Vigilanza Privata: guardie giurate e armi in un sistema che non funziona

Vigilanza Privata: guardie giurate e armi in un sistema che non funziona

Quando ad uccidere è un uomo morto, ma prima ancora un sistema inceppato. Si è visto ad Ardea, dove un uomo ha ucciso un anziano, due bambini e se stesso con l’arma del padre, guardia giurata deceduta un anno prima. E’ successo perché le GPG sono proprietarie dell’arma di servizio: quando cessa il rapporto di lavoro perdono il porto d’armi, ma l’arma resta in casa loro – con tutti i rischi connessi. Se poi qualcosa si inceppa nella notifica del decesso alle forze dell’ordine o, peggio ancora, se si sorvola sui controlli rispetto a persone con disturbi psichici, la frittata è fatta. Ma una soluzione c’è ed è già prevista da norme del nostro stesso settore: cosa manca dunque? La volontà di cambiare, diremmo. Ce ne parla il nostro anonimo ma non meno fumantino Bastiancontrario.

La (possibile) rivoluzione delle armi

di Bastiancontrario

Il mio unico lettore si sarebbe aspettato un piccolo intervento di chi scrive sulla tragica vicenda di Ardea, anche perché, seppure indirettamente, tocca il nostro settore. Giusto. Ho solo aspettato però che lo sgomento, il dolore e l’indignazione per quella terribile vicenda decantassero un poco (per quanto possano decantare i sentimenti rispetto ad una simile tragedia), per affrontare più lucidamente la questione. Che è tutta di pubblica sicurezza!

Eh si, perché, a parte l’aspetto sanitario della gestione delle persone con disturbi psichici (non ho le competenze per affrontare un tema tanto delicato e divisivo dalla legge Basaglia in avanti che, per inciso, risale al 1978!), qui si è palesato, per l’ennesima volta, il tremendo vulnus costituito dalla legislazione in materia di armi, in particolare quelle delle guardie giurate, in servizio o ex (quando non addirittura, come nel caso di Ardea, passate a “miglior vita”).

La necessaria premessa è che il sistema in generale non funziona: manca un sistema informatizzato nazionale che gestisca le armi ed i loro possessori; manca una rete di collegamenti, in tempo reale, tra le banche dati principali, in primis quelle del sistema sanitario; manca un’efficace rete di controlli e la capacità di tenere il polso della situazione (paradosso: non ci si affida più alla capillare conoscenza del territorio dei presidi delle forze dell’ordine – commissariati di p.s., stazioni dei cc – perché l’informatica semplifica, ma l’informatizzazione non c’è e quindi nessuno sa più nulla); manca la possibilità di ritirare ope legis le armi quando sono venuti meno i presupposti per il porto delle stesse (non dimentichiamo le battaglie di qualche forza politica per consentire a tutti di avere un’arma in casa per “difendersi”).

E su quest’ultimo punto veniamo proprio alle guardie giurate che, come è ben noto a chi pratica questo settore, sono proprietarie dell’arma (spesso delle armi) con cui lavorano e che quando cessano il rapporto di servizio (pensionamento, cambio lavoro, licenziamento) perdono sì il porto d’armi, ma mantengono la detenzione. Come nel caso di Ardea!

Bene – anzi male, malissimo – allora che si fa? Direi che la soluzione è semplice: si cambia la legge e si dà agli istituti la possibilità di costituire armerie e di leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/vigilanza-privata-guardie-giurate-e-armi-in-un-sistema-che-non-funziona-10589.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, armi

P.S.A. GROUP