Archivio dell'autore P.S.A. GROUP

Concorso 2.225 VFP1 Marina Militare 2019 (2° Blocco) – Elenchi convocati Accertamenti Psico-Fisici e Attitudinali

Riportiamo, man mano che vengono resi pubblici, gli Elenchi dei Candidati Convocati per gli Accertamenti psico-fisici e attitudinali del 2° blocco del Concorso 2.225 VFP1 Marina Militare 2019.

In questo articolo possono essere consultati gli Elenchi dei candidati convocati per gli Accertamenti psico-fisici e attitudinali dei settori d’impiego CEMM Navale e CP del Concorso 2.225 VFP1 Marina Militare 2019.

I Candidati presenti negli elenchi dovranno presentarsi, entro le 7,15 del giorno specificato accanto a ciascun nominativo, presso la caserma della Marina Militare “Ignazio Castrogiovanni” di Taranto in Via Cagni, 2.. Gli Accertamenti psico-fisici e attitudinali avranno una durata massima di tre giorni, con la possibilità di usufruire del solo vitto. Gli aspiranti dovranno presentarsi muniti di quanto indicato nell’articolo 13, commi 2 e 3 del bando.

Consulta e Scarica gli Elenchi dei Convocati

15/03/2019 Primo Elenco dei Convocati – CEMM Navale e CP

L’articolo Concorso 2.225 VFP1 Marina Militare 2019 (2° Blocco) – Elenchi convocati Accertamenti Psico-Fisici e Attitudinali sembra essere il primo su Nissolino Corsi – Preparazione Concorsi Militari.

leggi tutto

From: https://www.nissolinocorsi.it/concorso-2-225-vfp1-marina-militare-2019-2-blocco-elenchi-convocati-accertamenti-psico-fisici-e-attitudinali/

Category: Concorsi Marina

Rapina in villa a Cremona: 5 arresti

Con un’operazione chiamata “Bad Boys” la Squadra mobile di Cremona ha arrestato 5 stranieri accusati di appartenere ad una banda che nel giugno 2018 aveva organizzato e messo in atto una rapina in una villa di Crema, durante la quale 4 persone (due delle quali armate di pistola) tennero in ostaggio i 4 componenti della famiglia presenti. Durante l’incursione fu sradicata una cassaforte, dalla quale i rapinatori, che per scoraggiare ogni possibile tentativo di resistenza colpirono al volto con un pugno una delle vittime, prelevarono denaro e gioielli, asportando numerosi capi d’abbigliamento ed accessori di lusso, per un valore totale di circa 200 mila euro. Le indagini condotte dagli agenti tra il giugno e il dicembre del 2018, oltre ad accertare la responsabilità degli indagati sulla rapina con l’attribuzione ad ognuno di un ruolo ben preciso, hanno anche dimostrato che i 5 erano responsabili di altre attività criminali nel territorio cremasco, come le estorsioni e lo spaccio di droga. La compagna del leader della banda fu la basista della rapina in ragione della conoscenza approfondita dell’abitazione. Grazie alle sue informazioni fu possibile pianificare con cura l’incursione da parte del suo compagno e di un complice. Altri quattro connazionali furono incaricati di fornire appoggio logistico. Immediatamente dopo il colpo i malviventi fuggirono verso l’hinterland milanese a bordo di due macchine. Nel corso dell’attività investigativa sono stati effettuati due arresti in flagranza: uno di un 27enne, trovato in possesso di mezzo etto di cocaina; l’altro del leader della banda per un’estorsione ai danni di un pensionato, fatto per il quale è in carcere. È emerso inoltre che i membri della banda fossero animati dal bisogno inesauribile di soldi per soddisfare ogni tipo di desiderio o “vizio”, come il consumo di droga. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/135c8b7ff6be4d9809983002

Genova: arrestate quattro minorenni specializzate in furti in appartamento

Arrestate dalla Squadra mobile di Genova quattro ragazze minorenni di etnia rom per furti in abitazioni. L’indagine ha consentito di individuare un gruppo composto da 10 minorenni, tra i quali alcuni di età inferiore ai 14 anni che, nell’estate scorsa, ha svaligiato in poco più di due mesi circa 12 abitazioni nel centro storico del capoluogo ligure. Il gruppo era ben collaudato e organizzato: dopo aver effettuato sopralluoghi utili a pianificare i colpi, le giovani entravano nelle abitazioni forzando la porta d’ingresso o utilizzando carte di credito come sblocco e dopo ogni colpo, facevano perdere le loro tracce trasferendosi in altre città del Centro-Nord Italia. I poliziotti hanno prima individuato una delle arrestate mentre, con il compagno e una giovane parente, aveva trovato alloggio in un’abitazione vicina al Porto Antico a Genova; qui avevano probabilmente posto le basi per la commissione di nuovi furti in quanto, al momento del controllo, sono stati sorpresi con numerosi strumenti di effrazione. Le altre tre, invece, sono state rintracciate a La Spezia, Varese e Orvieto (Terni); mentre gli altri componenti del gruppo sono ancora ricercati. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385c8b8a3b420b9150523459

Pattuglie miste italo-svizzere alla frontiera Como – Ponte Chiasso

Da oggi le pattuglie che controllano la frontiera di Como – Ponte Chiasso saranno miste: i poliziotti italiani e le Guardie di Confine svizzere coopereranno per la prevenzione e la repressione della migrazione irregolare e della criminalità transfrontaliera nella comune fascia di confine, rafforzando, in tal modo, l’ottima cooperazione operativa tra le parti. L’attività è stata avviata alla presenza del sottosegretario all’Interno Nicola Molteni e del direttore Centrale dell’Immigrazione e della Polizia delle frontiere Massimo Bontempi. Il servizio congiunto rientra nella dichiarazione sottoscritta il 18 febbraio a Chiasso dal prefetto Massimo Bontempi e dal direttore delle Dogane svizzere Christian Bock che ha previsto, inoltre, una specifica formazione, con lezioni sia teoriche che pratiche, per gli operatori dei due Paesi. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/385c8b9ac9bed62535561360

Nuova Prassi UNI sulla sicurezza privata: per le Associazioni di Vigilanza Privata è nulla

E’ già polemica sulla nuova prassi di riferimento UNI/PdR 54 “sicurezza privata – Mappatura delle attività degli operatori della vigilanza (sicurezza complementare sussidiaria), sicurezza ausiliaria, servizi controllo stewarding e investigazione”, sviluppata su iniziativa dell’Associazione Italiana Sicurezza Sussidiaria (AISS). Secondo le Associazioni della Vigilanza Privata (ANIVP, ASSIV, Assovalori, Federsicurezza, Legacoop), mancherebbe nell’associazione proponente la rappresentatività necessaria per proporre e dunque per sviluppare una prassi.Le attività di vigilanza privata, complementare e sussidiaria a quelle delle Forze dell’Ordine, sono infatti di esclusiva competenza delle Guardie Particolari Giurate, “personale decretato ed armato” – si legge in una nota congiunta – “che opera alle dipendenze di Istituti di Vigilanza Privata, quando non direttamente dagli Enti i cui beni sono oggetto di protezione. Le aziende
che legittimamente svolgono attività di sicurezza complementare e sussidiaria sono riunite in alcune associazioni – fra cui ANIVP, ASSIV, Assovalori, Federsicurezza, Legacoop – che sono socie UNI, il cui statuto ne legittima la rappresentanza per le attività e i servizi di competenza. AISS non è fra quelle perché, come da suo statuto, rappresenta aziende che svolgono servizi di sicurezza non armati e società di investigazione e, quindi, non risulterebbe aver alcun titolo per normare attività che non fanno riferimento a suoi associati”.

Le Associazioni segnalano inoltre alcune irregolarità nella procedura di elaborazione, tali da giustificare il ritiro e l’annullamento della prassi UNI/PdR 54.

Staremo a vedere come andrà a finire.

Richiesta Ritiro PdR UNI 54 – 2019

Richiesta-ritiro-PdR-UNI-54.pdf

115.3 KiB
12 Downloads
Dettagli

Categoria:VarieData:14 Marzo 2019

The post Nuova Prassi UNI sulla sicurezza privata: per le Associazioni di Vigilanza Privata è nulla appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/nuova-prassi-uni-sulla-sicurezza-privata-per-le-associazioni-di-vigilanza-privata-e-nulla-1234.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, aiss

Concorso Allievi Marescialli 2019 (Esercito, Marina, Aeronautica) – Banca Dati

Pubblicata la Banca Dati della Prova per la Verifica delle Qualità Culturali e Intellettive del Concorso Allievi Marescialli 2019 (Esercito, Marina, Aeronautica).

La Banca Dati è valida per la Preparazione alla Prova per la Verifica delle Qualità Culturali e Intellettive dei Concorsi per l’ammissione al 22° corso biennale (2019 – 2021) di 129 Allievi Marescialli dell’Esercito, 81 Allievi Marescialli della Marina Militare e 96 Allievi Marescialli dell’Aeronautica Militare.

La risposta esatta è quella indicata nella prima colonna. A fianco di ogni Materia riportiamo la Forza Armata corrispondente.

Consulta e Scarica la Banca Dati

Attualità (Esercito)
Cittadinanza e Costituzione (Esercito, Marina, Aeronautica)
Fisica (Aeronautica)
Geografia (Esercito, Marina, Aeronautica)
Storia (Esercito, Aeronautica)
Inglese (Esercito, Marina, Aeronautica)
Italiano (Esercito, Marina, Aeronautica)
Aritmetica (Esercito, Aeronautica)
Trigonometria (Marina)
Algebra (Esercito, Marina, Aeronautica)
Geometria (Esercito, Marina, Aeronautica)
Logico-Meccanico (Marina)
Analitico-Verbale (Marina)
Analitico-Alfanumerico (Marina)
Analitico-Deduttivo (Aeronautica)

L’articolo Concorso Allievi Marescialli 2019 (Esercito, Marina, Aeronautica) – Banca Dati sembra essere il primo su Nissolino Corsi – Preparazione Concorsi Militari.

leggi tutto

From: https://www.nissolinocorsi.it/concorso-allievi-marescialli-2019-esercito-marina-aeronautica-banca-dati-2/

Category: Concorsi Esercito, Concorsi Marina, Concorsi Aeronautica

Torna il Rapporto Federsicurezza: il mercato della vigilanza privata sotto la lente

Torna l’atteso Rapporto, firmato Format Research in collaborazione con Federsicurezza, sull’andamento del mercato della sicurezza privata in Italia. Numeri, dati e sentiment degli operatori della vigilanza privata verranno quest’anno arricchiti da un focus sulla situazione meridionale (criticità, peculiarità del tessuto sociale e criminale, ricchezza del territorio) e da uno spaccato sulle nuove opportunità di business offerte dalla tecnologia e dalla sicurezza cyber, elemento ormai imprescindibile di un’offerta integrata di sicurezza.La presentazione del Rapporto 2019, di scena a Napoli il prossimo 9 Aprile, fornirà l’ancoraggio numerico per una tavola rotonda di discussione tra forze politiche, autorità di riferimento, grandi utenti e operatori del settore. Il convegno “Rapporto Federsicurezza 2019 – Cyber, tecnologie, servizi innovativi: nuovi scenari per una vigilanza privata evoluta” sarà anche l’occasione per presentare la neonata Federsicurezza Sud, branch federale interamente dedicata alle imprese di sicurezza dell’area centro-meridionale.

L’evento, di scena nella splendida cornice dell’Hotel Royal Continental di Napoli, è ad ingresso libero previa registrazione presso: eventi@federsicurezza.it

The post Torna il Rapporto Federsicurezza: il mercato della vigilanza privata sotto la lente appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/torna-il-rapporto-federsicurezza-il-mercato-della-vigilanza-privata-sotto-la-lente-7657.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, rapporto federsicurezza

Terni: arrestato scafista che, ubriaco, provocò naufragio di un barcone e la morte di 10 persone

Nel marzo 2015 era stato protagonista negativo della tragedia del mare nella quale persero la vita per annegamento almeno 10 migranti, tra cui un bimbo di 2 anni. Molti superstiti del naufragio lo indicarono come il comandante del barcone che, ubriaco, aveva continuato a pilotare fino al Canale di Sicilia, nonostante il natante imbarcasse acqua sin da poco dopo la partenza dalla Libia. Finalmente la Corte di Assise di Siracusa, ha emesso il suo verdetto, riconoscendo l’uomo come comandante e conducente del barcone di 15 metri che, in pessime condizioni, sovraccarico e privo di dispositivi di salvataggio, condotto peraltro in stato di ebbrezza, è naufragato provocando molte vittime. Il tunisino è stato condannato a 11 anni e 8 mesi di reclusione nonché al pagamento di 4 milioni e 400mila euro come risarcimento dei danni. Subito dopo il naufragio lo scafista fu arrestato e rimase in carcere un anno in attesa del processo; trascorsi i termini della custodia cautelare l’uomo fu scarcerato e, dopo essere stato espulso, fu accompagnato al Centro di permanenza e rimpatrio di Bari. Appena arrivato nel Centro il 42enne presentò richiesta di protezione internazionale, e, in attesa dello status di rifugiato, lasciò Bari per tornare a Terni. Sino ad oggi l’indagato, che nel frattempo si era sposato con una ragazza di Terni, era stato sempre monitorato dagli agenti dell’Ufficio immigrazione ternano, che, quando hanno ricevuto il mandato di cattura, lo hanno subito rintracciato e arrestato. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/165c8a36d373d3c070174075

Vigilanza Privata: taglio INAIL del 35.67 per mille per le guardie giurate

Ottime notizie per la vigilanza privata, le investigazioni e i servizi fiduciari: il decreto attuativo a doppia firma Ministero del Lavoro/MEF, che ratifica il taglio delle tariffe INAIL, riduce notevolmente il tasso che le imprese dovevano pagare annualmente all’Istituto Nazionale Assicurazione Infortuni sul Lavoro. Se finora per le guardie giurate il tasso era del 55 per mille, dal 2019 il tasso scende infatti al 19.33 per mille (- 35,67!). Stessa tariffa per i servizi investigativi, di guardiania e sorveglianza, sinora in media pari al 41 per mille: per queste categorie di lavoro il risparmio è del – 21,67 per mille.

Questo passo, il primo verso la riduzione del cuneo fiscale promessa dal Ministro del Lavoro Luigi Di Maio, nel terziario arriverà a tagliare il tasso INAIL anche fino al 50%, con un risparmio annuo per le imprese, calcolato da C0nfcommercio, di oltre 500 milioni di euro. Ma non manca la nota polemica: se ci si possono permettere tagli di tale rilevanza, è evidente che i premi sinora richiesti fossero ingiustificati.

The post Vigilanza Privata: taglio INAIL del 35.67 per mille per le guardie giurate appeared first on Vigilanza Privata Online.

leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/vigilanza-privata-taglio-inail-del-35-67-per-mille-per-le-guardie-giurate-7653.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, inail

Gabrielli a Trento per commemorare il maresciallo Massarelli

Si sono svolte questa mattina a Trento le celebrazioni in ricordo del maresciallo Francesco Massarelli, medaglia d’oro al valor militare. Alla cerimonia, presenziata dal capo della Polizia Franco Gabrielli, hanno preso parte autorità civili, militari e religiose della città nonché la sezione di Trento dell’Associazione nazionale della Polizia di Stato che con il questore di Trento Giuseppe Garramone hanno fortemente voluto questo riconoscimento al poliziotto rimasto ucciso nel 1977 durante un intervento per rapina in una banca della città.
Il maresciallo per non mettere a rischio la vita degli ostaggi non volle volutamente aprire il fuoco. La scopertura della targa è avvenuta per mano degli stessi colleghi, ormai in pensione, l’ispettore Antonino Calì e l’assistente capo Giuseppe Romano, che quel giorno erano di pattuglia con il maresciallo. Il capo della Polizia durante la cerimonia è intervenuto dicendo che “oltre al doveroso riconoscimento questo è per noi un investimento, nella speranza che chi passerà qui davanti possa far propri quei principi per i quali il nostro collega è morto, del sacrificio di chi prima di noi ci ha indicato la strada giusta da percorrere per garantire la sicurezza e le esigenze e i bisogni della comunità”. leggi tutto

From: http://www.poliziadistato.it/articolo/155c8a3e88cbdb6277838100