NOTIZIE

DCPM 8 marzo 2020: contro il Coronavirus restiamo umani

Eccolo il DPCM che tanto ha fatto discutere, non solo per l’allargamento delle restrizioni della “zona rossa” a tutta la Lombardia e a diverse province del Nord, ma soprattutto per le modalità di divulgazione (inaccettabile per il Presidente Conte), che ha innescato la fuga di molti cittadini verso un Sud la cui sanità vacilla anche in condizioni ordinarie. E questa situazione di ordinario non ha nulla. Si stanno mettendo pezze di contenimento e imponendo quarantene, ma non è difficile prevedere gli esiti di questo esodo e di quelli che l’hanno preceduto. Chi vi scrive, da una zona che a breve sarà dichiarata rossa, sta toccando con mano gli effetti degli aperitivi, della sciatina, del “tantoiostobenechissenefrega”. Quella che chiamiamo vita sta soffocando gli ospedali e imponendo scelte tra chi trattare in terapia intensiva e chi no. Tra chi far vivere e chi lasciar morire. Prego quindi tutti i lettori di accettare restrizioni e cali di fatturato, ci riprenderemo. Ma adesso non c’è per tempo per la furbizia italiana. Contro il coronavirus servono regole. Serve restare (o diventare) umani.

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante “Misure
urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza
epidemiologica da COVID-19» e, in particolare, l’articolo 3;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 23
febbraio 2020, recante “Disposizioni attuative del decreto-legge 23
febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di
contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19»,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 45 del 23 febbraio 2020;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 25
febbraio 2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del
decreto-legge 23 febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in
materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da
COVID-19», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 47 del 25 febbraio
2020;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo
2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23
febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di
contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19»,
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 52 del 1° marzo 2020;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 4 marzo
2020, recante “Ulteriori disposizioni attuative del decreto-legge 23
febbraio 2020, n. 6, recante misure urgenti in materia di
contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19,
applicabili sull’intero territorio nazionale», pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale n. 55 del 4 marzo 2020;
Considerato che l’Organizzazione mondiale della sanita’ il 30
gennaio 2020 ha dichiarato l’epidemia da COVID-19 un’emergenza di
sanita’ pubblica di rilevanza internazionale;
Vista la delibera del Consiglio dei ministri del 31 gennaio 2020,
con la quale e’ stato dichiarato, per sei mesi, lo stato di emergenza
sul territorio nazionale relativo al rischio sanitario connesso
all’insorgenza di patologie derivanti da agenti virali trasmissibili;
Considerati l’evolversi della situazione epidemiologica, il
carattere particolarmente diffusivo dell’epidemia e l’incremento dei
casi sul territorio nazionale;
Ritenuto necessario procedere a una rimodulazione delle aree
nonche’ individuare ulteriori misure a carattere nazionale;
Considerato, inoltre, che le dimensioni sovranazionali del fenomeno
epidemico e l’interessamento di piu’ ambiti sul territorio nazionale
rendono necessarie misure volte a garantire uniformita’
nell’attuazione dei programmi di profilassi elaborati in sede
internazionale ed europea;
Tenuto conto delle indicazioni formulate dal Comitato tecnico
scientifico di cui all’art. 2 dell’ordinanza leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/dcpm-8-marzo-2020-contro-il-coronavirus-restiamo-umani-8980.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, coronavirus

Coronavis: il decreto del presidente del Consiglio dei Ministri

L’8 marzo è stato emanato un nuovo decreto dal presidente del consiglio dei ministri, che ha apportato significative novità riguardo il contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19. Tra le novità c’è l’espansione delle aree soggette a limitazione della mobilità dei cittadini in entrata e in uscita nella regione Lombardia e nelle province di Modena, Parma, Piacenza, Reggio nell’Emilia, Rimini, Pesaro e Urbino, Alessandria, Asti, Novara, Verbano-Cusio-Ossola, Vercelli, Padova, Treviso, Venezia. Tra le rigorose misure adottate per il contrasto e il contenimento, sull’intero territorio nazionale, c’è la sospensione di manifestazioni, eventi e spettacoli e attività di pub, scuole di ballo, sale giochi, sale scommesse e sale bingo, discoteche e locali assimilati. L’elenco delle limitazioni è ben più articolato ma può essere consultato leggendo il decreto così come per le misure di informazione e prevenzione che dovranno essere adottate. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385e662161c0e4f371782724

Australia: a Fremantle l’Italia vista dagli elicotteri della Polizia

Nuova tappa australiana per il tour internazionale di “Italy – Twilight Skylines From Police Helicopters”, la mostra fotografica di Massimo Sestini, che ora tocca la città di Fremantle. Dall’8 marzo al 26 maggio 2020 gli scatti, realizzati dal fotoreporter italiano dagli elicotteri della Polizia di Stato, saranno esposti al Western Australian Museum. In Australia, e precisamente a Melbourne, la mostra aveva già trovato spazio in occasione della Conferenza Ministeriale No Money For Terror, organizzata dal Department of Home Affairs (novembre 2019), e a Gold Coast Surfer Paradise (dicembre 2019), riscuotendo grande successo. Le 20 immagini di grande formato e retroilluminate raccontano, nella cornice di orizzonti di luce di suggestiva bellezza come quelli prodotti un’ora dopo il tramonto o un’ora prima dell’alba, le meraviglie d’ Italia, che spaziano dalle grandi città ai piccoli comuni, dai litorali alle Alpi. “Ho visto l’Italia nella sua pura bellezza, non viziata dalle piccole e grandi guerre intraprese giorno dopo giorno. Solo bellezza. Sentire la mia anima risuonare ad ogni alba e tramonto a cui ho assistito, sedere accanto ai membri della Polizia di Stato mentre svolgono il proprio lavoro per garantire la sicurezza e la protezione degli altri, è stato incredibile. Con loro ho visto e condiviso un’Italia che direi audacemente essere straordinaria in tutto ciò che la rende ordinaria” ha dichiarato Massimo Sestini, autore degli scatti. La mostra è già stata presentata a Mosca (Russia) presso il MAMM Multimedia Art Museum nel marzo 2019, ad Ho Chi Minh City presso l’Aeroporto Internazionale Tan Son Nhat nel maggio 2019 e ad Hanoi presso il Museo Etnografico – giugno 2019 (Vietnam), riscontrando sempre un grande successo di pubblico e di stampa. Il progetto è stato realizzato dal ministero dell’Interno e internazionalizzato grazie alla collaborazione con il ministero degli Affari esteri e della Cooperazione internazionale, per mezzo delle sedi diplomatiche del nostro Paese. Il tour australiano si è concretizzato grazie all’impegno attivo del Consolato d’Italia a Perth, con il supporto dell’Istituto Italiano di Cultura Melbourne. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385e63889665a1c789144768

Da oggi diventa obbligatorio il “seggiolino antiabbandono”

Da oggi, per i conducenti di veicoli, residenti in Italia che trasportano bambini di età inferiore a 4 anni, è obbligatorio l’utilizzo del dispositivo per prevenire l’abbandono dei bambini nei veicoli chiusi, il cosiddetto seggiolino antiabbandono. L’obbligo è previsto dalla legge 157 del 19 dicembre 2019, che ha fissato il termine del 6 marzo 2020 come ultima data per l’obbligo di installazione dei dispositivi. Perché tale dispositivo sia a norma è necessario che le caratteristiche tecniche, costruttive e funzionali rispondano ai criteri fissati dal decreto del ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti del 2 ottobre 2019, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale, Serie Generale n. 249 del 23 ottobre 2019 e in particolare, alle prescrizioni elencate nell’allegato A del medesimo decreto. Non è necessario che i dispositivi siano della stessa marca del seggiolino. Infatti, secondo l’art. 3 del citato decreto, gli stessi possono essere indipendenti sia dal sistema di ritenuta che dal veicolo. Pur non essendo obbligatorio la Polizia stradale consiglia di portare sempre al seguito il certificato di conformità rilasciato dal produttore del seggiolino per agevolare eventuali operazioni di controllo da parte degli organi di polizia. La conformità, infatti, non deve essere dimostrata dal conducente, ma verificata dagli agenti preposti al controllo. Ricordiamo che l’utilizzo di un dispositivo non conforme o non funzionante è vietato dal codice della strada, che prevede l’applicazione di una sanzione pecuniaria nei confronti del conducente con una decurtazione di 5 punti sulla patente. Tuttavia, qualora a bordo del veicolo sia presente anche una persona maggiorenne tenuta alla sorveglianza del minore, la responsabilità dell’uso del dispositivo antiabbandono compete a questo passeggero e non al conducente. In questo caso si applica la sanzione pecuniaria senza decurtazione di punteggio. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165e6221bf63762875462121

Phishing: le truffe informatiche con la scusa del Coranavirus

Sfruttando le preoccupazioni che il Coranavirus sta generando tra le persone, i criminali del web stanno approfittando di questo momento di vulnerabilità per colpire le ignare vittime con attività di Phishing legate al COVID-19. L’ultima in ordine di tempo, scoperta dalla Polizia postale e delle comunicazioni, riguarda una campagna di frodi informatiche attraverso l’inoltro di email a firma di una tale dottoressa Penelope Marchetti, presunta “esperta” dell’Organizzazione mondiale della sanità in Italia. I falsi messaggi di posta elettronica, dal linguaggio professionale ed assolutamente credibile, invitano le vittime ad aprire un allegato infetto, contenente presunte precauzioni per evitare l’infezione da Coronavirus. Il malware, della famiglia “Ostap” e nascosto in un archivio javascript, mira a carpire i nostri dati sensibili. Il Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) della Polizia postale, aveva rilevato, subito dopo il diffondersi della paura per il Coronavirus, una campagna di false email, apparentemente provenienti da un centro medico e redatte in lingua giapponese, le quali, con il pretesto di fornire aggiornamenti sulla diffusione del virus, invitavano ad aprire un allegato malevolo che mirava ad impossessarsi delle credenziali bancarie e dei dati personali della vittima. Successivamente, veniva scoperta un’altra attività di Phishing che invitava ad aprire un file “zip” contente documenti excel, che diffondeva un virus di tipo RAT, chiamato “Pallax”. A seguito dell’inconsapevole click, questo pericoloso virus (venduto per pochi dollari negli ambienti più nascosti del darkweb fin dal 2019) consentiva agli hacker di assumere il pieno controllo del dispositivo attaccato, spiando i comportamenti della vittima, rubando dati sensibili e credenziali riservate, nonché, assumendo il controllo della macchina attaccata in maniera assolutamente “invisibile”. Gli specialisti della Polizia postale individuavano anche un altro virus RAT, dal funzionamento simile, che nascosto dietro un file chiamato CoronaVirusSafetyMeasures.pdf, assumeva il controllo del dispositivo infettato, trasformandolo, all’insaputa della vittima, in un computer zombie, gestito da remoto da un computer principale per effettuare successivi attacchi informatici in tutto il mondo. L’invito della Polizia postale è di diffidare da questi e da simili messaggi, evitando accuratamente di aprire gli allegati che essi contengono. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385e6120220066d414895301

Fermato il “santone” di Forlì

Approfittava della vulnerabilità delle persone dovuta a lutti, malattie o situazioni di disagio psicologico, e le ingannava riferendo di aver percepito in loro la presenza di spiriti maligni e di altre negatività; tali condizioni, se non allontanate, avrebbero potuto provocare gravi conseguenze. L’uomo, un 78enne che operava in un immobile di sua proprietà nel centro di Forlì, al termine dell’indagine condotta dalla Squadra mobile e dal Servizio centrale operativo, è stato indagato per i reati di truffa aggravata, violenza sessuale ed esercizio abusivo della professione medica; l’immobile è stato sottoposto a sequestro preventivo. L’attività investigativa ha accertato che l’indagato, nel corso dei decenni, aveva strutturato un’organizzazione di tipo settario a sfondo religioso fondata su di lui, che era diventato una sorta di santone dotato di poteri eccezionali. Per “guarire” i suoi pazienti il presunto guru inscenava rituali di benedizione e di preghiere, ed effettuava anche energiche digitopressioni su varie parti del corpo, provocando spesso forti dolori, spasmi, conati di vomito e lividi. Inutile sottolineare che il 78enne non aveva né la laurea in medicina né attestati relativi a corsi di pranoterapeuta; ciononostante “curava” abitualmente problemi di salute emettendo diagnosi e prescrivendo cure anche con medicinali di libera vendita. Dall’indagine è inoltre emerso che in alcuni casi, durante le sedute, il santone palpeggiava le parti intime dei suoi pazienti. Il giro d’affari dell’indagato ammontava a svariate migliaia di euro al mese, grazie alle circa 25 persone al giorno che frequentavano il suo studio. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165e60efa3a4554607443367

Napoli: al rione Sanità sport e legalità con le Fiamme Oro

“Le Fiamme Oro hanno come fine statutario quello di perseguire la legalità attraverso lo sport. E lo facciamo con strutture sportive che tendono ad attrarre giovani, togliendoli dalla strada, per praticare discipline particolarmente attrattive per loro, come il pugilato, il judo o gli altri sport di combattimento”. Così il presidente del gruppo sportivo Fiamme Oro, Francesco Montini, a margine della firma a Napoli del protocollo per la concessione in uso gratuito del primo piano di un immobile della III Municipalità da destinare alla pratica dell’attività sportiva a favore dei giovani del rione Sanità, attraverso il gruppo sportivo della Polizia di Stato. La convenzione avrà una durata di sei anni, prorogabile per ulteriori sei. L’intesa, in sala giunta, è stata siglata anche dal questore di Napoli Alessandro Giuliano e dal sindaco Luigi de Magistris. Si tratta, spiega il Questore, “Di una cosa di straordinaria importanza per noi. Anche la ministra dell’Interno Luciana Lamorgese stamane ha detto che occorre fare uno sforzo collettivo per le giovani generazioni. Le Fiamme Oro della Polizia di Stato da anni qui a Napoli fanno questo, quella che noi riteniamo essere la vera prevenzione”. Questa intesa “È un ulteriore segnale – sottolinea de Magistris – di luoghi di aggregamento in cui si fa sport, legalità, vita e socialità con quello spirito di squadra che ci fa dire mai mollare, oggi più che mai”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385e5fe1093e0cf068983634

Novara: scoperto giro di permessi di soggiorno con pratiche irregolare

Un giro di istanze anomale di permessi di soggiorno è stato scoperto dagli uomini della Squadra mobile di Novara insieme a quelli dell’Ufficio immigrazione della stessa questura. Due le misure cautelari eseguite questa mattina nei confronti di due professionisti e oltre 30 persone sono state denunciate. Un collaudato sistema permetteva di eludere le normative sull’immigrazione: cittadini stranieri, seguendo le direttive di una agenzia di pratiche per stranieri e di un tributarista, registravano delle ditte individuali con lo scopo di dimostrare la presenza di un reddito e un volume di affari. Le pratiche presentate erano complete di fatture relative ad operazioni inesistenti e falsi bilanci, predisposti “ad hoc” dal professionista compiacente. La documentazione avrebbe consentito di ottenere il titolo di soggiorno od il rinnovo dello stesso, pur in assenza dei requisiti previsti dalla legge. L’indagine ha svelato ben 30 pratiche irregolari; i richiedenti, infatti, non prestavano alcuna attività lavorativa. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155e5f8b977922c726369199

Assunzione di 1.515 allievi agenti: sospeso l’avvio dei corsi

Si comunica che le convocazioni per l’avvio al corso di formazione per allievi agenti della Polizia di Stato dei vincitori del concorso pubblico per l’assunzione di 1515 allievi agenti della Polizia di Stato, indetto con D.M. del 3 giugno 2019, sono momentaneamente sospese per esigenze organizzative. Si fa riserva di comunicare al più presto la data di inizio del corso leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165e5d2d7513c86630069748

La Polizia ricorda Nicola Calipari

È stato ricordato questa mattina negli uffici della questura di Roma, Nicola Calipari, che prima di diventare agente dei servizi di intelligence italiani, era stato funzionario di Polizia. Calipari perse la vita il 4 marzo 2005 a Baghdad (Iraq), durante le fasi conclusive dell’operazione di salvataggio della giornalista italiana Giuliana Sgrena, che era stata sequestrata da una banda criminale. Alla cerimonia commemorativa hanno partecipato il capo della Polizia Franco Gabrielli, il questore di Roma Carmine Esposito e i familiari di Calipari. Dopo la deposizione di una corona d’alloro al bassorilievo posto all’interno della Questura, il prefetto Gabrielli ha commemorato il poliziotto scomparso 15 anni fa. “Ho avuto la fortuna di incrociare Nicola quando ero dirigente della Digos a Roma – ha ricordato il capo della Polizia – nella mia carriera ho sempre guardato ai colleghi più grandi, di età e di esperienza. Nicola era uno di quei colleghi. Mi ha fatto comprendere l’importanza della dignità. Non l’ho mai sentito recriminare contro qualcuno. Era un collega sempre all’altezza del proprio ruolo. Mi ha insegnato il rispetto ed il senso di responsabilità, il senso del dovere, il senso di appartenenza, che caratterizzano la nostra comunità. Nicola è, ancora oggi, – ha concluso Gabrielli – un esempio che rappresenta un punto imprescindibile della mia vita personale e professionale”. Calipari entrò in Polizia del 1979, e come primo incarico venne assegnato alla Squadra mobile di Genova, poi a quella di Cosenza e successivamente alla questura di Roma.
Nel 1993 divenne vice dirigente della Squadra mobile di Roma e poi passò alla Direzione centrale della polizia criminale. Dopo una serie di prestigiosi incarichi nella Polizia di Stato, nel 2002 venne assegnato ai servizi di intelligence. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165e5f9658e9eb7444258607