Archivio dell'autore P.S.A. GROUP

Il ladro passa dalla porta di casa: 7000 euro il bottino medio nella ricerca Verisure

Ai topi d’appartamento bastano dai 5 ai 10 minuti per rubare fino a 7000 euro tra contanti e oggetti di valore. Questa la media italiana del valore dei furti in abitazione rilevata da una recente analisi targata Verisure in collaborazione con l’Istituto di Ricerca internazionale Kantar TNS. Che rivela anche che i ladri quasi sempre passano direttamente dalla porta di casa. Scontato? Non proprio.
Questi i risultati più interessanti della ricerca.

1) Sette vittime di furto domestico su 10 dichiarano di aver ricevuto la visita dei ladri durante una breve assenza: il 45% dei furti in abitazione è durato infatti massimo 10 minuti. Addirittura, il 10% delle vittime dichiara che il furto è durato appena 5 minuti, mentre un altro 46% afferma che i ladri abbiano impiegato più di 10 minuti, ma sicuramente meno di un’ora, per svaligiare la casa. Solo il restante 9% sostiene che i ladri abbiano passato oltre un’ora a rovistare.

2) Il valore medio degli oggetti rubati ammonta a 7.180 euro. Ma è il valore sentimentale degli oggetti rubati a ferire le vittime di furto, più di quello economico, nel 75% dei casi.

3) Per entrare negli appartamenti i ladri passano direttamente dalla porta (51%); un ladro su due ricorre al furto con scasso. Nel 45% dei casi i malintenzionati entrano attraverso le finestre, mentre nel restante 4% passano dal garage. Per rubare in una villa, i ladri utilizzano invece in egual misura la porta d’ingresso e le finestre o balconi, indipendentemente dal fatto che siano al pian terreno o al piano superiore. La porta sul retro della villa è utilizzata nel 13% dei casi. Portefinestre o porte a vetri nell’8% dei casi.

4) Le misure di sicurezza più utilizzate dagli Italiani sono:

. Porte blindate (45%), anche se solo il 12% degli italiani le ritiene efficaci;
. Sistema d’Allarme: a fine 2018, il 37% degli italiani aveva già installato un sistema di allarme mentre il 41% dichiarava di aver intenzione di proteggere la propria casa con un allarme entro i prossimi 12 mesi. Per proteggere gli accessi all’abitazione, il sistema di allarme deve essere completo di sensori per porte e finestre. La connessione con una Centrale Operativa rende il sistema attivo. Il fumogeno è una delle risposte tecnologiche più efficaci, impedendo la visuale ai malintenzionati;
. Grate o inferriate: il 30% degli italiani ha installato anche grate o inferriate alle finestre della propria casa, ma solo il 17% le ritiene efficaci.

The post Il ladro passa dalla porta di casa: 7000 euro il bottino medio nella ricerca Verisure appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/vigilanza-tecnologica/il-ladro-passa-dalla-porta-di-casa-7000-euro-il-bottino-medio-nella-ricerca-verisure-8058.html

Category: Primapagina, Vigilanza Tecnologica, Verisure

Concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 81 posti di medico da immettere nella qualifica iniziale della carriera dei medici della Polizia di Stato, indetto con decreto del Capo della Polizia del 5 novembre 2018.

Nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana 4^ Serie speciale “Concorsi ed esami” del 6 novembre 2018 è pubblicato il concorso pubblico, per titoli ed esami, per l’assunzione di 81 medici da immettere nella qualifica iniziale della carriera dei medici della Polizia di Stato. Le domande di partecipazione potranno essere presentate dalle ore 00.00 del 7 novembre 2018 alle ore 23.59 del 6 dicembre 2018, utilizzando esclusivamente la procedura informatica disponibile all’indirizzo https://concorsionline.poliziadistato.it (cliccando sull’icona “Concorso pubblico”). Il candidato potrà accedere al portale utilizzando unicamente il Sistema Pubblico di Identità Digitale (SPID), con le relative credenziali (username e password), che dovrà previamente ottenere rivolgendosi a uno degli identity provider accreditati presso l’Agenzia per l’Italia Digitale (A.G.I.D.), come da informazioni presenti sul sito istituzionale www.spid.gov.it. Il candidato dovrà inoltre essere in possesso di un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC) a lui personalmente intestato, dove riceverà le comunicazioni relative al concorso. Bando di concorso Certificato anamnestico Pubblichiamo il decreto di nomina della Commissione esaminatrice. Pubblichiamo il decreto di sostituzione del Prof. Antonelli Pubblichiamo il decreto di sostituzione del Prof. Greco Pubblichiamo il Verbale n. 1 della commissione esaminatrice relativo ai criteri di valutazione delle prove concorsuali. Pubblichiamo il verbale n. 5 del 14 marzo 2019 della commissione esaminatrice relativo ai criteri di valutazione dei titoli e di attribuzione dei relativi punteggi. _____________________________________________________________________________________________________________________________________________ 28 maggio 2019 Nella Gazzetta ufficiale – IV serie speciale – Concorsi ed esami del 28 maggio 2019 è stato pubblicato l’avviso di approvazione della graduatoria generale e delle graduatorie di merito provvisorie e delle dichiarazioni di nomina provvisoria dei vincitori. Al fine di ottemperare alle indicazioni fornite dalle linee guida in materia di trattamento dei dati personali il nominativo dei candidati, che compaiono nelle graduatorie suddette, è stato sostituito dal codice identificativo indicato nell’angolo in alto a sinistra nella domanda presentata online. _____________________________________________________________________________________________________________________________________________ 3 maggio 2019 Dall’ 8 al 15 maggio 2019 i 100 candidati giudicati idonei alle prove scritte sosterranno la prova orale a partire dai candidati il cui cognome inizia con la lettera “U,” estratta a sorte in occasione delle suddette prove scritte. Le prove orali si svolgeranno, in forma pubblica, presso la Scuola Superiore di Polizia sita in viale del Vignola, n. 60 – Roma. La Commissione esaminatrice ha fissato il seguente calendario per la convocazione dei candidati: 8 maggio 2019 ore 9.00 9 maggio 2019 ore 14.00 13 maggio 2019 ore 14.00 14 maggio 2019 ore 9.00 15 maggio 2019 ore 14.00 _________________________________________________________________________________________________________________________________________ 5 aprile 2019 Si pubblicano i risultati delle prove scritte del concorso. Al fine di leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/18485be1a39c8894f487047866

Napoli: presa banda delle rapine in banca

Avevano preso di mira solo le filiali della Banca Popolare di Bari i componenti della banda di rapinatori fermata stamattina dai poliziotti della Squadra mobile di Napoli e da quelli del commissariato Giugliano-Villaricca. Sei persone sono state arrestate, di cui una donna, mentre ad una è stato notificato il divieto di dimora. Gli indagati son responsabili di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro il patrimonio, rapina aggravata, lesioni personali aggravate e falso. Le rapine, sei portate a termine e due tentate, sono state commesse a Napoli e in provincia e a Caserta, tra il 7 novembre 2017 e 4 settembre 2018.
Le indagini sono partite a seguito di una rapina aggravata compiuta il 26 gennaio 2018 presso la filiale di Giugliano in Campania (Napoli) della Banca Popolare di Bari nel corso della quale il gruppo criminale, dopo aver minacciato il cassiere con un taglierino, portò via circa 120mila euro in contanti. Da qui i poliziotti hanno delineato tutti i ruoli ricoperti dai componenti dell’associazione che entravano in azione armati di pistola, taglierini e fascette di plastica per immobilizzare i presenti. Donatella Fioroni leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135da58ee69c8ed361069850

Concorso AUFP Marina 2019 – Graduatorie Finali

Pubblicate le Graduatorie Finali di Merito del Concorso AUFP Marina 2019.

All’Interno delle Graduatorie, distinte per Corpo, sono indicati i Nomi dei Candidati dichiarati Vincitori, con riserva dell’accertamento dei requisiti di partecipazione, del Concorso AUFP Marina 2019, ammessi al 19° corso Allievi Ufficiali in Ferma Prefissata (AUFP) della Marina Militare.

Consulta e Scarica le Graduatorie Finali di Merito

L’articolo Concorso AUFP Marina 2019 – Graduatorie Finali sembra essere il primo su Nissolino Corsi – Preparazione Concorsi Militari.

leggi tutto

From: https://www.nissolinocorsi.it/concorso-aufp-marina-2019-graduatorie-finali/

Category: Concorsi Marina

Trieste: oggi la camera ardente per Matteo e Pierluigi

Sarà aperta alle 17.00 di oggi, a Trieste, la camera ardente per Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due poliziotti uccisi a Trieste il 4 ottobre. Tutti coloro che vorranno rendere omaggio a Matteo e Pierluigi, potranno farlo presso il famedio della Questura che sarà aperto al pubblico anche durante la notte. Domani, invece, sempre a Trieste, alle 11.30 ci saranno i funerali nella chiesa di Sant’Antonio Taumaturgo (Piazza Sant’Antonio Nuovo). La Santa Messa che sarà celebrata dal vescovo di Trieste Giampaolo Crepaldi, sarà trasmessa in diretta su Rai1, sulla nostra pagina Facebook e sul nostro sito web a partire dalle ore 11.20. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385da5864f44696430302734

Alessandria: Gabrielli in città per due impegni istituzionali

Doppio appuntamento per il capo della Polizia Franco Gabrielli questa mattina ad Alessandria: ha presieduto la cerimonia d’intitolazione dell’area davanti alla Scuola allievi agenti della Polizia di Stato “A. Cardile”, al tenente generale Francesco Montalbano, e poi ha ritirato, per la Polizia di Stato, la cittadinanza onoraria di Castellazzo Bormida, paese a pochi chilometri dalla città. Il tenente generale Francesco Montalbano è stato il primo comandante della Scuola ed è conosciuto anche per esser stato ufficiale di collegamento con i partigiani durante la 2^ Guerra mondiale. Dopo il saluto del questore di Alessandria Michele Morelli, e l’intervento del sindaco Gianfranco Cuttica, ha preso la parola il prefetto Gabrielli. Conclusa la cerimonia ad Alessandria, il capo della Polizia ha raggiunto Castellazzo Bormida, paese natale di Giovanni Gasti di cui quest’anno ricorre il 150° anniversario della nascita. Giovanni Gasti, funzionario di pubblica sicurezza, è noto per essere considerato il “padre” del primo sistema (in uso fino al 2000) di individuazione e catalogazione delle impronte digitali. La giunta comunale ha deciso di onorare il suo illustre concittadino riconoscendo la cittadinanza onoraria alla Polizia di Stato. Dopo la consegna della pergamena che attesta il prezioso riconoscimento, c’è stata la scopertura di una lapide commemorativa in onore di Gasti, benedetta dal vescovo di Alessandria Guido Gallese. La cerimonia si è svolta presso il Salone consiliare del Comune con una breve introduzione da parte del sindaco Gianfranco Ferraris che ha poi lasciato la parola al capo della Polizia. In conclusione dell’evento il prefetto Gabrielli ha visitato la casa natale di Giovanni Gasti luogo che ospita fino ad oggi alle 14 la mostra fotografica della Polizia scientifica “Frammenti di storia”. La Mostra poi verrà allestita presso l’università di Alessandria dove sarà visitabile gratuitamente il 17 e il 18 ottobre. Olivia Petillo leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155da58a53afbdc074018716

Pugilato: Angela “The Tiger” carini è vice campionessa del mondo

Angela “The Tiger” Carini è vice campionessa del mondo. La pugile delle Fiamme oro si è messa al collo uno splendido argento, l’unica medaglia vinta dalla spedizione azzurra ai Mondiali Aiba femminili svolti allo Sport Complex di Ulan Ude (Russia). La cavalcata trionfale di Angela si è interrotta in finale, dove ha combattuto contro la cinese Dou Dan, testa di serie numero uno e leader del ranking mondiale della categoria 64 chilogrammi. Il match è stato molto equilibrato, e, nonostante il verdetto unanime della giuria, tre dei cinque round sono stati veramente sul filo di lana, tanto che molti hanno espresso dubbi sul verdetto finale. Angela ha combattuto molto bene, prendendo per larghi tratti il controllo dell’incontro; ha portato con insistenza colpi al corpo e al volto dell’avversaria, e in diversi momenti l’ha anche costretta alle corde. È stata comunque un’ottima esperienza, la prima nei superleggeri per la pugile cremisi che ha sempre combattuto nei 69 chilogrammi, categoria nella quale combatterà ai giochi olimpici di Tokyo 2020. Molto soddisfatto anche il direttore tecnico della nazionale azzurra Emanuele Renzini: “È stata una sfida, a volte anche sfibrante, anche con il mantenimento della categoria. Cosa che però non ha impedito ad Angela di sciorinare grandissime prestazioni qui in Russia. Oggi, già dal riscaldamento pre match, l’avevo vista un po’ sottotono poiché ha praticamente combattuto per tre giorni consecutivi, non avendo modo di recuperare nella giusta maniera. Se Angela fosse stata in forma, come nel match contro l’americana, avrebbe vinto in scioltezza, a mio avviso. Sono comunque soddisfattissimo di questo argento e di ciò che ha fatto Angela”. Dopo l’incontro, anche se con l’amaro in bocca per la medaglia d’oro sfumata, sulla sua pagina Facebook, Angela ha dedicato l’argento a Matteo Demenego e Pierluigi Rotta, i due poliziotti uccisi a Trieste qualche giorno fa: “Anche se non è andata come volevo per un verdetto ingiusto, avevo nel cuore una dedica. Volevo dedicare la mia medaglia a voi figli delle stelle che quando alzerò gli occhi di notte guarderò e saluterò con onore. Questa medaglia è per voi Matteo e Pierluigi che avete indossato quella divisa con onore e dedizione, avete lottato fino all’estremo sacrificio per la giusta causa. Onore ai caduti in servizio”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165da4a3c7eb172485577068

Dall’uomo al dato: la rivoluzione della sicurezza privata in CoESS

COESS – FEDERSICUREZZA 6th EUROPEAN SECURITY SUMMIT – Rome 10th October 2019 – Confcommercio

Mentre in Italia l’industria della vigilanza privata si arrovella su come razionalizzare il costo uomo e su come operare la difesa della persona, le punte più avanzate d’Europa – dove nascono i leader globali dell’industria della security privata – hanno da tempo spostato il focus dall’uomo al dato, quale risorsa generatrice di valore e capace di incidere positivamente sul business della clientela. È infatti la gestione dei dati, raccolti tramite soluzioni tecnologiche sempre più sofisticate (dall’intelligenza artificiale alla realtà aumentata, all’IoT), ad aggiungere valore al core business del cliente finale, trasformando l’offerta di security da centro di costo a soluzione tecnologica abilitatrice di strategie, benefici e risparmi. E’ quanto è emerso dal meeting organizzato il 10 Ottobre a Roma da CoESS, Confederazione dei servizi di sicurezza europei, che riunisce 23 associazioni di 18 membri UE, con 45.000 società di sicurezza private, due milioni di addetti e un fatturato annuo di oltre 40 miliardi di euro.

L’occasione era il 30ennale della Confederazione, che vede l’industria italiana della security privata rappresentata da FederSicurezza, Federazione italiana del Settore della Vigilanza e Sicurezza Privata aderente a Confcommercio, non a caso sede dell’interessante evento.

Mission del CoESS non è, come si potrebbe pensare, l’armonizzazione delle norme nazionali in materia di sicurezza (l’Italia ha scontato per 50 anni le restrizioni di un TULPS che limitava le licenze a livello provinciale, negando alle imprese ogni possibilità di dimensionamento), ma quella di definire standard di servizio sempre più elevati. E naturalmente volontari. Questo per un motivo: la sicurezza low cost non esiste. O c’è sicurezza, o non c’è. E la stessa sicurezza non può che definirsi come mitigazione di un rischio a livelli sostanzialmente tollerabili.

Forte di questa mission, il 10 Ottobre CoESS ha proposto nuovi modelli di cooperazione e partenariati pubblico-privati e servizi di security evoluti per bocca di alti funzionari istituzionali e top manager di aziende del calibro di G4S, Securitas, Prosegur o Aproser. Aziende di dimensioni inimmaginabili alle nostre latitudini (per fare un esempio: il primo polo industriale italiano conta 18.000 dipendenti, contro i 546.000 di G4S) e che impiegano addetti essenzialmente disarmati con modelli di business incentrati sulla tecnologia e la gestione dei dati.

Scorci di un futuro ancora lontano per noi, e che tuttavia vede delle analogie con la situazione italiana: una polarizzazione di mercato ed una specializzazione sempre più forte, che – così auspicano i leader globali – li porterà a competere con colossi che masticano dati sin dalla loro fondazione, come Google, Apple o Amazon.

Ma se l’Europa corre ad una velocità tanto diversa e la nostra idea di qualità si riferisce ad altri servizi, ha senso dialogare con realtà come il CoESS?

Assolutamente sì. Tramite gli organismi di respiro europeo possiamo veicolare nodi che si faticano a sciogliere sul piano nazionale, a partire dall’apertura della vigilanza privata ad altri e più fruttuosi business” – dichiara Luigi Gabriele, Presidente di FederSicurezza. “Tutela della persona e contractor per i compound militari in scenari bellici ci leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/dalluomo-al-dato-la-rivoluzione-della-sicurezza-privata-in-coess-3459.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, coess, federsicurezza

Anche la Polizia all’Air show Linate

Anche la Polizia di Stato partecipa con i suoi mezzi all’Air show organizzato per la riapertura dell’aeroporto di Linate, oggi e domani, e che culmina con lo spettacolo delle Frecce Tricolori che non si esibiscono a Milano dal 1957.
Al “Linate Air Village”, allestito presso il piazzale degli aeromobili di Linate, sono presenti gli stand delle varie forze dell’ordine. La Polizia di Stato partecipa con i mezzi storici, con l’elicottero del Reparto volo e la Lamborghini della Polizia stradale. All’interno dello stand i visitatori possono conoscere le iniziative e i progetti della questura e della Polizia di frontiera. Non potevano mancare la Polizia scientifica e le esibizioni dei cani poliziotto. All’interno del Village inoltre, uno spazio è dedicato alla Festa nazionale della Protezione civile, alle cui iniziative partecipa anche il III Reparto mobile di Milano con i propri mezzi. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135da199441c9fb020518872

Roma: la cerimonia per il 55° anniversario dell’accademia di Polizia

Si è svolta questa mattina, presso la Scuola superiore di polizia, a Roma, la cerimonia per il 55° anniversario dell’istituzione dell’Accademia per gli ufficiali del Corpo delle guardie di pubblica sicurezza. All’evento ha preso parte il capo della Polizia Franco Gabrielli, accolto per l’occasione dal direttore della Scuola Anna Maria di Paolo e dai 12 capi corso dei corsi dell’accademia. Prima di raggiungere l’aula “Vincenzo Parisi” dove erano presenti tutti gli ospiti, il prefetto Gabrielli ha deposto dei fiori nel Sacrario dei caduti della polizia. Durante la cerimonia il capo della Polizia Franco Gabrielli nel suo intervento ha espresso “Sentimenti di riconoscenza perché i colleghi che hanno frequentato l’Accademia sono stati chiamati a gestire un momento difficile della vita dell’Amministrazione”. Il Prefetto ha poi proseguito dicendo “Grazie, grazie di esistere, grazie per chi ancora oggi interpreta in maniera corretta il proprio ruolo costituendo un esempio per le nuove generazioni”. “Sono felice – ha poi concluso il prefetto Gabrielli – di partecipare a questi raduni perché attraverso il vostro esempio i colleghi che ancora vivono l’esperienza dell’Amministrazione percepiscano quanto si debba essere attaccati a quella giubba, a quei valori, a quella storia e a quella tradizione che ha fatto grande l’Amministrazione”. L’accademia, fino all’ entrata in vigore la legge di riforma del Corpo il 1° aprile 1981, ha formato, nei 12 corsi che si sono svolti, oltre 400 ufficiali che, alla fine di quattro anni di istruzione assumevano il comando di uomini e reparti. Alcuni di quegli ufficiali sono ancora oggi in servizio e ricoprono posti di alta responsabilità all’interno del Dipartimento della pubblica sicurezza. Originariamente la prima istituzione formativa (1902) aveva la denominazione di Scuola superiore di polizia e addestrava i funzionari; nel 1964, sempre all’interno della struttura di via Pier della Francesca, a Roma, venne istituita anche l’Accademia che formava invece gli ufficiali del Corpo. Nel 1982, però, entrambe le funzioni formative vennero unificate nell’Istituto superiore di polizia; quest’ultimo assunse nel 2006 la vecchia denominazione di Scuola superiore di polizia con compiti di alta formazione dei funzionari della Polizia di Stato e di altre forze di polizia, non solo italiane. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385da1b9efd71ad263912045