NOTIZIE

Solidarietà e divertimento al museo delle Auto

Regalare un giorno di serenità e svago a 15 bambini affetti da malattie croniche debilitanti è lo scopo della Polizia di Stato e della fondazione israeliana “Simchà Layeled” che hanno organizzato stamattina una giornata insieme ai poliziotti. La fondazione no-profit nata nel 2004 e il cui nome tradotto in italiano significa “Gioia al bambino”, con un gruppo di oltre mille volontari assiste oggi più di 100 mila bambini tra ospedalizzati e non e li aiuta a perseguire i loro sogni e le loro aspirazioni. I 15 bambini sono stati accolti dal direttore dell’Ufficio centrale ispettivo Carmelo Gugliotta insieme all’ambasciatore d’Israele in Italia, Ofer Sachs al museo delle Auto della Polizia di Stato, a Roma. Un tour pensato per loro ripercorrendo la storia della Polizia di Stato attraverso più di settanta esemplari, inclusi moto, scooter, bici e addirittura un “gatto delle nevi”. Tra questi spiccano la mitica “Pantera” del maresciallo Armando Spadafora ed una Ferrari 250 Gte nera del 62, unica al mondo tra i corpi di Polizia.
A seguire i piccoli ospiti hanno visitato il reparto a cavallo e successivamente hanno anche assistito ad un’esibizione da parte dei cani del reparto cinofili. Una mattinata all’insegna della solidarietà ma anche del divertimento a testimonianza di quella prossimità che è parte integrante dell’attività quotidiana di ciascun poliziotto. Donatella Fioroni leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135ccffc6a5e3dc024061328

Siracusa: rapinatore catturato in Germania

Catturato in Germania l’autore di una rapina particolarmente violenta commessa nel 2016 a Siracusa. Il criminale, insieme ad altri tre complici già finiti in carcere, con il volto nascosto e armato di pistola, aveva fatto irruzione in una gioielleria: il gioielliere era stato minacciato con l´arma, malmenato con calci e pugni e colpito con il calcio della pistola. I rapinatori si erano poi dati alla fuga con i gioielli per un valore di circa 74 mila euro. Durante l´attività investigativa i poliziotti hanno scoperto anche l’implicazione del latitante nell´acquisto, nel trasporto e nello spaccio di marijuana e cocaina. L’arresto del latitante ad Amburgo, individuato nella città tedesca attraverso il monitoraggio di persone vicine al latitante e a un lavoro di analisi delle fonti aperte, è avvenuto grazie alla collaborazione con la polizia tedesca nell´ambito del progetto denominato Wanted 3, promosso dal Servizio centrale operativo. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ccd6f57b4cbd346038697

Operazione di Polizia nei clan D´Amico-Mazzarella e Formicola a Napoli

Si sono concluse, questa mattina, due operazioni di Polizia condotte dalla Squadra mobile partenopea insieme ai Carabinieri nel quartiere di San Giovanni a Teduccio. La prima con il fermo di 6 esponenti del clan D´Amico-Mazzarella per il recente omicidio di Luigi Mignano e la seconda con l’esecuzione di un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 4 persone appartenenti al clan dei Formicola, per gli omicidi dei fratelli Petriccione. L’omicidio di Luigi Mignano è avvenuto lo scorso 9 aprile davanti alla scuola del nipotino di 4 anni, mentre gli omicidi dei fratelli Massimo e Salvatore Petriccione sono avvenuti il 29 giugno 2002 e l´8 marzo 2004. A carico di tutti gli arrestati sono stati raccolti gravi indizi di colpevolezza che hanno consentito all´Autorità giudiziaria di emettere i due provvedimenti. Tutta l’operazione è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155ccd6edfe3ae3708060206

Polizia ferroviaria: prevenzione e arresti durante il ponte di primavera

I controlli della Polizia Ferroviaria per garantire la sicurezza ai tantissimi viaggiatori che durante il lungo ponte di primavera si sono spostati in treno, sono stati numerosi, soprattutto nelle grandi stazioni, e indirizzati maggiormente nella prevenzione dei reati. Infatti, con l’operazione “Stazioni sicure”, da Pasqua al 30 aprile, in 473 stazioni ferroviarie sono state identificate quasi 8 mila persone di cui 5 sono state arrestate e 42 denunciate. I controlli ai bagagli sono stati oltre 2.500 e le sanzioni amministrative in materia di sicurezza ferroviaria sono state 76. L’attività di prevenzione è stata svolta con il supporto di unità cinofile, metal detector e con smartphone di ultima generazione per il controllo in tempo reale dei documenti. Nella rete degli accertamenti sono finiti anche due ricercati e un trafficante di droga. Mentre nella sola giornata del 1° maggio sono state 9 mila le persone identificate con 8 arrestati e 54 indagati; invece sono state 41 le sanzioni elevate in materia di sicurezza ferroviaria. La presenza della Polizia ha consentito, inoltre, a 15 minori non accompagnati di essere riaffidati alle famiglie o alle comunità. I Poliziotti hanno anche sorpreso una coppia di pregiudicati che a Messina, con i martelletti frangivetro, rompevano i finestrini delle carrozze in sosta; a Genova Brignole, invece, a seguito dell’intervento degli artificieri, per il rinvenimento di un pacco sospetto all’interno di un bagno a bordo treno, è stato trovato e sequestrato oltre mezzo chilo di cocaina. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385ccb07a68c614409401002

Vigilanza Privata: un settore dimenticato

Riceviamo e pubblichiamo un’accorata lettera dell’amico Angelo Sifrido Mancin volta a sensibilizzare il Governo per ottenere una regolamentazione più equa del settore della vigilanza privata, e in particolare volta a migliorare le attuali condizioni dell’orario di lavoro, operante in deroga al D.lgs. 66/2003. La lettera tocca invero diversi temi: lo stress delle guardie giurate, la limitazione del diritto di sciopero per alcune categorie, il comportamento inaccettabile di molti datori di lavoro.

“Il settore della vigilanza privata che, pur perseguendo principalmente fini di natura privatistica, concorre, seppure indirettamente, ad uno scopo di sicurezza collettiva, è regolato da oltre 80 anni da normative del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza (TULPS), di cui al Regio Decreto 18 giugno 1931, n. 773, e il relativo regolamento per l’esecuzione, di cui al Regio Decreto 6 maggio 1940, n. 635. Norme che definire anacronistiche ed obsolete è un eufemismo, dal momento che intere generazioni di lavoratori, a tutt’oggi oltre 60 mila, sono stati sottoposti, per decenni, ad una condizione di sfruttamento selvaggio da parte delle aziende, facendosi scudo di una normativa non adeguata ai tempi ed al mutamento del settore.

Tali norme, infatti, difficilmente riescono a regolamentare le varie forme che le suddette attività hanno assunto e vanno assumendo soprattutto in conseguenza dello sviluppo economico e tecnologico della nostra società.

Il Decreto Ministeriale del 27/04/2006 per i lavoratori di questo settore deroga il D.lgs. 66/2003 sull’orario di lavoro. Nel nostro Paese si prevede, all’art.1, comma1, la possibilità di accedere ad una più flessibile organizzazione e gestione dell’orario di lavoro per il miglior perseguimento delle preminenti esigenze di sicurezza per i servizi di vigilanza armata presso gli obiettivi istituzionali o sensibili, per i servizi negli aeroporti, nei porti, nelle stazioni ferroviarie, delle ferrovie metropolitane e sui relativi mezzi di trasporto e depositi, nonché per i servizi di trasporto, vigilanza e scorta del contante e per i servizi di vigilanza notturni, attribuendo alle Guardie Particolari Giurate (GPG) compiti di sicurezza sussidiaria.

I lavoratori di questo tipo, inoltre, sono sottoposti ad una limitazione del diritto di sciopero come da provvedimento del Garante del 19 luglio 2006 e sono sottoposti a continui cambi turno e da orari di lavoro di 12-14-16 ore giornaliere, anche a causa della flessibilità e strumentale interpretazione da parte delle aziende del Decreto Ministeriale del 27/04/2006. Sono quindi sottoposti a stress, dovuto al lavoro prevalentemente notturno, che si somma alla tensione psicofisica del sempre imminente rischio per la propria incolumità fisica, a causa della complessità e pericolosità dei compiti loro assegnati.

L’attuale contratto, scaduto da ben 4 anni, prevede 11 ore di riposo giornaliero, riducibili però a 9 per necessità di servizio, peraltro non sanzionabili in caso di inottemperanza da parte dell’aziende. Lo stesso vale per la pausa di 10 minuti ogni sei ore.

La presente, come logica conseguenza dei motivi sopra elencati, intende sollecitare il Governo, affinché questa categoria di lavoratori ottenga una regolamentazione equa del settore e dell’orario di lavoro.

Angelo Sifrido Mancin”

The post Vigilanza Privata: un settore dimenticato appeared first on

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/vigilanza-privata-un-settore-dimenticato-7851.html

Category: Lettere al Direttore, Primapagina

62° Congresso Nazionale Federpol: l’investigatore privato e la sicurezza partecipata

“L’Investigatore Privato: Sicurezza partecipata a difesa della Legalità” . Questo il titolo del 62° Congresso Nazionale Federpol (Federazione Italiana degli Istituti Privati per le Investigazioni, per le Informazioni e per la Sicurezza), di scena al Grand Hotel Oriente di Napoli il prossimo 11 Maggio 2019. Il programma prevede i saluti di diverse figure istituzionali invitate (da Matteo Salvini al Prefetto e Questore di Napoli, fino al Presidente della Camera di Commercio locale). I temi spazieranno dalla privacy alla presentazione del Sistema Impresa (Confederazione Autonoma Italiana delle Imprese e dei Professionisti) e di E.BI.TEN, Ente Bilaterale Nazionale del Terziario. Seguiranno l’Assemnblea e l’ormai tradizionale cena di gala.

Farà ovviamente gli onori di casa il nuovo Presidente Federpol, Luciano Tommaso Ponzi.

The post 62° Congresso Nazionale Federpol: l’investigatore privato e la sicurezza partecipata appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/62-congresso-nazionale-federpol-linvestigatore-privato-e-la-sicurezza-partecipata-7845.html

Category: Investigazioni Private, Primapagina, federpol

Forte Secur Group – FSG assume 50 persone

Forte Secur Group-FSG, tra i player italiani della corporate security e leader nel comparto aviation security, dove è anche punto di riferimento per la formazione, amplierà l’organico di oltre 50 unità entro il 2020. “La domanda crescente di corporate security delle imprese – spiega la presidente del CdA di Forte Secur Group Alessia Forte – accelera i nostri progetti di crescita. Cerchiamo figure in grado di lavorare in team specializzati nella sicurezza aziendale per alcune delle più importanti aziende italiane”.
E’ possibile candidarsi inviando il curriculum vitae attraverso l’apposita sezione del sito web www.fortesecurgroup.com (fondamentale è l’assenza di condanne penali e procedimenti pendenti). Le prime 50 posizioni richieste riguardano i seguenti profili:

Area Manager Sales Nord Est (Italia)
Area Manager Sale Nord Ovest (Italia)
Area Manager Sales Centro Italia
Addetti ai servizi fiduciari con mansione specifica di addetto alla reception
Addetti ai servizi fiduciari con mansione specifica di security/portierato
Addetti ai servizi fiduciari con mansione specifica di addetto alla sala controllo
Guardie Giurate con mansione nel servizio di vigilanza armata
Guardie Giurate operatore di Centrale Operativa

The post Forte Secur Group – FSG assume 50 persone appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/forte-secur-group-fsg-assume-50-persone-7841.html

Category: Primapagina, Vigilanza Economica

Vigilanza Privata: Assicurezza plaude alla circolare “antiabusivismo”

Assicurezza commenta la circolare “Servizi di Vigilanza e custodia del patrimonio altrui riservati agli Istituti di Vigilanza Privata e servizi di portierato. Contrasto dei fenomeni di abusivo esercizio delle attività di Vigilanza Privata”: si affronta il tema degli appalti per servizi di global service, dove il confine tra attività esclusive della vigilanza e portierati si fa ancor più labile. Da sempre questa è stata una nostra battaglia e dei nostri associati, volta a tutelare il settore della vigilanza privata da appalti poco chiari e da operatori privi di titoli di polizia che, nel tempo, hanno usurpato servizi che la legge pone in capo agli istituti di vigilanza privata”.

Nello specifico, Assicurezza plaude alla circolare in quanto specifica che “l’esercizio di attività esclusive della vigilanza privata da parte di portierati concretizzi il reato di abusivismo, punibile anche penalmente. Inoltre, viene finalmente presa sotto esame la troppa discrezionalità con la quale, nel corso degli anni, le stazioni appaltanti hanno avuto nella definizione di servizi di vigilanza e custodia, sottolineando come vi siano esigenze di sicurezza talmente speciali da esigere l’esclusivo utilizzo di guardie particolari giurate (art. 256- bis, comma 3, R.D. n. 635/1940)”.

Assicurezza vede con favore l’azione portata avanti dal Ministero dell’Interno, per opera del Capo della Polizia e del Sottosegretario Molteni, che a gennaio, in un incontro con le organizzazioni sindacali di settore, aveva annunciato iniziative e sinergie per contrastare il fenomeno dell’abusivismo.

“Continueremo a tutelare – conclude – i nostri associati e l’intero settore della vigilanza privata, sollecitando un veloce rilascio della circolare relativa al piano antiabusivismo, certi che solo un’azione capillare di controlli sul territorio, di tutti gli operatori, potrà davvero debellare questo insano fenomeno”.

The post Vigilanza Privata: Assicurezza plaude alla circolare “antiabusivismo” appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/vigilanza-privata-assicurezza-plaude-alla-circolare-antiabusivismo-7838.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, assicurezza, portierato

Al via il Progetto passaporto per le comunità montane bergamasche

Firmato un protocollo d’intesa tra la questura di Bergamo, la provincia di Bergamo e le Comunità montane della Valle Brembana, dei Laghi Bergamaschi e della Valle Seriana per l’istituzione di sportelli per il rilascio dei passaporti presso le sedi delle tre comunità firmatarie: Zogno, Clusone e Lovere. Il progetto, ispirato dai principi di prossimità e vicinanza al cittadino, partirà il 15 maggio prossimo da Zogno, per poi proseguire il 22 maggio a Lovere e il 29 a Clusone dove, in appositi uffici messi a disposizione della Questura, sarà possibile presentare la documentazione per prenotare il passaporto. Gli sportelli saranno aperti nei giorni feriali, con orario 8.30-13.00, il primo mercoledì del mese a Zogno, il secondo a Lovere e il terzo a Clusone. La questura di Bergamo attiverà anche 3 sotto-agende elettroniche riservate agli abitanti delle Comunità e facilmente individuabili nel sito web del passaporto online. I cittadini che presenteranno la richiesta potranno poi ritirare il documento direttamente presso la Questura, oppure attendere il mese successivo l’apertura dello sportello secondo le date stabilite per l’ufficio nei rispettivi comuni. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155cc81cc3379db095415387

Taranto: violenze al pensionato di Manduria, fermati otto giovani

Sottoponevano un anziano signore di Manduria (Taranto) a continue angherie e violenze e poi postavano in Rete i video delle loro azioni vigliacche. Ora gli indagati, due maggiorenni e sei minorenni devono rispondere a vario titolo dei reati di tortura, danneggiamento, violazione di domicilio e sequestro di persona aggravati. La vittima era stata soccorsa dalla Polizia nella sua abitazione il 5 aprile scorso, circostanza che ha consentito agli agenti di farlo ricoverare in ospedale per le precarie condizioni fisiche in cui lo hanno trovato e di venire a conoscenza delle diverse violenze subite ad opera di un gruppo di giovani. Antonio Stano, il 66enne pensionato, è morto il 23 aprile scorso, dopo 18 giorni di ricovero in ospedale, per “shock cardiogeno”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385cc8049d8e022990761115