NOTIZIE

Infrastrutture critiche: siglato accordo tra Polizia e Ferrovie

Firmato oggi a Roma il rinnovo dell’accordo tra la Polizia di Stato e Ferrovie dello Stato italiane per la prevenzione e il contrasto dei crimini informatici ai sistemi e i servizi informativi di particolare rilievo per il Paese. Infatti le piattaforme tecnologiche del Gruppo FS italiane, che realizza e gestisce opere e servizi nel trasporto ferroviario, rappresentano una delle più grandi realtà industriali del Paese. La convenzione, firmata dal capo della Polizia Franco Gabrielli e dal direttore generale di Ferrovie dello Stato italiane Gianfranco Battisti, rientra nell’ambito definito dalle direttive impartite dal ministro dell’Interno per il potenziamento dell’attività di prevenzione in materia di criminalità informatica attraverso la valorizzazione del partenariato con il mondo privato. Infatti, l’insidiosità delle minacce informatiche e la mutevolezza con la quale si presentano, richiedono una sinergia informativa tra tutti gli esperti della cybersecurity per mettere a fattor comune conoscenze ed esperienze utili a sperimentare efficaci forme di contrasto. Per la Polizia di Stato, tale compito è assicurato dalla Polizia postale e delle comunicazioni e, in particolare, dal Centro nazionale anticrimine informatico per la protezione delle infrastrutture critiche (Cnaipic) che, con una sala operativa disponibile 24 ore al giorno, rappresenta il punto di contatto per la gestione degli eventi critici delle infrastrutture di rilievo nazionale operanti in settori sensibili per il Paese. Ferrovie dello Stato italiane ha inoltre avviato un importante processo di internalizzazione dei servizi di sicurezza informatica grazie alla realizzazione del Cyber security operation center, un polo nel quale confluiscono le tecnologie e le competenze più avanzate con l’obiettivo di fornire i più elevati livelli di protezione cibernetica ai sistemi tecnologici e informativi che supportano la gestione e il controllo della circolazione ferroviaria. Alla firma della convenzione erano inoltre presenti, per il Dipartimento della pubblica sicurezza, il direttore centrale per la Polizia stradale, ferroviaria, delle comunicazioni e per i reparti speciali della Polizia di Stato Roberto Sgalla e il direttore del Servizio polizia postale e delle comunicazioni Nunzia Ciardi; mentre per Ferrovie dello Stato c’erano il direttore centrale protezione aziendale Franco Fiumara e il responsabile cyber security Riccardo Barrile. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c3f1103cf747209964288

Catania: rapina ed estorsione, sei arresti nel clan Santapaola – Ercolano

Arrestati questa mattina, a Catania, sei appartenenti al clan Santapaola – Ercolano (gruppo di Picanello e gruppo di Acireale/Aci Catena) ritenuti responsabili, a vario titolo, di rapina ed estorsione. Le indagini della Squadra mobile di Catania e del Commissariato di Acireale hanno fatto luce su una rapina commessa a San Gregorio (Catania), la mattina del 16 aprile 2018, in danno del gestore di una rivendita di tabacchi. I criminali si impossessarono di una fornitura di stecche di sigarette, del valore di circa 11 mila euro, mentre il tabaccaio era a bordo della propria autovettura. Attraverso le intercettazioni, i poliziotti hanno documentato il coinvolgimento di gruppi mafiosi operanti a Picanello e ad Acireale/Acicatena nella gestione del cosiddetto “cavallo di ritorno” nei confronti della vittima, costretta a pagare la somma di 2.800 euro per la restituzione, peraltro parziale, della fornitura di sigarette. In particolare, la vittima per rientrare in possesso dei suoi beni si era rivolta a due appartenenti del gruppo di Acireale/Aci Catena per fare da intermediari con il clan Picanello di cui facevano parte i due rapinatori. La “collaborazione” tra i gruppi mafiosi andava a buon fine dietro il pagamento di una somma di denaro. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385c3f0a131574d043255805

Reggio Emilia: Gabrielli al convegno su calcio e ordine pubblico

Si è svolto questa mattina a Reggio Emilia il convegno “Calcio e Ordine Pubblico. L’evoluzione della disciplina sulla sicurezza negli stadi”, organizzato dalla questura di Reggio Emilia, dal Sassuolo e dalla Figc. Alla convention sono intervenuti il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo sport Giancarlo Giorgetti, il capo della Polizia Franco Gabrielli e i massimi esperti del settore, che hanno illustrato le evoluzioni normative che regolano attualmente la realizzazione di incontri calcistici nazionali ed internazionali. Tra gli interventi la presidente dell’Osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive Daniela Stradiotto ha affrontato il tema della sicurezza partecipata quale fondamento per una corretta gestione degli eventi, con particolare riferimento all’evoluzione delle norme che disciplinano il settore. Il capo della Polizia Franco Gabrielli, a chiusura dei lavori, ha sottolineato che “Abbiamo fatto passi in avanti in questi anni come riprendere il dialogo con le tifoserie la cui assenza in passato ha provocato danni”. “L’impiantistica e l’adeguamento degli stadi – ha proseguito il prefetto Gabrielli – è fondamentale per garantire sicurezza durante gli eventi. Tutti devono fare la propria parte sia nella cultura sportiva sia nell’impiantistica; ognuno deve fare la sua parte, dai calciatori ai dirigenti che devono essere più accorti nelle dichiarazioni evitando di accendere gli animi. Ma anche noi addetti alla sicurezza utilizzando maggior buon senso”. Il capo della Polizia, riguardo la sospensione delle partite, ha sottolineato che “La decisione finale spetta sempre a chi è responsabile dell’ordine e della sicurezza pubblica. Non voglio svilire il ruolo di un arbitro, a cui competono le decisioni di natura sportiva, ma sospendere una partita può causare conseguenze di gestione, come sul deflusso di migliaia di persone. Questioni che devono essere valutate da chi ha un occhio a 360 gradi sull’evento”. A margine dell’evento il prefetto Gabrielli parlando della cattura di Cesare Battisti ha detto: “Abbiamo assicurato alla giustizia una persona pericolosa che ha fatto del male all’Italia e che si è dimostrato irridente e oltraggioso nei confronti del Paese. Voglio con l’occasione sottolineare il lavoro della nostra intelligence, della Digos e della questura di Milano, che hanno lavorato assieme all’Interpol per raggiungere questo straordinario risultato”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c3eff1eae14d676440671

Battisti riportato in Italia

L’aereo che lo ha riportato in Italia è arrivato questa mattina a Roma-Ciampino. Cesare Battisti, pedinato da una squadra della Polizia di Stato è stato arrestato, ieri, dalla Polizia boliviana mentre passeggiava in una strada di Santa Cruz, in Bolivia. Già ieri sera alle 22, ora italiana, il ricercato era stato imbarcato su un aereo con destinazione Italia, dove è arrivato oggi alle 11,30. Subito dopo le formalità l’uomo è stato accompagnato in carcere. Grazie all’impegno portato avanti senza sosta per mesi dalle direzioni centrali della Polizia criminale e della Polizia di prevenzione e dalla Digos di Milano, con il supporto dell’intelligence, il latitante è stato, alla fine, individuato grazie al suo cellulare. La caparbietà, la tenacia e l’impegno messi in campo dai poliziotti per cercarlo sono state mosse anche dal pensiero di rendere giustizia alle vittime del terrorista. Tra le persone uccise, tutti i poliziotti ricordano la guardia di pubblica sicurezza Andrea Campagna, assassinato a Milano, in un attentato nel 1979, a soli 24 anni. Esponente dei P.a.c. (Proletari armati per il comunismo) Battisti, era evaso nel 1980 dal carcere di Frosinone rendendosi latitante. Condannato all’ergastolo per 4 omicidi si era rifugiato prima in Francia e poi in Brasile, da dove era fuggito dopo l’ennesima richiesta di estradizione nel 2018, facendo perdere le sue tracce. Olivia Petillo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c3f094829442928987534

Montecitorio a porte aperte: domenica in Aula il concerto della Banda

Domenica 13 gennaio, nell’ambito dell’evento “Montecitorio a porte aperte”, l’iniziativa della Camera dei deputati che prevede una volta al mese l’apertura del Palazzo al pubblico, si è tenuto alle 12 in aula, il concerto della Banda musicale della Polizia di Stato. L’evento è stato organizzato dall’Associazione nazionale insigniti dell’Ordine al merito della Repubblica (Ancri) per rendere omaggio alla Bandiera, la cui Giornata nazionale è stata celebrata lo scorso 7 gennaio. L’orchestra, diretta dal maestro Maurizio Billi, è stata accompagnata dal tenore Francesco Grollo nell’esecuzione del “Canto degli italiani”, di “Core ‘ngrato” e di “Nessun dorma”. L’evento invece è stato presentato dallo storico del Risorgimento Michele D’Andrea e dal delegato ai rapporti istituzionali dell’Ancri Francesco Tagliente. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c3ef0ce25404122057965

Stradale: grave incidente sulla Messina-Catania, morto un poliziotto

Uno scenario apocalittico sull’autostrada A18 Catania – Messina, all’altezza di Scaletta Zanclea. Un grave incidente si è verificato alle 3 di questa notte e ha coinvolto anche una pattuglia della Sottosezione di Polizia stradale di Giardini Naxos; nell’incidente purtroppo ha perso la vita l’assistente capo Angelo Spataro, mentre il collega Giuseppe Muscolino è rimasto ferito ma, per fortuna, non è in pericolo di vita. Sono sei i veicoli pesanti coinvolti, due autovetture e un motociclo. Ancora sono in corso i rilievi per capire l’esatta dinamica dell’incidente. Da una prima ricostruzione dei fatti è emerso che i due poliziotti sono stati travolti mentre erano intenti a segnalare un primo incidente ai veicoli in transito. In questa circostanza Angelo Spataro è stato travolto da un tir in arrivo che ha sbandato, molto probabilmente, a causa di olio presente sul manto stradale. Successivamente sono stati coinvolti altri veicoli, ed è in questo frangente che anche Giuseppe Muscolino è rimasto ferito riportado fratture esposte e scomposte ad entrambi gli arti inferiori. La tragedia è avvenuta all’altezza del chilometro 13. Il bilancio per il momento è di tre persone morte e almeno due feriti. Il capo della Polizia Franco Gabrielli ha espresso profondo cordoglio e sentimenti di commossa vicinanza ai familiari del poliziotto Angelo Gabriele Spadaro e ai familiari delle altre due vittime che viaggiavano a bordo di altri veicoli coinvolti nel sinistro.
Ha espresso inoltre un augurio di pronta guarigione all´altro componente della pattuglia della Polizia stradale, Giuseppe Muscolino, ricoverato in ospedale nonché alle altre persone coinvolte nel drammatico incidente.
leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c3da626f06cc867421802

Reggio Emilia: il prefetto Gabrielli al convegno sul calcio e l’ordine pubblico

Si è svolto questa mattina a Reggio Emilia il convegno “Calcio e Ordine Pubblico. L’evoluzione della disciplina sulla sicurezza negli stadi”, organizzato dalla Questura di Reggio Emilia, dal Sassuolo e dalla FIGC. Alla convention sono intervenuti il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport Giancarlo Giorgetti, il capo della Polizia Franco Gabrielli e i massimi esperti del settore che hanno illustrato le evoluzioni normative che regolano attualmente la realizzazione di incontri calcistici nazionali ed internazionali. Tra gli interventi la presidente dell’osservatorio nazionale sulle manifestazioni sportive Daniela Stradiotto ha affrontato il tema della sicurezza partecipata quale fondamento per una corretta gestione degli eventi, con particolare riferimento all’evoluzione delle norme che disciplinano il settore. Il capo della Polizia Franco Gabrielli a chiusura dei lavori ha sottolineato che “Abbiamo fatto passi in avanti in questi anni come riprendere il dialogo con le tifoserie la cui assenza in passato ha provocato danni”. “L’impiantistica e l’adeguamento degli stadi – ha proseguito il prefetto Gabrielli – è fondamentale per garantire sicurezza durante gli eventi. Tutti devono fare la propria parte sia nella cultura sportiva sia nell’impiantistica; ognuno deve fare la sua parte dai calciatori ai dirigenti che devono essere più accorti nelle dichiarazioni evitando di accendere gli animi. Ma anche noi addetti alla sicurezza utilizzando maggior buon senso”. Il capo della Polizia Franco Gabrielli riguardo la sospensione delle partite ha sottolineato che “La decisione finale spetta sempre a chi è responsabile dell’ordine e della sicurezza pubblica. Non voglio svilire il ruolo di un arbitro a cui competono le decisioni di natura sportiva ma sospendere una partita può causare conseguenze di gestione come sul deflusso di migliaia di persone. Questioni che devono essere valutate da chi ha un occhio a 360 gradi sull’evento”. A margine dell’evento il prefetto Gabrielli parlando della cattura di Cesare Battisti ha dichiarato che “Abbiamo assicurato alla giustizia una persona pericolosa che ha fatto del male all’Italia e che si è dimostrato irridente e oltraggioso nei confronti del Paese. Voglio con l’occasione sottolineare il lavoro della nostra Intelligence della Digos e della questura di Milano che hanno lavorato assieme all’Interpol per raggiungere questo straordinario risultato”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385c3cb50309731920344386

Assalti ai portavalori: FederSicurezza scrive al Ministero dell’Interno

Due casi eclatanti di assalti armati a portavalori solamente nella prima settimana dell’anno. Colpi da manuale, portati a compimento con ruspe, kalashnikov e mezzi dati alle fiamme: una storia che si ripete, e che porta FederSicurezza a richiedere un incontro urgente ai vertici dell’Amministrazione dell’Interno, in persona del Ministro Salvini e del Sottosegretario Molteni.
Questi episodi – secondo il Presidente di FederSicurezza Luigi Gabriele – “non possono non imporre una riflessione, che da anni sollecitiamo, sull’evidente scollamento tra un’Amministrazione iper-presente sotto il profilo della normazione, controllo e anche repressione degli operatori del comparto, ma che dall’altra parte latita rispetto ai gravi fatti di cronaca che, come sempre accade, sono gli unici a far accendere i riflettori sul nostro settore. Il servizio di scorta e trasporto valori, e l’esclusività dell’affidamento dello stesso ai nostri operatori, implicano responsabilità troppo spesso sminuite, date per scontate e deprezzate, tanto sotto il profilo del valore sociale quanto del valore economico”.

Federsicureza chiede che “la stessa Amministrazione, che a rigore ci impone sempre maggiori oneri di formazione e l’osservanza di prescrizioni sempre più numerose e stringenti, ci garantisca al contempo le condizioni indispensabili per poter svolgere serenamente il nostro delicato e insostituibile ruolo di sicurezza complementare” – conclude Luigi Gabriele.

The post Assalti ai portavalori: FederSicurezza scrive al Ministero dell’Interno appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/assalti-ai-portavalori-federsicurezza-scrive-al-ministero-dellinterno-1234.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, federsicurezza, trasporto valori

Battisti: estradato in Italia

L’aereo che lo ha riportato in Italia è arrivato questa mattina a Roma-Ciampino. Cesare Battisti, pedinato da una squadra della Polizia di Stato è stato arrestato, ieri, dalla Polizia boliviana mentre passeggiava in una strada di Santa Cruz, in Bolivia. Già ieri sera alle 22, ora italiana, il ricercato era stato imbarcato su un aereo con destinazione Italia, dove è arrivato oggi alle 11,30.
Subito dopo le formalità l’uomo è stato accompagnato in carcere. Grazie all’impegno portato avanti senza sosta per mesi dalle direzioni centrali della Polizia criminale e della Polizia di prevenzione e dalla Digos di Milano, con il supporto dell’intelligence, il latitante è stato, alla fine, individuato grazie al suo cellulare. La caparbietà, la tenacia e l’impegno messi in campo dai poliziotti per cercarlo sono state mosse anche dal pensiero di rendere giustizia alle vittime del terrorista. Tra le persone uccise, tutti i poliziotti ricordano la guardia di pubblica sicurezza Andrea Campagna, assassinato a Milano, in un attentato nel 1979, a soli 24 anni. Esponente dei P.a.c. (Proletari armati per il comunismo) Battisti, era evaso nel 1980 dal carcere di Frosinone rendendosi latitante. Condannato all’ergastolo per 4 omicidi si era rifugiato prima in Francia e poi in Brasile, da dove era fuggito dopo l’ennesima richiesta di estradizione nel 2018, facendo perdere le sue tracce. Olivia Petillo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155c3c5ec977cbc409216741

Montecitorio a porte aperte: domenica in Aula il concerto della Banda

Domenica 13 gennaio, nell’ambito dell’evento “Montecitorio a porte aperte”, l’iniziativa della Camera dei deputati che prevede una volta al mese l’apertura del Palazzo al pubblico, si è tenuto alle 12 in aula, il concerto della Banda musicale della Polizia di Stato. L’evento è stato organizzato dall’Associazione nazionale insigniti dell’Ordine al merito della Repubblica (Ancri) per rendere omaggio alla Bandiera, la cui Giornata nazionale è stata celebrata lo scorso 7 gennaio. L’orchestra, diretta dal maestro Maurizio Billi, è stata accompagnata dal tenore Francesco Grollo nell’esecuzione del “Canto degli italiani”, di “Core ‘ngrato” e di “Nessun dorma”. L’evento invece è stato presentato dallo storico del Risorgimento Michele D’Andrea. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c39bd6ff3de3092601578