NOTIZIE

Roma: aggredirono una troupe televisiva, 2 arresti

Arresti domiciliari per due noti esponenti della tifoseria ultras della Lazio. Questo è il risultato di un’indagine condotta dai poliziotti della Digos della questura di Roma e dai militari dell’Arma dei carabinieri per l’aggressione di una troupe televisiva della trasmissione Rai “Storie Italiane”, avvenuta a piazza di Ponte Milvio a Roma, lo scorso 20 dicembre. I due operatori televisivi stavano documentando un gruppo di persone che si intratteneva nella piazza, sprovviste di mascherine protettive quando, notati dal gruppo, sono stati violentemente aggrediti. Infastidito dalla loro presenza, uno dei componenti del gruppo si è avvicinato e, dopo aver chiesto spiegazioni sul loro operato, senza nemmeno attendere la risposta, ha colpito violentemente il cameraman. Al tentativo di fuga degli operatori è seguita un’ulteriore aggressione del “branco” e il cameraman è stato colpito ripetutamente con calci e pugni, tanto che gli sono stati diagnosticati 15 giorni di prognosi. Le successive indagini, effettuate con il supporto del commissariato Prati, hanno consentito ai poliziotti di risalire alla identità di due tra i componenti del gruppo di assalitori, tra cui il ragazzo che per primo ha colpito per futili motivi l’operatore Rai. Si tratta di due uomini appartenenti alla tifoseria laziale, noti alle forze dell’ordine per il coinvolgimento in episodi di violenza da stadio. Per entrambi sono scattati gli arresti domiciliari nonché le perquisizioni nelle rispettive abitazioni. Donatella Fioroni leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135ffead9e903d1521113876

Roma: scoperto il market della droga, 3 indagati

Un vero supermercato della droga è stato scoperto a Roma, dagli agenti del XIV Distretto di Primavalle, in un appartamento di Ottavia, alla periferia della Capitale.
Attraverso appostamenti e pedinamenti nel quartiere, specialmente concentrati su un esercizio commerciale con un andirivieni continuo di persone, i poliziotti sono arrivati all’interno dell’abitazione di un 24enne, cittadino di origine brasiliana.  Il controllo è partito da una discussione fra il titolare del negozio e due persone. Il commerciante aveva addosso 1.700 euro in contanti e i due uomini droga.
Dalle indagini, i poliziotti sono arrivati nell’abitazione del 24enne e hanno scoperto e sequestrato, grazie anche all’unità cinofila della questura, oltre un quintale di hashish, 5 chili di marijuana e più di mezzo chilo di cocaina, oltre a un bilancino di precisione e appunti con la contabilità di spaccio. Al termine degli accertamenti, i due sono stati arrestati e il titolare del negozio denunciato. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135ffdaad40e04f239893659

Operazioni antidroga in Nord Italia: 45 arresti

  Due distinte operazioni antidroga, coordinate dal Servizio centrale operativo (Sco) della Direzione centrale anticrimine, sono state eseguite, questa mattina, in diverse città del Nord Italia. A Trento, nell’operazione “Underground” gli uomini della Squadra mobile, in collaborazione con quelli di Brescia, Verona e Vicenza hanno arrestato 16 cittadini nigeriani, 13 uomini e 3 donne, per traffico di droga. A capo dell’organizzazione criminale, con base operativa a Verona, una donna e un uomo, rispettivamente madre e figlio che, oltre a gestire un negozio etnico in città, si occupavano anche di un giro di prostituzione i cui proventi, in parte, venivano investiti per l’acquisto di eroina e cocaina. Dalle indagini è emerso che la droga veniva acquistata a Vicenza per poi essere spacciata a Trento, principale “piazza di spaccio”.
I vari pusher, alle dipendenze dell’organizzazione criminale, avevano l’ordine di nascondere gli involucri di droga nella bocca e, nel caso di controlli da parte delle Forze dell’ordine, di ingerirli. Sempre sotto il coordinamento del Servizio centrale operativo, la Squadra mobile di Reggio Emilia, questa mattina, ha eseguito 29 misure cautelari per traffico internazionale di sostanze stupefacenti nei confronti di 3 organizzazioni criminali specializzate nello spaccio di cocaina e marijuana. Dalle indagini, partite nel 2017, a cui hanno preso parte anche le squadre mobili di Bologna, Cremona, Firenze, Forlì, Mantova, Modena, Parma e Torino è emerso che due delle tre organizzazioni fossero composte da cittadini albanesi e una da cittadini provenienti dal Marocco. Operavano principalmente tra Modena e Reggio Emilia e per ovviare ai controlli delle Forze dell’ordine trasportavano la droga in automobili munite di doppi fondi, ricavati artigianalmente ed abilmente occultati. Nel corso dell’intera  indagine gli investigatori hanno arrestato complessivamente 102 persone, sequestrato 301 chili di hashish, 24,7 chili  di cocaina, oltre 2 chili di eroina, 31 chili di marijuana, 4 pistole illegalmente detenute, 192mila euro contanti e sette autovetture munite di doppio fondo segreto. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155ffd827476b8a279449264

Brexit: carta di soggiorno per i cittadini britannici

L’Accordo sul recesso del Regno Unito dall’Unione europea ha riconosciuto una specifica tutela ai cittadini britannici e ai loro familiari che abbiano esercitato i diritti di libera circolazione nello Stato italiano alla data del 31 dicembre 2020. A tal fine è stata predisposta una procedura dedicata che prevede la possibilità di richiedere, presso la questura di residenza, il rilascio di una carta di soggiorno in formato elettronico che attesta il nuovo status di beneficiario dell’Accordo di recesso. Dal 1° gennaio 2021 gli interessati potranno presentare le istanze per il rilascio del documento di soggiorno, secondo le linee guida già riassunte nel vademecum elaborato e pubblicato sul sito istituzionale del Ministero dell’Interno. Per agevolare gli adempimenti connessi al rilascio del documento digitale, è stata attivata l’apposita casella di posta elettronica, presso ogni questura che consente di fissare l’appuntamento presso l’Ufficio Immigrazione per l’avvio della relativa istruttoria. Giova evidenziare che il possesso del nuovo documento di soggiorno consente un più agevole riconoscimento dei soggetti titolari dei benefici previsti dall’Accordo di recesso. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ffc980ec4fc5783277944

Sicurezza ferroviaria: i risultati dei controlli durante le festività

Il bilancio dei controlli da parte della Polizia ferroviaria, durante il periodo delle festività appena trascorse, è di 47 arrestati, 18 dei quali erano latitanti, 382 denunciati e più di 230 mila persone controllate. I controlli hanno permesso inoltre di rintracciare 41 i minori non accompagnati e di restituirli alle famiglie o di collocarli in comunità. Sono state invece 374 le sanzioni amministrative elevate. Nel complesso sono state più di 13 mila le pattuglie impegnate nelle stazioni e 1.166 quelle a bordo dei treni. In considerazione del particolare periodo di riferimento sono stati potenziati i servizi antiborseggio per prevenire e contrastare reati come furti e truffe, solitamente in aumento nei periodi di festa. Tra i latitanti arrestati, un 50enne senegalese, a Novi Ligure, con una pena da scontare per furto di 4 mesi di reclusione e il pagamento di una sanzione di 300 euro. Un 33enne italiano, evaso dagli arresti domiciliari in quanto ritenuto responsabile di una rapina aggravata ai danni di un anziano, reato per il quale doveva scontare 3 anni e 4 mesi, è stato rintracciato nella stazione ferroviaria di Palermo. Poi una 29enne romena, a Potenza, colpita da un provvedimento di carcerazione per il reato di rapina ai danni di un anziano, consumata a Foggia nel 2018. Nella rete dei poliziotti della Stazione di Roma Ostiense è finito anche un 24enne italiano, destinatario di un mandato di arresto europeo, emesso dalle autorità tedesche, per reati contro il patrimonio; infine è stato fermato, a Milano, un 32enne italiano colpito da un ordine di carcerazione emesso dal Tribunale di Lecco, per reati di truffa aggravata, dovendo espiare una pena di oltre tre anni di carcere. Tra gli arrestati tre donne bosniache per tentato furto pluriaggravato nella stazione di Roma Trastevere. Le borseggiatrici, di cui una minorenne, tutte con precedenti per reati contro il patrimonio, hanno accerchiato un viaggiatore per rubargli dall’interno della giacca il suo cellulare ma sono state bloccate dai poliziotti. Nella Stazione di Milano Centrale, gli agenti hanno fermato un uomo di 27 anni per aver rubato una borsa all’interno di un’auto in sosta di proprietà di una straniera in stato interessante. L’uomo era riuscito a impossessarsi della borsa contenente circa 6mila euro, due carnet di assegni e un pc portatile, tutto recuperato dai poliziotti e riconsegnato alla vittima. Presi anche tre cittadini moldavi, di cui due minorenni, che nel piazzale antistante la stazione ferroviaria, si sono resi responsabili di rapina ai danni di un uomo. Per portargli via lo zaino i tre hanno preso a pugni la vittima mentre consultava gli orari dei treni. Il maggiorenne, autore materiale della rapina, è stato arrestato, mentre i due complici sono stati denunciati in stato di libertà. Tutti sono stati anche sanzionati amministrativamente per violazione delle norme anti covid 19. Tra le storie a lieto fine, a Sibari (Cosenza) è stato riconsegnato ad un ventunenne senegalese, uno zainetto contenente 2.800 euro in contanti. Il giovane in lacrime, si era rivolto agli agenti della Polfer, che grazie al personale ferroviario, leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ffc750d37705910880694

Catania: arrestati due rapinatori di “Compro oro”

Hanno compiuto una rapina in un negozio di “compro oro” a Messina, travestiti da carabinieri, sequestrando anche il titolare, e poi sono fuggiti su un’autovettura rubata, in direzione di Catania. Due uomini, responsabili del colpo, sono stati localizzati grazie al Gps dell’auto a bordo della quale erano fuggiti e arrestati dai poliziotti del commissariato di Acireale (Catania), grazie alla collaborazione con i colleghi delle Squadre mobili di Messina e di Catania. Intervenuti sulla rapina, i poliziotti della Mobile di Messina hanno immediatamente avvisato i colleghi del commissariato di Acireale che i due banditi erano fuggiti in direzione della città etnea. Le prime indagini hanno permesso ai poliziotti di ritrovare l’auto rubata che i malfattori avevano abbandonato e di individuare il veicolo utilizzato successivamente per allontanarsi, una Fiat 500X bianca, di proprietà di un autonoleggio di Augusta (Siracusa), che è stata localizzata, grazie al sistema satellitare assicurativo installato sul veicolo. I poliziotti del commissariato di Acireale e della Squadra mobile di Catania hanno bloccato l’autovettura con a bordo i due rapinatori. Così gli agenti hanno trovato anche le divise usate per il colpo, circa 1.600 euro, il bottino della rapina nonché alcuni oggetti riconducibili alla vittima. È inoltre emerso che le divise rinvenute erano state rubate all’Associazione Nazionale Carabinieri di Augusta lo scorso 4 gennaio. Nel domicilio dei due sono stati trovati oltre 2 chili di marijuana e 10 grammi di cocaina. Donatella Fioroni leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135ffc6e6697778839475298

Sci alpino: primo podio in Coppa Europa per Serena Viviani

C’era andata vicino nello slalom di sabato, nel quale si era piazzata quinta, e finalmente ieri Serena Viviani ha conquistato il primo podio della sua carriera nella Coppa Europa di sci alpino. Sulla pista di Vaujany (Francia) la slalomista delle Fiamme oro si è piazzata sul terzo gradino del podio, al termine di una gara in cui è stata premiata la sua regolarità di rendimento. Infatti nella prima manche la portacolori cremisi aveva chiuso in ottava posizione, a 1”21 dalla capolista, e anche nella seconda ha concluso con un ottimo crono, fermandosi a 1”66 dal miglior tempo e riuscendo a recuperare cinque posizioni nella classifica finale. Anzi, il risultato di Serena poteva anche essere migliore, perché l’azzurra si è piazzata alle spalle della slovena Andreja Slokar, prima classificata, e ad appena 4 centesimi dalla seconda posizione della tedesca Martina Ostler. Settimo posto per l’altra sciatrice delle Fiamme oro, Vivien Insam, che ha fatto registrare un ritardo di 2″97 dalla vincitrice. Grazie a questo risultato Serena Viviani sarà una delle sei azzurre protagoniste della tappa di Coppa del mondo che si svolgerà domani sulla pista Hermann Maier di Flachau (Austria) con il tradizionale slalom in notturna. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165ffc30ce9de62880135269

Violenza domestica: la Polizia interviene a Ragusa e Siena

Dopo l’ennesimo episodio di violenza nei confronti della convivente, un uomo è stato arrestato dai poliziotti del Commissariato di Comiso (Ragusa). La misura degli arresti è stata emessa a seguito di un’altra misura cautelare già in atto. L’indagato, non nuovo a simili comportamenti, dopo aver trascorso un periodo di custodia cautelare in carcere per fatti analoghi, era stato recentemente collocato agli arresti domiciliari grazie anche alla convivente che aveva manifestato la volontà di riaccoglierlo in casa. In particolare, la sera del 4 gennaio scorso, una volante era già intervenuta presso l’abitazione della donna, sempre per le percosse subite dall’uomo. In quell’occasione la vittima aveva riferito che anche la sera del 31 dicembre il suo compagno l’aveva aggredita con schiaffi e pugni. Ora a seguito dell’ultimo episodio, avvenuto la sera del 7 gennaio, per l’uomo sono scattate nuovamente le manette. Anche a Siena una donna dopo i continui maltrattamenti subiti ha denunciato il marito che è stato allontanato da casa con il divieto di avvicinamento ai familiari. La vittima, dopo anni di sottomissioni, violenze, atteggiamenti vessatori e denigratori da parte del convivente, ha trovato la forza di raccontare tutto ai poliziotti del Commissariato di Poggibonsi. A loro ha riferito dei continui maltrattamenti, di liti furibonde e lesioni causate da calci, pugni e dall’utilizzo di oggetti contundenti. Tutto ciò sopportato in silenzio per la dipendenza economica dal marito, per paura di ritorsioni fisiche e psicologiche e per proteggere il benessere psico-fisico del figlio. Dopo l’intervento della Polizia la vittima e il figlio minorenne hanno trovato rifugio presso un domicilio protetto. La Polizia di Stato, da sempre vicina alle persone più vulnerabili e indifese con campagne di sensibilizzazione e attività di prevenzione, invita le vittime di violenza a denunciare sempre i maltrattamenti subiti superando paure e diffidenze. La denuncia può essere fatta anche tramite l’App della Polizia di Stato “YouPol”, recentemente implementata per dare la possibilità di segnalare anche i reati di violenza domestica. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ff8446f649fa890914570

Vaccini: medici ed infermieri della Polizia di Stato in “campo” per la prevenzione

  Vaccinati questa mattina i sanitari della Polizia di Stato che operano nella Regione Lazio. L’immunizzazione fa parte della campagna di vaccinazione nazionale. In particolare, la collaborazione tra la Direzione centrale di sanità del Dipartimento della pubblica sicurezza e la Direzione sanitaria dell’Istituto Nazionale Malattie Infettive “Lazzaro Spallanzani” di Roma, ha permesso di organizzare una giornata di prevenzione in cui sono stati vaccinati 120 sanitari tra medici ed infermieri che, quotidianamente, si prendono cura degli operatori della Polizia di Stato, ma che sono anche a disposizione per coadiuvare i servizi sanitari territoriali nell’assistenza ai cittadini. Al termine della giornata di vaccinazione il capo della Polizia Franco Gabrielli, accompagnato dal direttore Centrale di Sanità Fabrizio Ciprani, si è recato presso l’ospedale per salutare e ringraziare il direttore sanitario Francesco Vaia, quale testimonianza del consolidato rapporto di stima e collaborazione tra le due realtà sanitarie. Successivamente, dopo il censimento in atto, sarà la volta di tutti gli operatori di Polizia che intendono sottoporsi alla vaccinazione, in base a quanto stabilito dal calendario del piano nazionale vaccinale. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ff6f25f7866c768489915

Un “Ponte della solidarietà” tra Pescara e Genova per i bimbi emopatici

Il ponte rappresenta lo sforzo per superare gli ostacoli e le barriere della natura e, a volte, testimonia l’ideale legame tra due comunità lontane ma unite dal comune impegno per una giusta causa: la solidarietà. Ed è proprio una solidale comunanza di intenti che collega, attraverso l’iniziativa benefica “Ponte della solidarietà”, presentata in una diretta web, due città come Pescara e Genova, che hanno tra i loro simboli più rappresentativi, rispettivamente, il Ponte del Mare e il nuovo Ponte San Giorgio. L’iniziativa della Polizia di Stato, che ha avuto come testimonial il volto familiare di Lorella Cuccarini, mira a fare da collegamento tra i bisogni delle famiglie appartenenti all’Associazione genitori bambini emopatici (Agbe), che offre sostegno alle famiglie con bambini ricoverati nei reparti di oncoematologia e chirurgia pediatrica dell’ospedale civile di Pescara, e i benefattori che, con le loro donazioni, permettono all’Associazione di operare. In particolare, alle famiglie provenienti da altre province, che hanno bisogno di un posto dove alloggiare per rimanere vicino ai bimbi ricoverati, l’Agbe mette a disposizione delle case alloggio a titolo gratuito. Già da qualche anno il Reparto volo della Polizia di Stato di Pescara è vicino e sostiene l’Associazione, e quando nella Questura si è saputo che l’Agbe stava realizzando una nuova struttura di accoglienza, il progetto solidale ha preso vita. Grazie alla generosità di una famiglia di imprenditori genovesi, che già in passato aveva collaborato con la Polizia di Stato per altre attività benefiche, la questura di Pescara ha acquistato gli arredi della nuova struttura, consentendo all’Associazione di accogliere le famiglie, permettendo loro di assistere i loro piccoli. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165ff6fc60927e7713149611