Archivio dell'autore P.S.A. GROUP

Concorso VFP1 Esercito 2021 (1° Blocco) – Graduatorie di Merito

Pubblicate le Graduatorie di Merito del Primo Blocco del Concorso VFP1 Esercito 2021.

All’interno delle Graduatorie di Merito, distinte per incarico, sono riportati i nomi e il punteggio dei candidati che hanno inviato la domanda di partecipazione per il Primo Blocco del Concorso VFP1 Esercito 2021.

Si rammenta che i candidati avviati a selezione saranno:

  • 13.000 per incarico/specializzazione che sarà assegnato/a dalla Forza Armata
  • tutti i partecipanti al reclutamento per gli incarichi di “Elettricista Infrastrutturale”, “Idraulico Infrastrutturale”, “Muratore”, “Falegname”, “Meccanico di mezzi e piattaforme” e “Fabbro”

Consulta e Scarica le Graduatorie di Merito:
Graduatoria per Incarico da assegnare
Graduatoria Elettricista Infrastrutturale
Graduatoria Idraulico Infrastrutturale
Graduatoria Muratore
Graduatoria Falegname
Graduatoria Fabbro
Graduatoria Meccanico di mezzi e piattaforme

L’articolo Concorso VFP1 Esercito 2021 (1° Blocco) – Graduatorie di Merito sembra essere il primo su Nissolino Corsi – Preparazione Concorsi Militari.

leggi tutto

From: https://www.nissolinocorsi.it/concorso-vfp1-esercito-2021-1-blocco-graduatorie-merito/

Category: Concorsi Esercito

Concorso 11 Tenenti in SP Ruolo Forestale Carabinieri 2021 – Convocazione Prove Fisiche e Accertamenti

Pubblicato l’Avviso di Convocazione per Prove Fisiche e Accertamenti Psico-Fisici e Attitudinali del Concorso 11 Tenenti in SP Ruolo Forestale Carabinieri 2021.

I concorrenti risultati Idonei alla Prova Scritta del Concorso 11 Tenenti in SP Ruolo Forestale Carabinieri 2021 dovranno presentarsi, per sostenere le Prove di Efficienza Fisica gli Accertamenti Psico-Fisici e gli Accertamenti Attitudinali, presso il Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri – Centro Nazionale di Selezione e Reclutamento, sito in Roma, Viale di Tor di Quinto n. 153, alle ore 07.45 del giorno loro indicato, consultabile inserendo le proprie generalità e il Codice di Sicurezza all’interno del Modulo “Prove efficienza fisica” presente nella Pagina dedicata al Concorso nel sito dell’Arma dei Carabinieri.

All’atto della presentazione presso il Centro, i candidati dovranno indossare la tenuta ginnica ed esibire, pena la non ammissione all’accertamento, un valido documento di riconoscimento, la documentazione obbligatoria prevista dagli Articoli 10 e 11 del Bando, il referto con esito negativo relativo all’effettuazione di un tampone molecolare o antigenico non antecedente a 72 ore, oltre all’autodichiarazione anamnestica debitamente compilata e firmata.

La durata presunta delle prove/accertamenti è di quattro giorni lavorativi, durante i quali i candidati fruiranno del pranzo a carico dell’Amministrazione.

I Candidati giudicati Idonei al termine degli accertamenti sanitari e attitudinali saranno ammessi a sostenere, a partire dal 14 Settembre 2021, la Prova Orale e, qualora ne abbiano fatto richiesta all’interno della domanda di partecipazione, la Prova Facoltativa di Lingua Straniera che si terrà indicativamente a partire dal 20 Settembre 2021.

Consulta e Scarica l’Avviso di Convocazione per Prove Fisiche e Accertamenti

L’articolo Concorso 11 Tenenti in SP Ruolo Forestale Carabinieri 2021 – Convocazione Prove Fisiche e Accertamenti sembra essere il primo su Nissolino Corsi – Preparazione Concorsi Militari.

leggi tutto

From: https://www.nissolinocorsi.it/concorso-11-tenenti-sp-ruolo-forestale-carabinieri-2021-convocazione-prove-fisiche-accertamenti/

Category: Concorsi Arma dei Carabinieri

Formazione: firmato accordo con la Luiss

È stato firmato stamattina a Roma, un accordo tra il ministero dell’Interno, Dipartimento della pubblica sicurezza, e la Luiss per realizzare l’attività di alta formazione e ricerca e per attivare tirocini curriculari all’interno del Dipartimento. Il Protocollo è stato firmato dal capo della Polizia Lamberto Giannini, dalla vice presidente della Luiss Paola Severino e dal direttore generale Giovanni Lo Storto. All’evento era presente anche il vice capo della Polizia Maria Teresa Sempreviva. L’obiettivo dell’intesa, in linea con il nuovo modello educativo dell’Università, è quello di creare occasioni concrete in cui gli studenti possano confrontarsi, attraverso esperienze reali, con le istituzioni impegnate quotidianamente nella tutela della sicurezza pubblica. “Siamo entusiasti dell’idea che, anche grazie all’attivazione di questi tirocini, i giovani possano avere una visione piena del mondo della pubblica amministrazione. Un’esperienza che permetterà agli studenti di sviluppare un forte senso di sinergia lavorando con persone provenienti da ambiti e background diversi”, ha affermato il capo della Polizia Lamberto Giannini. “Grazie alla collaborazione tra Luiss e il ministero dell’Interno, gli studenti avranno l’opportunità di rafforzare il proprio senso dello Stato e l’amore per il nostro Paese. Inoltre, questa intesa è una grande tappa nell’interazione tra settore pubblico e privato”, ha affermato la vice presidente Luiss Paola Severino. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1360fabd2a9ed55113203683

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 130 commissari della Polizia di Stato – D.C.P. 25/3/2021

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4^ Serie speciale “Concorsi ed esami” del 30 marzo 2021 è pubblicato il bando del concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 130 commissari della Polizia di Stato, indetto con decreto del Capo della Polizia del 25 marzo 2021. Le domande di partecipazione potranno essere presentate dalle ore 00.00 del 31 marzo 2021 alle ore 23.59 del 29 aprile 2021, utilizzando esclusivamente la procedura informatica disponibile all’indirizzo https://concorsionline.poliziadistato.it (cliccando sull’icona “Concorso pubblico”). A quest’ultima procedura informatica, il candidato può accedere attraverso i seguenti strumenti di autenticazione: Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), con le relative credenziali (username e password), che dovrà previamente ottenere rivolgendosi a uno degli “identity provider” accreditati presso l’Agenzia per l’Italia Digitale (A.G.I.D.), come da informazioni presenti sul sito istituzionale www.spid.gov.it;
Sistema di identificazione digitale “Entra con CIE” con l’impiego della “CIE” (Carta di Identità Elettronica), a cui si potrà accedere con tre modalità:
a) “Desktop” – si accede con pc a cui è collegato un lettore di “smart card contactless” per la lettura della CIE. Per abilitare il funzionamento della CIE sul proprio computer è necessario installare prima il “Software CIE“; b) “Mobile” – si accede da smartphone dotato di interfaccia NFC e dell’app “Cie ID” e con lo stesso si effettua la lettura della CIE; c) “Desktop con smartphone” – si accede da pc e per la lettura della CIE, in luogo del lettore di “smart card contactless”, l’utente potrà utilizzare il proprio smartphone dotato di interfaccia NFC e dell’app “Cie ID” .   Il candidato dovrà inoltre essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui personalmente intestata, ovvero di posta elettronica istituzionale (corporate) per i candidati appartenenti alla Polizia di Stato, dove riceverà le comunicazioni relative al concorso. bando di concorso certificato anamnestico _________________________________________________________________________________________________________ 13 luglio 2021 Si pubblicano i decreti relativi alla nomina delle commissioni per l’accertamento dell’efficienza fisica, psico-fisica edattitudinale e del verbale preliminare concernente i criteri di valutazione dei requisiti attitudinali. ______________________________________________________________________________________________________________ 5 luglio 2021 Si pubblicano le “Disposizioni relative allo svolgimento delle prove di efficienza fisica”, le “Disposizioni per l’accertamento dei requisiti psico-fisici” e le “Disposizioni per l’espletamento degli accertamenti attitudinali” ed i relativi protocolli Covid-19. _______________________________________________________________________________________________________________ 30 giugno 2021 Si comunica che la pubblicazione del diario e del luogo di svolgimento delle prove scritte del concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 130 commissari della carriera dei funzionari della Polizia di Stato, è rinviata al 30 luglio 2021. ___________________________________________________________________________________________________________ 23 giugno 2021 Si pubblica il decreto di approvazione della graduatoria della prova preselettiva. DIARIO E MODALITA’ PER LO SVOLGIMENTO DELL’ACCERTAMENTO DELL’EFFICIENZA FISICA E DEGLI ACCERTAMENTI PSICO-FISICI ED ATTITUDINALI. Le convocazioni all’accertamento dell’efficienza fisica ed agli accertamenti psico-fisici ed attitudinali sono programmate dal 12 luglio al 2 agosto 2021, esclusi sabato e domenica, come specificato dai calendari “A” (per i candidati non appartenenti alla Polizia di Stato) e “B” (per i candidati appartenenti alla Polizia di Stato), che si pubblicano. I candidati appartenenti leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1416062071dcb74f130205478

Sicurezza e legalità: firmato accordo con l’Università degli Studi Roma Tre

È stato siglato oggi a Roma un protocollo d’intesa tra il Dipartimento della pubblica sicurezza e l’Università degli Studi Roma Tre-Dipartimento di Giurisprudenza finalizzato allo sviluppo di progetti di formazione avanzata e di ricerca, con lo scopo di potenziare le conoscenze degli studenti nelle materie legate alla cultura amministrativa e alla sicurezza. L’accordo è stato firmato nella sede del nuovo Rettorato dell’Ateneo in via Ostiense dal capo della Polizia Lamberto Giannini, dal rettore Luca Pietromarchi e dal direttore del Dipartimento di giurisprudenza Giovanni Serges. Presenti alla cerimonia anche il vice capo della Polizia preposto all’attività di coordinamento e pianificazione delle Forze di Polizia Maria Teresa Sempreviva e il prorettore Marco Ruotolo che hanno contribuito alla definizione del progetto. L’intesa mira a rafforzare la connessione tra il mondo della formazione e le istituzioni, promuovendo forme di collaborazione anche con riferimento a nuovi paradigmi formativi, con finalità di informazione sulle attività e sulle carriere dell’Amministrazione della pubblica sicurezza e di orientamento nelle scelte professionali a beneficio degli studenti di Giurisprudenza. Inoltre è intenzioni delle Parti favorire la promozione della legalità nelle diverse forme di espressione, anche mediante attività di ricerca in materia, che potranno essere poi oggetto di pubblicazioni scientifiche. Attraverso iniziative di formazione (lezioni, seminari, stage, workshop), le nuove generazioni avranno la possibilità di approfondire l’organizzazione e il funzionamento dell’Amministrazione della pubblica sicurezza, sviluppando conoscenze e competenze tramite l’analisi di casi pratici riguardanti i principi generali dell’azione amministrativa e le attività della polizia giudiziaria. Il Capo della Polizia ed il Rettore hanno espresso grande soddisfazione per questa intesa, che potrà costituire un prezioso modello di partenariato da replicare anche in altri settori. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/3860f97a63878e6746966591

Lotta alla Mafia: il ricordo di Boris Giuliano

Questa mattina a Palermo è stato ricordato Boris Giuliano, il funzionario di Polizia a capo della Squadra mobile palermitana ucciso 42 anni fa con 7 colpi alla schiena in un agguato compiuto da Leoluca Bagarella, mentre stava prendendo un caffè in un bar di Palermo. In via Francesco Paolo Di Blasi, luogo dove fu assassinato Boris Giuliano, il questore Leopoldo Laricchia, alla presenza dei familiari e delle autorità civili e militari, ha deposto una corona d’alloro. A seguire è stata celebrata una Santa Messa presso la chiesa di San Giuseppe Capasso di via Benedettini. Anche a Messina sono state intraprese diverse iniziative per ricordare la figura e il sacrificio dell’allora capo della Squadra mobile palermitana, tra cui la scopertura di una targa in suo onore nel piazzale della Questura. Giuliano che rappresenta ancora oggi un esempio di professionalità, sacrificio e dedizione, per primo aveva capito che bisognava seguire il denaro per attaccare le organizzazioni criminali. Il funzionario aveva anche compreso il cambiamento criminale di Palermo negli anni 70 e i rapporti tra Cosa Nostra e la politica; fu il primo a indagare su Totò Riina negli anni in cui prendeva il potere e preparava la mattanza che avrebbe insanguinato Palermo dal 1978 al 1983. Inoltre da poliziotto perspicace e innovativo che era, intuì fin da subito la dimensione internazionale della mafia e fu tra i primi a credere nella cooperazione internazionale di polizia. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/3860f803381aad3172199522

Sicurezza: rinnovato accordo di cooperazione con l’Ucraina

Il capo della Polizia Lamberto Giannini ha incontrato ieri al Viminale il vice ministro dell’Interno Ucraino, Serhii Honcarov accompagnato dall’ambasciatore d’Ucraina in Italia, Yaroslav Melnyk. L’incontro si è svolto in un clima di costruttiva e fattiva collaborazione alla presenza del vice direttore generale per il Coordinamento, Mariateresa Sempreviva, e del direttore dell’Ufficio per il coordinamento e la pianificazione delle forze di polizia, Vittorio Lapolla. In apertura, il prefetto Giannini ha evidenziato la positiva collaborazione di polizia tra i sistemi di law enforcement, risalente ad un accordo intergovernativo del 1993. Accordo che è stato rivitalizzato alla luce delle nuove sfide e delle molteplici minacce che si è chiamati a fronteggiare insieme. Il 10 giugno scorso, è stato firmato il nuovo accordo di cooperazione in materia di sicurezza dalle rispettive autorità di governo che focalizza la collaborazione su un più ampio novero di reati. L’intesa prevede forme di partecipazione che vanno dallo scambio di informazioni a richieste di assistenza oltre alla possibilità di sviluppare gruppi di lavoro congiunti, seminari e consultazioni. Fondamentale nel rafforzamento di tale collaborazione, è la condivisione di momenti formativi congiunti già proficuamente sviluppati e da intensificare ulteriormente grazie alla partecipazione di ufficiali della Polizia ucraina ai corsi organizzati presso la Scuola internazionale di alta formazione per la prevenzione e il contrasto al crimine organizzato di Caserta. Nella collaborazione sarà ricercato anche lo scambio di buone prassi nella prevenzione e nel contrasto al crimine grave ed organizzato, al narcotraffico ed al terrorismo. Importanti ambiti di cooperazione sono stati anche individuati nella lotta all’immigrazione irregolare e nella sicurezza cibernetica. Su quest’ultimo punto il capo della Polizia Lamberto Giannini ha voluto rafforzare tale asset, rappresentando al vice ministro Honcarov le importanti riforme in atto nel nostro Paese con la costituzione non solo di un’Agenzia governativa per la cyber sicurezza nazionale, dipendente dalla Presidenza del Consiglio, ma anche dell’ istituzione di una nuova Direzione centrale che, all’interno del Dipartimento della Pubblica sicurezza, si occuperà proprio della nuova frontiera del cybercrime come specifica area di alta specializzazione della Polizia di Stato. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/3860f7e453cf5ee793183229

Poliziamoderna: nel numero di luglio le Olimpiadi di Tokio

Il primo piano del numero di luglio di Poliziamoderna è dedicato alle Olimpiadi di Tokyo che un record lo hanno già registrato prima di iniziare: saranno i primi Giochi della storia ad aver subito un rinvio a causa della pandemia e a svolgersi in un anno dispari! «Ma di certo la voglia di gareggiare sul palcoscenico più importante dello sport, il sogno di ogni atleta – ha commentato Valentina Vezzali, pluriolimpionica delle Fiamme oro e oggi sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega allo Sport – farà sì che potremo assistere a prestazioni sorprendenti. Lo sport insegna la resilienza e, quindi, la capacità di adattamento, senza perdere mai di vista l’obiettivo che ci siamo prefissati». Un altro record prima della partenza lo hanno “abbattuto” i Gruppi sportivi della Polizia di Stato con più di 70 atleti convocati per il Giappone. «Le Fiamme oro stanno lavorando benissimo – ha continuato il sottosegretario – lo so bene, dato che fino a qualche mese fa ero ancora con loro. E lo stanno facendo su molteplici fronti, non solo nell’alto livello, ma soprattutto nello sport “di base” attraverso le sezioni giovanili». «Siamo partiti dai 17 di Atene 2004, per poi passare ai 20 di Pechino 2008, ai 37 di Rio de Janeiro fino ad arrivare agli oltre 70 di Tokyo – ha spiegato il presidente dei Gruppi sportivi Francesco Montini – Negli ultimi anni ci siamo orientati anche verso altre discipline sportive come la ginnastica, l’arrampicata sportiva, il ciclismo, il surf. Inoltre, abbiamo iniziato a guardare oltre, vedendo nello sport al femminile il futuro dello sport italiano». E proprio due donne “cremisi”, Jessica Rossi e Beatrice “Bebe” Vio, condivideranno il ruolo di alfiere della delegazione azzurra alle cerimonie di apertura delle Olimpiadi e delle Paralimpiadi. «A Londra la portabandiera è stata un’altra poliziotta Valentina Vezzali poi è stata la volta di Federica Pellegrini e ora ci siamo noi due, una bella soddisfazione! – ci ha confidato Jessica Rossi – Questa per me sarà la terza Olimpiade ma l’emozione che provo è sempre come la prima volta. Naturalmente a Tokyo rivestendo il ruolo di portabandiera mi sento caricata di più responsabilità… Spero tanto di riuscire a trasformarla in grinta». Le ultime pagine del primo piano sono dedicate agli atleti e alle loro aspettative e sensazioni in vista dei Giochi. Le dichiarazioni dei convocati sono scaricabili dal sito internet poliziamoderna.it. Nel numero di luglio c’è inoltre un’attenta analisi della formazione, rivolta agli operatori delle forze di polizia, sull’ordine pubblico. La lezione del G8 di Genova di 20 anni fa non è stata dimenticata e proprio quell’evento ha rappresentato l’”anno zero” da cui ripartire. Ne abbiamo parlato con Gianpaolo Orditura, direttore del Centro di formazione per la tutela dell’ordine pubblico di Nettuno (Rm). leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/3860f6d37adb763663161496

Mafia e estorsioni: 13 arresti a Palermo

Una porzione di territorio fortemente condizionata dalla presenza di Cosa nostra dove imprenditori e commercianti sentivano la necessità di “essere autorizzati” dal referente mafioso della zona prima di aprire un’attività e dove tutti pagavano il pizzo senza denunciare. Questo è quanto scoperto stamattina a Palermo dalla Squadra mobile durante l’operazione Tentacoli che ha portato all’arresto di 13 persone appartenenti alle famiglie mafiose di Roccella e Brancaccio, accusate di associazione a delinquere di stampo mafioso, estorsione aggravata, traffico e detenzione di stupefacenti e possesso di armi. L’operazione giunge al termine di due anni di indagini che hanno riguardato le due famiglie che ricadono nel mandamento di Ciaculli. Sono una cinquantina gli episodi di estorsione rilevati dai poliziotti ai danni di vari operatori economici. I soldi del racket servivano per mantenere le famiglie dei carcerati. L’elenco delle attività colpite comprendeva anche supermercati, autodemolitori, macellerie, discoteche, imprese di costruzioni. Di denunce però neanche l’ombra. Chi provava a reagire doveva fare i conti con minacce, rapine o spedizioni punitive. In alcuni casi i commercianti si sono preoccupati di non figurare nel “libro mastro” delle estorsioni per evitare di essere coinvolti in eventuali retate della polizia. Persino durante l’emergenza epidemiologica e il lockdown, i pochi negozianti rimasti aperti versavano il pizzo ai mafiosi nonostante i volumi di affari si erano ridotti tantissimo. Anche in questa occasione purtroppo nessuna vittima del racket aveva presentato denuncia alle forze dell’ordine. I poliziotti hanno accertato anche la disponibilità di armi all’interno delle famiglie mafiose; armi perfettamente funzionanti che servivano per compiere rapine o spedizioni punitive. Durante una delle intercettazioni compiute dagli agenti della Squadra mobile, uno degli indagati sgrida un’amica che ha mandato la figlia a una manifestazione in ricordo della strage di Capaci. “Noi non ci immischiamo con Falcone e Borsellino. Non ti permettere. Io mai gliel’ho mandato mio figlio a queste cose… vergogna” queste le parole dell’indagato nei confronti della donna. “Se gli mandi la bambina sei una sbirra. Falcone, minchia che cosa inutile”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1360f68f44e7f29490655939

Caserta: distaccamento della Polizia stradale intitolata all’agente Giuseppe Baccaro

Si è tenuta, questa mattina, a Capua (Caserta), alla presenza del vice capo vicario della Polizia Maria Luisa Pellizzari, la cerimonia d’intitolazione del distaccamento di Polizia stradale alla memoria dell’agente scelto della Polizia di Stato Giuseppe Baccaro. Per l’occasione, presso la cattedrale di Santa Maria Assunta, si è tenuta una messa in ricordo del giovane agente, officiata dall’arcivescovo di Capua Salvatore Visco, alla quale hanno preso parte la madre Giuseppina Nocera, la sorella Margherita e il nipote Giuseppe, il prefetto ed il questore di Caserta, Raffaele Ruberto e Antonio Borrelli, il sindaco Luca Branco e il dirigente del compartimento della Polizia stradale Campania e Basilicata Giuseppe Beatrice. Il prefetto Pellizzari, che con i familiari di Giuseppe Baccaro ha proceduto allo scoprimento della targa di intitolazione, nel suo intervento ha sottolineato “Oggi siamo qui a ricordare un giovane ragazzo, un giovane poliziotto che sacrificò la sua vita per salvarne un’altra. Il suo atto eroico testimonia come noi non siamo mai liberi dal servizio, si è poliziotti sempre. Giuseppe lo sapeva e si è comportato di conseguenza. Lui e tutti i nostri caduti ci indicano la strada verso la quale dobbiamo andare, cioè essere al servizio dei cittadini per garantire la loro sicurezza. Ricordare è quindi un dovere verso le famiglie ma anche nei nostri confronti, cosi da capire sempre quale strada percorrere”. Successivamente, all’interno della struttura che ospita il distaccamento, è stato svelato il busto realizzato dall’artista Domenico Rispoli, posizionato all’ingresso, proprio in ricordo del giovane poliziotto che, nel 1983 a Castelvolturno (Caserta), libero dal servizio, in compagnia di un’amica, fu ucciso durante un tentativo di rapina rimanendo ferito mortalmente da due colpi di arma da fuoco. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/1360f6a219545d0648563853