NOTIZIE

I video delle celebrazioni per il 169° Anniversario della Polizia

In questa pagina sono raccolti i video realizzati in occasione delle celebrazioni per il 169° Anniversario della fondazione della Polizia. Il video celebrativo del 169° Anniversario La Polizia di Stato monta la Guardia d’onore al Quirinale L’incontro tra il presidente della Repubblica e il capo della Polizia            
  leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/166067439a7a2de317059069

169° Anniversario della fondazione della Polizia

  Il messaggio del presidente della Repubblica Il messaggio del ministro dell’Interno Il messaggio del capo della Polizia
    Gli articoli   Gli articoli del 169° Anniversario della fondazione della Polizia     Le foto   La celebrazione del 169° Anniversario raccontata attraverso le foto     I video   I video degli eventi legati all’Anniversario della fondazione leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1660671a74405e6131291952

L’attività della Polizia nel 2020: i numeri

Anche quest’anno, in occasione del 169° Anniversario della fondazione della Polizia, viene presentato un Compendio dove sono raccolti i dati più rilevanti dell’attività svolta dalle 97.918 donne e uomini della Polizia di Stato durante il 2020. Al “compleanno” della Polizia quest’anno si aggiunge anche quello dei 40 anni dalla riforma con la Legge 121 del 1° aprile del 1981 che ha modificato profondamente la nostra Amministrazione, ridisegnandola moderna e a forte identità civile. In un anno fortemente segnato dalla pandemia da Covid 19 è stato fondamentale il “controllo del territorio”, attraverso il quale, i 19.373 poliziotti impiegati hanno risposto alle richieste di soccorso dei cittadini, che nell’anno trascorso sono state 4.894.766. Una vasta mole di chiamate al numero unico di emergenza, che si è tradotto in 847.987 interventi da parte degli operatori di Volante, presenti sul territorio nazionale con 2.952 pattuglie di media al giorno. Nell’arco dell’anno sono stati arrestati 38 latitanti, uno dei quali inserito nell’elenco dei latitanti di massima pericolosità; le indagini contro la criminalità mafiosa hanno riguardato 849 persone; è da sottolineare il particolare interesse rivolto ai patrimoni illeciti: sequestrati e confiscati beni per un valore complessivo stimato in 30 milioni di euro. Per quanto riguarda l’azione di contrasto al traffico di stupefacenti, l’attività ha consentito l’arresto di 792 persone nel corso delle varie operazioni antidroga e il sequestro di oltre 7.580 chili di stupefacenti. La Polizia stradale ha fornito il proprio contributo attraverso le attività di prevenzione e sicurezza di strade e autostrade con 472.345 pattuglie che hanno contestato 2.047.061 violazioni al Codice della strada. Sono stati effettuati 1.288.428 controlli con etilometri e precursori, 17.368 le sanzioni elevate per guida in stato di ebbrezza e 1.362 le denunce per guida sotto l’effetto di stupefacenti. La lotta al terrorismo internazionale nel 2020 ha permesso alla Polizia di Stato di arrestare 7 persone vicine agli ambienti del terrorismo di matrice religiosa e di allontanare dal nostro Paese 59 persone ritenute pericolose per la sicurezza nazionale. Per quanto riguarda il contrasto dei reati contro la persona perpetrati sulla Rete, sono stati trattati 1.772 casi, arrestate 10 persone e indagati 378 soggetti responsabili di aver commesso estorsioni a sfondo sessuale, stalking, molestie, minacce e ingiurie. In relazione al reato di diffamazione on line sono stati trattati 2.227 casi e indagate 901 persone. Risulta in costante aumento l’attività di contrasto al revenge porn, con 126 casi trattati e 59 indagati. La Polizia ferroviaria, oltre agli ordinari servizi di vigilanza, controllo e repressione dei reati, nelle stazioni e a bordo dei treni, nella sua caratteristica attività di prossimità, ha salvato 458 persone colte da malore e 93 con intenti suicidi e ha rintracciato 624 persone scomparse, di cui 541 minori. Durante l’anno è stato inoltre fondamentale il supporto della Direzione centrale di sanità che ha distribuito su tutto il territorio nazionale 15.684.250 Dpi e materiale igienico sanitario necessari per le misure di profilassi adeguate a far conciliare la protezione degli operatori con le esigenze dei servizi di Polizia. Non solo, con dedizione leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1660673b4b018d1562449366

Cagliari: sorpresi con 20 chili di droga in un borsone, arrestati

  Trasportava 20 chili di cocaina purissima con un Tir proveniente da Livorno e sbarcato da poche ore nel porto di Olbia. La droga era custodita dentro un borsone che l’autotrasportatore ha consegnato a un pregiudicato cagliaritano.
La merce è stata intercettata, in un quartiere periferico di Cagliari, dalla Squadra mobile del Capoluogo che ha arrestato i due uomini, un 40enne cagliaritano e un 42enne residente a Torino ma originario della Sardegna. La droga una volta “tagliata” e suddivisa in dosi, avrebbe avuto un valore di mercato di oltre sette milioni di euro. Gli agenti seguivano già da alcuni giorni i movimenti del 40enne cagliaritano pregiudicato che ieri pomeriggio ha raggiunto la zona industriale di “Macchiareddu” a Cagliari per recuperare la droga arrivata in Sardegna qualche ora prima. Gli investigatori hanno assistito alla consegna della borsa avvolta in una coperta all’interno della quale c’era la cocaina, suddivisa in panetti, e allo scambio di ventimila euro in contanti, quale compenso per l’autotrasportatore. I due arrestati sono indagati per traffico di stupefacenti. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1560701ac8074d4432325530

Il presidente della Repubblica Mattarella incontra la Polizia di Stato

Si è tenuto questa mattina il tradizionale incontro tra il capo della Polizia e il presidente della Repubblica (foto), in concomitanza con le celebrazioni dell’Anniversario della fondazione della Polizia che ricorre domani, 10 aprile. Il presidente Sergio Mattarella ha ricevuto, nel rispetto delle norme di contenimento della pandemia, il direttore generale della Pubblica Sicurezza Lamberto Giannini insieme ai tre vice capo della Polizia Maria Luisa Pellizzari, Maria Teresa Sempreviva e Vittorio Rizzi. Presenti all’incontro tutti i direttori centrali del Dipartimento della pubblica sicurezza ed una rappresentanza di poliziotte e poliziotti. Nel corso del suo intervento il prefetto Giannini ha ricordato come nell’anno trascorso “Nel pieno dell’emergenza epidemiologica abbiamo affrontato le sfide che la stessa ha determinato. Le donne e gli uomini della Polizia di Stato non si sono risparmiati, operando con dedizione e spirito di sacrificio, svolgendo una efficace azione a tutela della sicurezza nazionale”. Il capo della Polizia ha poi proseguito ricordando il sacrificio di quanti sono caduti nell’adempiere alla missione che ogni poliziotto è chiamato a svolgere “Una missione valorizzata proprio da quella legge 121 – di cui in questi giorni si celebra il quarantennale – che ha “disegnato” la nuova architettura dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza” espressione del pluralismo delle Forze di Polizia che trova nel loro coordinamento il vero punto di forza”.  “Noi siamo e saremo – ha affermato il direttore generale della Pubblica Sicurezza- dove le nostre comunità ci vogliono vedere, tra la gente, là dove si esprime il nostro spirito di servizio per il quale tanti colleghi hanno sacrificato finanche la vita”. “È di grande significato – ha poi concluso Giannini – il fatto che Lei Signor presidente della Repubblica, nel conferire alla bandiera della Polizia di Stato la medaglia d’oro al merito civile, abbia inteso richiamare ‘l’alto magistero affidato alle Autorità provinciali di pubblica sicurezza preposte al coordinamento tecnico operativo dei servizi di ordine e sicurezza pubblica’, riconoscendo in tal senso la straordinaria importanza delle funzioni svolte dai Questori della Repubblica nei territori di competenza. È lì, nelle città, nelle piazze, nelle strade del nostro Paese che la Polizia di Stato, insieme alle altre Forze dell’ordine, è chiamata a farsi interprete delle esigenze quotidiane espresse dalla collettività”. Al termine del suo intervento, il capo della Polizia ha consegnato al Presidente un cofanetto contenente il libro “La riforma dell’Amministrazione della Pubblica Sicurezza – Esserci sempre al servizio del bene comune” che celebra il quarantennale della legge 121 del 1981, una medaglia in argento commemorativa ed un foglio erinnofilo dedicati all’evento che ricorre proprio in questi giorni. Il capo dello Stato, nel suo intervento conclusivo, ha evidenziato che i cittadini “Avvertono, nei confronti della Polizia di Stato, la fiducia e l’affidamento. Sentimenti intensificati in questo periodo di emergenza sanitaria, durante la quale la Polizia di Stato si è prodigata con impegno e abnegazione, pagando un prezzo alto, 14 vittime e 10 mila contagiati”. Ciò è dovuto “Al fatto di essere in prima linea nel garantire ai nostri concittadini la sicurezza e l’assistenza necessaria”. Mattarella ha proseguito leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/2260701c7f634f8204255208

Europei di pesistica: Nino Pizzolato vince l’oro, Alessia Durante è argento

Sulle pedane di Mosca le Fiamme oro hanno dato spettacolo, portando a casa il titolo continentale con Nino Pizzolato e quello di vice campionessa europea con Alessia Durante. Di questo Campionato europeo sarà ricordata l’emozionante e avvincente battaglia per la vittoria finale avvenuta  nella categoria 81 chilogrammi grazie a due grandi atleti che si sono espressi su livelli altissimi. Alla fine l’ha spuntata il nostro Nino Pizzolato che, con sei alzate valide su sei, ha risposto colpo su colpo agli attacchi del 16enne bulgaro Karlos Nasar. La sfida è iniziata nello strappo, con l’atleta delle Fiamme oro che è entrato in gara con 159 chili, sollevando poi 162 e 164, che è anche il nuovo record italiano della categoria. Nasar, dopo aver sollevato 158 e fallito i 162, si è fermato a 163. Quindi oro per Pizzolato e argento per Nasa. Un chilo che alla fine sarà determinante per la conquista del titolo europeo. Nello slancio Nasar è partito forte a 194 chili, ma Nino ha risposto con 195, entrambi senza errori. Per la seconda alzata il bulgaro ha chiesto e sollevato i 200 chili, e la stessa cosa ha fatto Pizzolato. Per la terza alzata, quella decisiva, Naser ha superato con successo i 206 chili, appena uno sotto il record del mondo. Il campione cremisi non si è tirato indietro, per vincere l’oro doveva fare la stessa cosa. Nel silenzio assordante dell’impianto moscovita, Nino ha trovato la massima concentrazione e raccolto tutte le sue forze, realizzando il l’alzata capolavoro che gli ha consegnato, per la seconda volta consecutiva, il titolo continentale e il record italiano. Quindi alla fine argento nello slancio e splendida medaglia d’oro nel totale con 370 chilogrammi, nuovo record europeo. “Ancora non so come sono riuscito a sollevare 206 kg – ha detto Nino dopo la gara – non era scritto da nessuna parte che riuscissi a farli. Invece li ho provati per la prima volta e li ho fatti, è stata una magia e una bellissima lotta. In gara non vince il più forte, ma chi è più testardo, e oggi lo sono stato io. Ma ce l’abbiamo fatta, uniti, tutti insieme, come una grande squadra. Oggi ho raccolto i frutti del mio lavoro ma quello migliore deve ancora arrivare. Non è ancora uscito il ranking ufficiale ma con i 370 chili direi che abbiamo chiuso la parentesi qualificazione per Tokyo. Ora ci aspettano mesi lunghi e tosti per andare a lottare con i grandi big del mondo in quella pedana olimpica che aspetto dal 2016”. Della categoria 71 chili femminile è arrivato l’argento vinto dalla portacolori delle Fiamme oro Alessia Durante. Anche lei ha realizzato un percorso netto, con sei alzate valide su sei. La pesista cremisi ha confermato il suo ottimo stato di forma e, dopo i recenti titoli italiani conquistati nello strappo e nello slancio, ha alzato notevolmente l’asticella andandosi a prendere l’argento continentale con un totale di 219 chilogrammi sollevati. Nello strappo Alessia è entrata in gara con 93 chili, poi leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/16606ed4ba17418543885144

Roma: insulti razziali e coltellate, arrestato un rider

Prima le offese a sfondo razzista contro alcuni suoi colleghi rider, in particolare nei confronti di extracomunitari e persone di religione ebraica, poi l’aggressione a colpi di coltello. Questa mattina la Digos della questura di Roma ha arrestato l’autore della violenta aggressione, si tratta di un 51enne di professione rider, proprio come il 59enne contro cui si è accanito. I fatti risalgono al 21 marzo scorso, quando un gruppo di fattorini in bicicletta era in coda davanti al McDonald’s di via Appia Nuova, in attesa di ritirare il cibo  da consegnare a domicilio. Ad un certo punto uno di loro inizia ad insultare pesantemente alcuni suoi colleghi, suscitando il risentimento del 59enne, di religione ebraica e figlio di un deportato al campo di concentramento di Mauthausen; l’uomo ha protestato per le parole razziste dette dal collega che a sua volta ha reagito tirando fuori il coltello con il quale lo ha colpito al volto, alla testa e all’inguine. Subito dopo l’aggressore ha ripreso la sua bici e si è dileguato. Sull’accaduto ha iniziato ad indagare la Digos che ha ascoltato le testimonianze della vittima e dei presenti, e analizzato le immagini registrate dalle telecamere di videosorveglianza installate nella zona. In questo modo gli investigatori hanno ricostruito la dinamica dei fatti e, dopo aver eseguito accertamenti presso la società di food delivery per la quale lavorava l’aggressore, sono riusciti ad identificarlo. Si tratta di un italiano con piccoli precedenti, e nella sua abitazione i poliziotti hanno trovato anche l’arma utilizzata per l’aggressione. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/16606dc07140f88723606257

Postale: progettava sul Dark web un attentato con l’acido, arrestato

  Ha progettato sul Dark web un attentato con l’acido nei confronti della sua ex fidanzata colpevole di non voler proseguire la relazione sentimentale.
L’uomo, un 40enne residente in Lombardia, esperto informatico e funzionario di una grande azienda, è stato raggiunto da un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Roma per atti persecutori nei confronti della giovane. L’indagine, portata a termine dalla Polizia postale e dalla Squadra mobile di Roma, è stata condotta su diversi piani operativi, reali e virtuali; gli investigatori sono riusciti ad individuare tempestivamente e a fermare il mandante di un grave delitto di violenza di genere. Il piano diabolico è stato “intercettato” sul Dark web dalla Polizia di un Paese europeo che ha immediatamente avvisato l’Interpol che a sua volta ha avvisato la Polizia italiana. Dalle indagini è emerso che l’uomo aveva progettato nei minimi particolari l’attentato: mascherando la propria identità il mandante aveva chiesto ad un “intermediario” l’ingaggio di un sicario, affinché una donna, in Italia, fosse sfregiata con l’acido e costretta su una sedia a rotelle; per questa prestazione l’uomo aveva già effettuato il primo di alcuni pagamenti in Bitcoin, per cui l’intermediario lo aveva messo in contatto con il sicario che si impegnava a portare a compimento l’incarico in breve tempo. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/15606d81b6d639f880431684

Lega B e Polizia: firmato un progetto contro le scommesse illecite

Si rafforza la collaborazione fra la Polizia di Stato e Lega Serie B sul fronte del contrasto alle scommesse sportive illecite nel mondo del calcio, con un nuovo progetto che si aggiunge a quelli già portati avanti negli ultimi anni, nel rispetto delle esigenze di sicurezza imposte dall’emergenza Covid. L’Unità informativa scommesse sportive, presieduta dal vice direttore generale della Pubblica Sicurezza – direttore centrale della Polizia criminale Vittorio Rizzi, e la Lega Serie B con il presidente Mauro Balata, hanno previsto l’utilizzo della piattaforma telematica per una serie di lezioni formative e informative sul rischio match fixing (partite truccate), aperte ai club della Serie BKT.  L’obiettivo è quello di far crescere la consapevolezza sul fenomeno illecito delle partite truccate e delle scommesse illegali che non vanno solo ad alterare i risultati delle competizioni, ma a minare profondamente l’integrità dei valori sportivi e la fiducia nello sport delle giovani generazioni. Il gruppo investigativo scommesse sportive, composto da specialisti di Polizia di Stato, Arma dei carabinieri e Guardia di finanza e guidato da Stefano Delfini, direttore del Servizio analisi criminale, fornirà supporto al progetto. Così facendo il rapporto costante con le istituzioni sportive permetterà di intercettare sul nascere i segnali negativi soprattutto tra i giovani, rispetto ai quali è più marcato il rischio di devianza in questo periodo di emergenza sanitaria. D’altra parte la Lega Serie B prosegue l’impegno per rafforzare i presidi per la prevenzione di situazioni illecite e creare i presupposti affinché l’esito del Campionato sia determinato esclusivamente dalle capacità sportive dei club. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/13606d62cc1a2c1887461129

Ferroviaria: controlli intensificati per le festività pasquali

Anche se si è trattato di un periodo festivo anomalo, la Polizia ferroviaria ha effettuato numerosi controlli nelle principali stazioni ferroviarie. Le oltre 7 mila pattuglie impegnate nelle stazioni e circa mille lungo le linee ferroviarie hanno controllato 142.215 persone di cui 26 sono state arrestate e 264 indagate, 50 cittadini stranieri sorpresi in posizione irregolare, e 23 minori non accompagnati che sono stati riaffidati alle famiglie o alle comunità. Il 24 e 25 marzo si è svolta la 21^ edizione di 24Blue Rail Action Day, due giorni di azione comune, organizzata dal network di Polizie ferroviarie europee Railpol per contrastare i fenomeni criminosi maggiormente diffusi in ambito ferroviario. L’attività della Polizia ferroviaria sul territorio italiano ha visto l’impiego di 1.656 operatori. Nella circostanza sono state presenziate 542 stazioni e 1.803 treni; circa 16 mila persone controllate nel corso delle due giornate. Controlli intensificati anche grazie all’operazione straordinaria “Stazioni Sicure”, mirata al controllo di bagagli e passeggeri, che ha visto impegnati lo scorso 1° aprile, in tutte le principali stazioni italiane, 1.395 operatori della Ferroviaria, con 15.798 persone controllate e  2.370 bagagli ispezionati. In particolare a Milano gli agenti della Polizia ferroviaria hanno arrestato un cittadino peruviano di 26 anni, ricercato per aver commesso numerosi reati tra cui rapina e lesioni aggravate. L’uomo è stato fermato presso la stazione perché camminava in atteggiamento sospetto. A Parma in stazione è stata arrestata una 24enne responsabile del furto di una borsa. L’autrice del furto ha approfittato della sosta di un treno regionale in partenza, per salire a bordo del convoglio e appropriarsi della borsa di una viaggiatrice. La vittima, accortasi del furto, si è posta all’inseguimento della ladra, aiutata da un ferroviere e da un passante. Gli agenti, attirati dalle grida, hanno bloccato l’autrice del furto e recuperato la refurtiva che è stata poi riconsegnata alla legittima proprietaria. Storia a lieto fine quella che ha visto protagonista un bambino di 8 anni ed il suo papà che, dopo essere salito con il figlioletto a bordo di un treno regionale in partenza dalla stazione di Modena per Carpi, si è accorto di non avere i biglietti ed è corso per comperarli ma non ha fatto in tempo a tornare e il treno è partito con il bimbo a bordo. Nel frattempo il capotreno, che aveva notato la presenza del piccolo da solo, aveva già informato il Centro operativo compartimentale della Polizia ferroviaria dell’Emilia Romagna che, insieme alla questura di Modena e al commissariato di Carpi, ha provveduto a far arrivare due volanti, una nella stazione del capoluogo per rassicurare il padre ed un’altra in quella di Carpi per prendere in consegna il minore. Il papà, ripreso il primo treno per Carpi, ha così raggiunto gli uffici di Polizia dove ha potuto finalmente riabbracciare il figlio. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/13606c78661d56e375409089