NEWS

Torino: presi due trafficanti di droga

Introducevano, in Italia e in altre città europee, grandi quantità di cocaina ed eroina provenienti dal Sud America, in particolare dal Brasile. Si tratta di una coppia di stranieri, lui nigeriano regolare nel nostro Paese, lei originaria della Malaysia, irregolare sul territorio italiano, arrestati a Torino e Venaria dagli agenti della Squadra mobile del capoluogo piemontese e del Servizio centrale operativo di Roma. People e Ruth, questi i nomi di battaglia dei due criminali, si avvalevano della collaborazione di un cittadino romeno, che aveva il ruolo di individuare altri suoi connazionali disposti ad effettuare, in cambio di denaro, il trasporto della droga dal Brasile in Europa, nascosta in ovuli da ingerire oppure in valigie con doppiofondo. Le informazioni che hanno dato impulso all’indagine italiana sono state fornite da un operatore sotto copertura della polizia romena, che ha accertato l’attività del suo connazionale collegato ai due arrestati. La droga arrivava a casa dei due indagati. Ruth si occupava della parte logistica e del pagamento delle spese di viaggio dei corrieri, mentre People si preoccupava di reclutare altri corrieri. Le indagini hanno accertato che uno dei corrieri romeni era stato arrestato nel 2011 all’aeroporto di San Paolo (Brasile), perché trovato in possesso di un chilo di cocaina. Un secondo corriere, di nazionalità spagnola, era finito in manette a Francoforte sul Meno perché trovato con un chilo di ovuli di eroina nell’intestino. Sergio Foffo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165cb85c188531f604230894

Viabilità: Pasqua e ponti di primavera in sicurezza

Le prossime festività pasquali danno l’inizio ad un periodo di quasi tre settimane di ponti feriali e giornate di festa. Questa condizione favorisce spostamenti e viaggi di un gran numero di persone che sceglie di passare le feste con amici o parenti, o visitare una città europea. Sempre attiva per il monitoraggio del traffico e per la risoluzione di eventuali gravi criticità nella circolazione, Viabilità Italia che è possibile consultare per gli aggiornamenti e per orientarsi prima di mettersi in viaggio.
All’interno della pagina è presente il calendario con le previsioni di maggior traffico rappresentato dai bollini dai colori diversi secondo l’intensità e integrato con le fasce orarie di divieto di circolazione per i mezzi pesanti. A vigilare come sempre la Polizia di Stato che mette in campo uomini e mezzi per garantire maggiormente la sicurezza su strade e autostrade, treni e stazioni ferroviarie e aeroporti. È stata potenziata la vigilanza sulle strade che risultano abituale itinerario durante gli spostamenti in auto di questi giorni e gli agenti della Polizia stradale avranno il compito di accertare il rispetto del codice della strada e di controllare la capacità fisica e psichica dei conducenti alla guida di veicoli in transito. Saranno attivi, inoltre, su strade e autostrade anche Autovelox e Tutor di cui è possibile consultare le postazioni. Anche la Polizia ferroviaria con un piano di vigilanza della rete ferroviaria per la Pasqua e di frontiera hanno intensificato la presenza incrementando i controlli in tutto il Paese nelle stazioni e negli scali aeroportuali. Per non avere brutte sorprese ricordiamo a tutti coloro che utilizzeranno il treno o gli aerei per i loro spostamenti, di prestare attenzione al proprio bagaglio, soprattutto durante le soste ed evitare di lasciare incustoditi i propri oggetti di valore. Innalzati, inoltre, tutti i livelli dei servizi di vigilanza delle Questure previsti nelle città, in particolare in quelle d’arte e nei luoghi turistici che generalmente vengono affollati da molte persone in questi giorni di festa. Olivia Petillo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155cb73a9f7c557642191930

Belluno: fermato giro di spaccio, tre arresti

Operazione antidroga della Squadra mobile di Belluno che ha arrestato tre stranieri che avevano creato una frequentatissima piazza di spaccio a pochi passi dal centro della città veneta. L’indagine, iniziata lo scorso gennaio a seguito di una segnalazione, ha permesso di scoprire il gruppo di stranieri incensurati, senegalesi e gambiani, richiedenti asilo ed ospiti presso strutture di accoglienza della provincia che avevano instaurato un lucroso giro di spaccio. Lungo il parco di Lambioi i poliziotti hanno documentato l’attività illecita dove sistematicamente i clienti, anche giovanissimi, sia di mattina che di pomeriggio arrivavano per rifornirsi di stupefacenti. I tre arrestati erano in grado di fornire eroina, cocaina e marijuana che nascondevano in un boschetto vigilato da vedette. Dalle intercettazioni, la località Lambioi era definita dagli indagati “il posto magico” e, per la sua posizione difficilmente raggiungibile; per questo la zona era ritenuta “sicura” da eventuali controlli a sorpresa delle Forze dell’ordine e gli acquirenti potevano consumare anche sul posto la droga acquistata. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cb711a92bb73227273150

Pescara: con i fucili dentro la gioielleria, arrestati due rapinatori

Avevano assaltato una gioielleria a Pescara, con i fucili, nel periodo natalizio sfondando una vetrina e prendendo orologi per un valore di circa 100 mila euro. Oggi due componenti del commando sono stati arrestati. Il provvedimento si è reso necessario perché gli investigatori che avevano identificato due dei quattro rapinatori e li tenevano sotto controllo, hanno avuto la certezza che stavano per compiere un’altra rapina. All’epoca i quattro erano arrivati in pieno centro a Pescara a bordo di due moto. Poi uno dei rapinatori, vestito da donna, si era fatto aprire dal gioielliere fingendosi una cliente; appena dentro aveva minacciato il titolare, una commessa ed un cliente, con un fucile consentendo l’ingresso di altri due complici. Un quarto uomo era rimasto all’esterno con funzioni di palo. Compiuta la rapina i quattro erano scappati con le moto ritrovate carbonizzate poco distante. Grazie alle intercettazioni gli investigatori della squadra mobile hanno anche accertato che i due sempre a dicembre, avevano aggredito con una mazza da baseball un tossicodipendente. I due arrestati inoltre si erano resi responsabili dell’aggressione ad un giornalista Rai, nel febbraio scorso, durante un servizio televisivo per il programma “Popolo sovrano”, nel quartiere “Rancitelli”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/225cb6e81bc3702079582295

Si addestravano per compiere attentati: 2 arresti a Palermo

Si sono addestrati per mesi per compiere attentati terroristici, allenandosi all’uso delle armi, al sabotaggio dei servizi pubblici essenziali e per raggiungere una preparazione fisica e militare idonea a combattere a fianco dei miliziani dell’Isis in Siria. Per questo motivo sono stati arrestati due uomini dalla Digos di Palermo, un 25enne palermitano residente a di Bernareggio (Monza e Brianza) e un marocchino di 18 anni che vive a Cerano (Novara). Sono accusati, a vario titolo, di reati di istigazione a delinquere. In particolare divulgavano attraverso i social network, materiale dell’estremismo jihadista e soprattutto dello Stato Islamico (Daesh). Si tratta di istruzioni, mappe, vessilli, testi di discorsi estremisti con il simbolo dell’Isis, foto e video con scene e canti di guerra, immagini di guerriglieri, video di esplosioni e di combattimenti. Sulla Rete i due studiavano anche tecniche di guerriglia e scaricavano notizie su come compiere azioni kamikaze. Dall’indagine, ribattezzata “Jannah”, paradiso in lingua araba, emerge che fu il marocchino a convincere il palermitano a forme estreme di radicalizzazione e a istigarlo ad addestrarsi per andare a combattere nei territori occupati dall’Isis a sostegno dei miliziani jihadisti. Il processo di radicalizzazione dell’italiano è iniziato nel 2017 quando ha cominciato a frequentare un luogo di culto islamico della provincia di Palermo. Successivamente, dopo aver conseguito l’abilitazione alla conduzione di mezzi pesanti, si è trasferito per motivi di lavoro, nelle zone del Nord Italia, dove ha accresciuto il suo livello di radicalizzazione, frequentando assiduamente luoghi di culto della provincia di Monza-Brianza ed intensificando le relazioni di amicizia con il 18enne e altri italiani convertiti alla fede islamica. L’arresto dell’italiano è stato eseguito nella provincia di Monza Brianza dagli agenti della Digos palermitana con l’ausilio dei colleghi della Digos di quel capoluogo. Il marocchino invece è stato arrestato nella provincia di Novara sempre dai poliziotti palermitani, questa volta con la collaborazione dei colleghi della città piemontese. Donatella Fioroni leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135cb6d8a26655d679831900

Monza: reati e violenze per affermarsi, arrestati sei giovani

Arrestati a Monza sei giovani che ispirandosi al videogioco GTA, si sono resi responsabili di un tentato omicidio e di dieci rapine aggravate, oltre ai delitti di lesioni, furto, minacce gravi e spaccio di stupefacenti. GTA (Grand Theft Auto) è un videogioco d’azione con trame violente in cui i protagonisti partendo dal furto d’auto devono gestire una gang e contendersi la città con missioni violente contro le bande rivali. Il gruppo, composto da maggiorenni e minorenni, noto in città come la “compagnia del Centro” o “compagnia del Ponte”, commetteva reati nei confronti di giovani vittime sfruttando la forza intimidatrice del branco, a volte sufficiente da sola a far desistere il malcapitato da ogni tentativo di resistenza. Le indagini della Squadra mobile, hanno evidenziato inoltre come gli arrestati agivano anche solo per imporre il proprio controllo sul centro di Monza; infatti sono stati documentati alcuni episodi di semplici aggressioni, senza sottrazione di beni, spesso accompagnate da frasi come “questa è la nostra zona”. Nelle perquisizioni, svolte in collaborazione con il Reparto prevenzione crimine Lombardia e con l’ausilio di squadre cinofile e della Polizia scientifica, sono stati sequestrati telefoni cellulari ed altri oggetti personali degli indagati, utili per lo sviluppo delle indagini. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cb6ee5e63ab5951906827

Mondiali di scherma under 20: per le Fiamme oro 3 argenti e 2 bronzi

È stata un’edizione da record per l’Italia quella dei Campionati del mondo cadetti e giovani di scherma da poco conclusi a Torun (Polonia). Gli atleti azzurri hanno conquistato 18 medaglie, nuovo record per questa manifestazione, con quattro ori, sei argenti e otto bronzi, che hanno portato l’Italia alla vittoria della classifica per nazioni, nonché al secondo posto nel medagliere iridato. Ottimo il contributo dei portacolori delle Fiamme oro, che sono saliti cinque volte sul podio degli under 20 vincendo tre medaglie d’argento e due di bronzo. Nel fioretto femminile è stata Martina Favaretto a mettersi al collo l’argento, confermando il risultato ottenuto nella scorsa edizione a Verona. Grazie a questo risultato la giovane portacolori cremisi si è assicurata la vittoria nella classifica finale della Coppa del mondo di specialità per il secondo anno consecutivo. Prima di essere fermata in finale dalla statunitense Lauren Scruggs (15-13), Martina aveva vinto il derby azzurro contro Marta Ricci (15-3) e poi in semifinale aveva superato la sudcoreana Park Jihee (15-14). In precedenza aveva sconfitto la francese Eva Lacheray (15-6), l’egiziana Yara Elsharkawy (15-4) e la tedesca Sophia Werner (15-6). Gli altri due argenti sono arrivati dalla spada con Gaia Traditi e Davide Di Veroli. Per Gaia è stato l’esordio in un mondiale under 20, sugellato con una grande prestazione e un ottimo risultato. L’atleta cremisi è stata superata nel derby di finale dall’azzurra Federica Isola, ma in precedenza aveva sconfitto la statunitense Greta Candreva (15-10), l’azzurra Beatrice Cagnin (15-12), la russa Anastasia Soldatova (15-11), la coreana Kim Chearin (15-14), la polacca Zofia Janelli (15-6). Un po’ di amaro in bocca anche per Davide Di Veroli, che ha visto sfumare l’oro mondiale a favore del francese Arthur Philippe. Nonostante l’ottima prestazione l’atleta delle Fiamme oro non ha potuto rendere al cento per cento a causa di un infortunio riportato nel quarto di finale. Dopo una bella rimonta che, dopo un iniziale svantaggio, lo ha riportato in parità sul 13-13, l’azzurro ha subito due stoccate che hanno decretato la vittoria del francese per 15-13. Per arrivare a contendersi l’oro Davide aveva superato in semifinale l’altro portacolori delle Fiamme oro Gianpaolo Buzzacchino (15-10), che comunque conquistava la medaglia di bronzo. In precedenza Di Veroli aveva battuto il sudcoreano An Taeyeong (15-12), il romeno Oroian (13-9), l’ungherese Andrasfi (15-11) e il kuwaitiano Alfadhli (15-5). L’ultimo podio cremisi è stato quello di Tommaso Marini, che si è messo al collo il bronzo con la squadra di fioretto maschile insieme agli azzurri Pietro Velluti, Alessandro Stella e Alessio Di Tommaso. Nella finale per il terzo posto il team azzurro è stato letteralmente trascinato sul podio dal fiorettista delle Fiamme oro che ha prima recuperato il vantaggio di 25-12 accumulato dagli statunitensi, terminando il suo assalto avanti di un punto (30-29), e poi ha sancito la vittoria finale nell’ultimo assalto salendo in pedana con gli Stati Uniti in vantaggio per 37-35. Il fiorettista cremisi è stato ancora una volta decisivo e, piazzando una stoccata dietro l’altra, ha concluso la prova sul leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165cb60aeb38e79272008096

Roma: musica e solidarietà per i piccoli pazienti dell’Umberto I

Musica, tanta cioccolata e anche il diploma di “sentinelle del web”. È stato il programma di questa mattina per i piccoli pazienti ricoverati al Reparto di Oncologia Pediatrica del Policlinico Umberto I di Roma. I poliziotti della Postale, da sempre a fianco delle nuove generazioni per un utilizzo sicuro, consapevole e responsabile di Internet e dei social network, oggi hanno incontrato adolescenti e ragazzi ricoverati che usano la Rete come maggiore forma di socializzazione. I piccoli internauti si sono confrontati con gli agenti della Polizia postale sia sulle opportunità della rete Internet, sia sui potenziali rischi di una navigazione inconsapevole. Al termine dell’incontro ai bambini è stato rilasciato il diploma di “sentinelle del web” e, sulle note della Banda musicale della Polizia di Stato, hanno ricevuto doni e uova pasquali. Inoltre con l’occasione, la Polizia postale e delle comunicazioni, ha donato 2 postazioni Internet complete di accessori e software per una navigazione sicura dei minori, installate nell’aula scolastica a piano terra e nella sala giochi al 1° piano del reparto oncologico pediatrico dell’Ospedale. L’iniziativa è stata realizzata con la collaborazione di Perugina e Nexi che hanno fornito i doni e le apparecchiature tecnologiche. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135cb5a7bee0489511975542

Reggio Calabria: stupro di gruppo nella notte di san Lorenzo, arrestati gli autori

La notte di san Lorenzo dello scorso anno a Reggio Calabria, durante una festa in una discoteca a ridosso di una spiaggia, tre ragazzi abusarono a turno di una giovane appena diciottenne. Questa mattina a conclusione dell’indagine, coordinata dalla procura della Repubblica di Reggio Calabria, gli uomini della Squadra mobile hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di tre ragazzi ritenuti responsabili di violenza sessuale di gruppo. Dalla ricostruzione degli eventi, fatta dagli investigatori è emerso che i tre ragazzi, approfittando dello stato di ebrezza della diciottenne abusarono di lei a turno sulla spiaggia libera vicina alla discoteca.
Alcuni passanti, dopo aver prestato i primi soccorsi alla giovane donna, avevano dato l’allarme ai poliziotti in servizio di ordine pubblico. La giovane condotta in ospedale da un’ambulanza veniva sottoposta al protocollo sanitario previsto per le vittime di violenza sessuale. Intercettazioni telefoniche ed ambientali, monitoraggio dei sistemi di videosorveglianza, dichiarazioni rese da persone informate sui fatti e l’analisi dei medici specializzati dei profili genetici (DNA), hanno permesso agli investigatori di confermare l’identità degli autori che sono accusati anche di atti osceni, avendo compiuto lo stupro sulla spiaggia libera nelle immediate vicinanze del locale pubblico, frequentato anche da ragazzi minorenni. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155cb5a457ead12182276419

Chieti: operazione antidroga in Abruzzo, 17 arresti

Arrestate, questa mattina, 17 persone dalla Squadra mobile di Chieti a conclusione di un’operazione antidroga. Si tratta di componenti di un’organizzazione criminale, capeggiata da albanesi, che gestivano il traffico di droga sull’intera fascia costiera abruzzese e in altre province fuori regione. Il gruppo, con base logistica nella provincia teatina, aveva organizzato una rete capillare di spaccio soprattutto nelle province di Chieti, Pescara e Teramo. Nel corso delle indagini sono state inoltre arrestate 25 persone in flagranza di reato per detenzione a fine di spaccio di sostanza stupefacente e indagate altre 57; considerevoli sono stati i sequestri di droga: 300 chili di marijuana del tipo “orange”, 90 chili di hashish, un chilo di cocaina, che sul mercato al dettaglio avrebbe fruttato circa 6 milioni di euro. Durante l’attività investigativa i poliziotti sono dovuti intervenire per scongiurare un’azione punitiva con l’uso di armi da fuoco sequestrando ad un albanese una pistola e un fucile a canne mozze. Dall’indagine, Inoltre, è emerso che gli arrestati, per procurarsi il denaro per l’acquisto dello stupefacente, ricorrevano anche a furti e rapine. In una circostanza, gli agenti sventavano una rapina progettata in danno di una farmacia del teramano, sequestrando una pistola ad aria compressa modificata e un passamontagna. Per l’operazione di oggi sono stati impiegati 200 uomini che, oltre agli arresti, hanno eseguito anche 27 perquisizioni a carico di indagati nelle province di Chieti, Pescara, Teramo, L’Aquila, Varese, Milano e Roma. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cb5a950be177633851885