapo della Polizia Pellizzari. Il prefetto Pellizzari nel discorso conclusivo della cerimonia ha sottolineato: “Spero che chi verrà in questa scuola e vedrà il nome di Antonio Montinaro scritto all’ingresso e non saprà la sua storia, magari si domanderà chi era Antonio Montinaro e scoprirà che era un poliziotto con moglie e due figli piccoli che tutti i giorni andava incontro alla morte ma  consapevole e convinto di quello che faceva per tutti noi, per tutti voi, e per tutti quelli che entreranno qui sarà un esempio”. Al termine degli interventi, il vice capo della Polizia insieme al dirigente scolastico e alla signora Montinaro hanno proceduto allo scoprimento della targa d’intitolazione della Scuola “Antonio Montinaro”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/15615d8110bc0eb746766792

Violenza sui minori: presentato a Roma il dossier “Indifesa”

È stata presentata ieri a Roma la decima edizione del dossier “indifesa” di Terre des Hommes, sulla condizione delle bambine e delle ragazze nel mondo, in collaborazione con il Dipartimento della pubblica sicurezza. Il documento viene redatto ogni anno in occasione della Giornata internazionale delle bambine e delle ragazze, istituita dall’Onu nel 2011 e che si celebra l’11 ottobre. La presentazione si è svolta alla presenza del ministro per le Pari opportunità e la famiglia Elena Bonetti e del direttore del Servizio analisi criminale del Dipartimento della pubblica sicurezza Stefano Delfini. I dati elaborati per il Dossier dal Servizio analisi criminale del Dipartimento della pubblica sicurezza, evidenziano le conseguenze drammatiche dei lunghi periodi in casa. Rispetto al 2019 nel nostro Paese si registra, infatti, un aumento del 13 per cento delle vittime minorenni del reato di maltrattamenti contro famigliari e conviventi. Si tratta di 1.260 bambine e 1.117 bambini che hanno subito violenze in famiglia che hanno richiesto l’intervento delle Forze dell’ordine. Alcuni reati hanno avuto un incremento notevole, complice il lockdown. I reati telematici sono cresciuti del 13,9 per cento, come pure la detenzione di materiale pornografico realizzato utilizzando minorenni, che ha fatto registrare un balzo del 14 per cento delle vittime minorenni. Per contro, la pandemia ha reso più complicata l’intercettazione di altre forme di reato, che sono risultate in calo: abuso di mezzi di correzione o disciplina (-36 per cento), prostituzione minorile (-34 per cento), atti sessuali con minorenni di anni 14 (-21 per cento), corruzione di minorenne (-16 per cento,) violenza sessuale (-13 per cento). Anche nel 2020 i dati ci confermano una marcata differenza di genere, la maggioranza delle vittime sono infatti bambine e ragazze, con una percentuale del 65 per cento dei casi. Un dato tra i più alti mai registrati nella serie storica raccolta in questi dieci anni da Terre des Hommes, con punte dell’89 per cento per i casi di violenza sessuale aggravata e dell’88 per cento per quelli di violenza sessuale, subita l’anno scorso da ben 488 bambine e ragazze nel nostro Paese. Ma anche tra le mura domestiche, con il 53 per cento dei casi di maltrattamento, il reato si è consumato sui corpi e sulla psiche di bambine e ragazze. “È estremamente importante per noi Forze di polizia – ha detto il direttore del Servizio analisi criminale nel suo intervento – essere presenti oggi insieme a Terre des Hommes per condividere i dati sui reati a danno di minori. I numeri rilevati nell’anno del Covid evidenziano l’aumento di specifiche forme di reato”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/16615ee0b2ef398094336482

Karate: Silvia Semeraro e Michela Pezzetti oro in Premier league

Passata la sbornia post olimpiadi, il karate guarda avanti con il mirino puntato sui prossimi mondiali, in programma a Dubai (Emirati Arabi Uniti) dal 16 al 21 novembre, con gli atleti delle Fiamme oro che si dimostrano già in ottima forma. Nella tappa russa della Premier league 2021, disputata a Mosca, due portacolori cremisi si sono messi al collo la medaglia d’oro; si tratta di Silvia Semeraro nel kumite e Michela Pezzetti nel kata. L’oro di Mosca è stato un grande riscatto per Silvia Semeraro, che nel torneo olimpico di Tokyo non ha reso come avrebbe voluto. Ma le sue qualità tecniche e il suo carattere li conosciamo bene, e li abbiamo ammirati proprio sui tatami di Mosca, dove la karateka cremisi si è presa la soddisfazione di battere nella finale dei 68 chilogrammi proprio l’egiziana Feryal Abdelaziz, neo campionessa olimpica, dopo aver superato in semifinale la medaglia d’argento olimpica, l’azera Irina Zaretska (2-0). In precedenza Silvia aveva superato la rappresentante degli Emirati Arabi, Khasaif (1-0), poi la spagnola Gil Alvarez (4-0), e l’egiziana Yasmin Elhawari. Nel kata femminile la nostra Michela Pezzetti, capitano della squadra femminile, ha portato il team, completato da Terryana D’Onofrio e Carola Casale, al prestigioso risultato di battere in finale le rivali di sempre della Spagna. Dopo aver dominato il girone di qualificazione la squadra azzurra ha incorniciato una prestazione di altissimo livello, superando le avversarie con il punteggio di 26.14. Sergio Foffo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/16615ec14f5bc44977773833

Vercelli: spaccio di cocaina e hashish, 12 arresti

  Con un giro d’affari stimato intorno ai 250 mila euro l’anno, avevano messo in piedi un’attività redditizia di spaccio di stupefacenti: 12 persone sono state arrestate con l’operazione antidroga “Revenge 2020” dalla questura di Vercelli. Con oltre 100 poliziotti provenienti da Torino, Asti, Alessandria, Cuneo, Biella, Novara Pavia, Verbania e Rimini e con il supporto dei Reparti prevenzione crimine Piemonte, Lombardia e Toscana nonché dei cinofili di Torino, questa mattina, sono state eseguite le 12 misure cautelari, di cui 7 custodie cautelari in carcere; una persona è stata posta agli arresti domiciliari, ad un’altra è stata irrogata la misura dell’obbligo di dimora e ad altre tre l’obbligo di presentazione alla polizia giudiziaria. L’indagine della Squadra mobile di Vercelli ha identificato il capo del gruppo che oltre a gestire un bar nel centro cittadino, gestiva anche il traffico della droga in città; in particolare lo spaccio di cocaina e hashish proveniente dalle provincie di Pavia e Novara. Infatti, dalle indagini è emerso che un pregiudicato residente nella provincia di Pavia riceveva l’ordine circa due giorni prima dal gestore del bar, tramite il suo socio in affari, un altro pregiudicato per associazione mafiosa e tentato omicidio, residente nel novarese. I componenti del gruppo, nel tempo, erano diventati scaltri a trattare i loro affari riducendo al minimo le conversazioni telefoniche per favorire quelle attraverso i social con cui stabilivano luoghi e ordini per la droga. In totale, sono 25 gli indagati implicati a vario titolo nell’attività e oltre agli arresti di oggi, sono state disposte anche numerose perquisizioni e la chiusura per 30 giorni del bar, base operativa dell’organizzazione criminale. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/15615ec06ec36f2652121437

Vigilanza privata a bordo dei bus romani

Roma dice basta alle aggressioni e ai viaggiatori a ufo: l’ATAC affiancherà delle guardie giurate ai verificatori dei titoli di viaggio che operano sui mezzi della capitale. L’iniziativa – limitata nella prima fase sperimentale ad alcune squadre su specifiche tratte – si affianca all’installazione di cabine di guida rinforzate e di telecamere di sorveglianza sui bus più recenti, oltre alla presenza di un allarme silenzioso collegato alla centrale operativa per segnalare eventuali emergenze. Misure non ancora sufficienti, viste le sconfortanti cronache capitoline sul tema: con la vigilanza privata l’ATAC auspica una svolta decisiva per la sicurezza e l’economicità dei trasporti.
Una volta a regime, ATAC lancerà una campagna di comunicazione per diramare alla cittadinanza scopi e modalità dell’iniziativa.

 

 

 

 

The post Vigilanza privata a bordo dei bus romani appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/vigilanza-privata-a-bordo-dei-bus-romani_8988.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps

Le Fiamme oro celebrarano le medaglie di Tokyo 2020

Cosa vuol dire far parte delle Fiamme oro? Significa essere parte di una famiglia, che ti accoglie e ti fa crescere, come persona e come atleta, fino a farti vincere, nella vita e nello sport, rendendoti orgoglioso dei tuoi colori. Proprio questo grande orgoglio e senso di appartenenza si sono respirati oggi a Roma, nella Sala d’Onore del Coni, dove si è svolto il 3° raduno dei Gruppi sportivi della Polizia di Stato (foto). Atleti provenienti da tutta Italia, riuniti per celebrare la pluridecennale tradizione delle Fiamme oro, e, soprattutto, le 20 medaglie olimpiche e le 25 paralimpiche (medagliere) di Tokyo2020. La cerimonia si è svolta alla presenza della sottosegretaria di Stato alla Presidenza del Consiglio dei ministri con delega allo sport, Valentina Vezzali, del capo della Polizia Lamberto Giannini, del presidente del Coni Giovanni Malagò e di quello del Cip Luca Pancalli. A fare gli onori di casa il presidente dei Gruppi sportivi della Polizia di Stato Francesco Montini, che ha presentato le medaglie olimpiche e paralimpiche sedute in platea. Campioni cremisi di ieri, oggi e domani chiamati a rispondere ad alcune domande sul palco: l’ex campione olimpico Daniele Masala, doppio oro individuale e a squadre a Los Angeles ’84, proprio come Lamont Marcel Jacobs nei 100 metri a Tokyo2020, e la giovane tuffatrice, neo acquisto delle Fiamme oro proveniente della sezione giovanile Maia Biginelli, si spera futura medaglia. Il capo della Polizia Lamberto Giannini ha sottolineato che: “Le Fiamme oro sono la Polizia di Stato e ne rappresentano i valori. Sono nei quartieri, avviano i bambini allo sport, fanno attività di assistenza e danno ogni giorno messaggi di legalità. Sono una delle parti della Polizia di Stato di cui andiamo veramente tanto orgogliosi. Un ringraziamento alle atlete e agli atleti: avete riempito di orgoglio una nazione intera e avete dato una spinta importantissima, in questo momento complicato, ad avere fiducia nella ripresa e nei risultati che possono arrivare con l’applicazione e l’impegno”. Ha concluso gli interventi la sottosegretaria di Stato Vezzali: “Riuscire ad aumentare il numero delle medaglie significa che si è investito bene in tecnici, sezioni giovanili e atleti, che vengono accuratamente scelti. Il benessere del Paese passa anche attraverso lo sport”. Un raduno che ha anche lo scopo di sottolineare l’importanza che questo Gruppo sportivo ha sul territorio, con le sue palestre diventate luoghi di aggregazione sportiva e presidi di socialità, legalità e riscatto, in particolare nelle zone più “difficili”. Lo sport come mezzo di integrazione sociale e come straordinario strumento di comunicazione per trasmettere quei valori di legalità e rispetto delle regole, propri dell’Istituzione che le Fiamme oro rappresentano, per #essercisempre, anche nello sport. Sergio Foffo
  leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/16615d5b11b6611982971360

Trapani: traffico di droga, otto arresti

  Arrestate otto persone a Trapani appartenenti ad un’associazione specializzata nel traffico illegale di sostanze stupefacenti. La Squadra mobile ha inoltre eseguito 16 decreti di perquisizione personale e domiciliare nei confronti di spacciatori identificati nel corso delle indagini. L’operazione è la conclusione di una indagine iniziata nel 2017 dal commissariato di Alcamo, con il supporto dei commissariati di Marsala, Castellammare e Mazara del Vallo. Gli indagati avevano assunto il comando dell’organizzazione mafiosa del mandamento di Alcamo dopo che i capi erano stati arrestati nell’operazione antimafia denominata “Freezer”, riuscendo a consolidare contatti già avviati, nella provincia di Latina, con narcotrafficanti operanti nel centro Italia. Durante l’indagine i poliziotti hanno scoperto anche due episodi di estorsione aggravata nei confronti dei pusher che non avevano onorato i debiti contratti con l’organizzazione criminale. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/15615d72171fadf167880346