Guardie giurate di prossimità per sconfiggere la paura

Guardie giurate di prossimità per sconfiggere la paura

Quanto conta poter “vedere” la sicurezza? Quanto conta sapere di potersi rivolgere ad una guardia giurata, di potersi facilmente imbattere in una divisa, di poter immaginare una vigilanza privata “di prossimità”, amica e presente sul territorio? Quanto conta poter toccare con mano la sicurezza con una divisa, soprattutto per i 6 milioni di italiani che risultano essere panfobici, cioè terrorizzati da tutto, seconda l’ultima indagine Censis? Ne abbiamo parlato con Luigi Gabriele, Presidente di Federsicurezza, che ha commissionato l’indagine.

Nell’eco mediatica che ha avuto l’indagine Censis, la stampa ha parlato molto di paure e poco di vigilanza privata. Era voluto?

Era fisiologico. Federsicurezza ha commissionato al Censis un’indagine sulla sicurezza nel paese che uscisse dalla consueta visuale di cortile cui l’essere nicchia spesso ci ha condannato.
Entrando nelle grandi tematiche del paese, con la pandemia sono emerse paure vecchie e nuove: dai timori di essere aggrediti all’insicurezza delle donne, fino ai soggetti panfobici. In particolare è emerso che il delta tra andamento reale della criminalità e percezione di sicurezza si sta facendo sempre più ampio, col risultato paradossale che più calano i reati, più la gente ha paura. Ma – e questo è il punto che ci preme sottolineare – gli Italiani credono nella sicurezza privata.

In un contesto simile, quanto potrebbe contare l’impiego della divisa per elevare il sentiment di sicurezza nel paese?

Moltissimo, oggi più che mai. Le telecamere, i sensori e tutte le – pur utilissime – tecnologie disseminate sul territorio non hanno effetto sulla percezione di sicurezza perché il cittadino non le vede, non ci parla, non le può toccare. E’ vero che il trend è quello della dematerializzazione dei servizi, ma il potere deterrente è correlato alla percezione immediata della sua esistenza.
E’ assai facile e privo di conseguenze accecare una telecamera; è molto meno facile decidere di imbracciare un’arma e sparare alla guardia, con tutti i riflessi morali e giudiziari che ciò comporta. Una guardia giurata in divisa ha un sicuro effetto deterrente sulla delinquenza minore o improvvisata. Perché allora non prendere spunto dalla felice esperienza della polizia di prossimità per infondere nuova sicurezza sul territorio tramite delle forze private?

Sta pensando a delle “guardie giurate di prossimità”?

Perché no? Ovviamente sempre e solo in funzione sussidiaria rispetto alle forza dell’ordine, la presenza di guardie giurate “di prossimità” sul territorio potrebbe integrare le pattuglie (che in genere non si fermano), potrebbe parlare e rassicurare, dando una risposta immediata soprattutto alle figure più fragili e timorose, inclusi i panfobici dell’indagine Censis. Nelle vie della moda a Milano Roma e Napoli già si vedono nei periodi di punta: professionisti in divisa che, per il semplice fatto di essere visibili, riconoscibili e presenti, incoraggiano anche soltanto a chiamare il 113 in caso di emergenza e a non chiudersi nelle proprie paure.

Puntare troppo sulla divisa non rischia però di assecondare quei fenomeni di volontariato che ormai si allargano anche su aree di esclusiva della vigilanza privata e giocano proprio sull’equivoco della divisa per operare, di fatto, abusivamente?

Divisa sì; abuso di divisa ovviamente no. leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/guardie-giurate-di-prossimita-per-sconfiggere-la-paura-10478.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, Rinnovo CCNL, federsicurezza

P.S.A. GROUP