Forza Italia: priorità nei vaccini e un nuovo CCNL per la vigilanza privata

Forza Italia: priorità nei vaccini e un nuovo CCNL per la vigilanza privata

Urge avviare una concertazione con i sindacati e un tavolo di confronto per il rinnovo del CCNL della vigilanza privata e dei servizi fiduciari volto a riconoscere alle guardie giurate un adeguato aumento salariale. Queste le parole di Anna Grazia Calabria, Vice presidente della Commissione Affari Costituzionali alla Camera per Forza Italia, che promette di farsi portatrice di questa istanza. Ma anche di una visione di sicurezza integrata finalizzata alla massima prevenzione dei rischi ed a nuove politiche vaccinali. Sentiamo le sue parole.

Forza Italia è tornata al Governo in un periodo nel quale la sicurezza privata è sotto i riflettori per l’importante ruolo svolto nella gestione del social distancing e della vigilanza sul corretto uso dei dispositivi di protezione. Un settore che da sempre affianca le FFOO ma che necessita di sostegno istituzionale e qualifiche chiare nel proprio ruolo di sussidiarietà: qual è il vostro pensiero sul settore sicurezza e vigilanza privata? Che futuro immaginate per il comparto?

In un momento così complesso, la domanda di sicurezza da parte dei cittadini è aumentata esponenzialmente. In questo senso anche la vigilanza privata ha un ruolo centrale, e non certo da oggi. Basti pensare all’importante compito svolto negli aeroporti o quello offerto dal servizio nelle ore notturne, che ha una rilevanza anche ai fini della copertura del territorio.  Questo con tutti i meriti, ma ahimè anche i rischi del caso.
Per questo è necessario guardare in prospettiva, con una visione di sicurezza integrata finalizzata alla massima prevenzione dei rischi, anche con il supporto della digitalizzazione e con una costante opera di formazione che va incentivata e sostenuta. In una società complessa come quella attuale le minacce si evolvono e devono evolvere anche le risposte.

Le guardie giurate, tra le categorie più esposte al contagio (non a caso insignite del Cavalierato della Repubblica per il loro valore dal Presidente Mattarella), non sono ad oggi ritenute una categoria prioritaria per il vaccino: cosa ne pensa?

Inutile nascondersi dietro un dito: il piano vaccinale è già stato modificato molte volte per la lacunosità di quello originario, stilato dal precedente governo. Fatto salva la doverosa tutela in via prioritaria del personale sanitario e dei soggetti fragili, sulle altre priorità abbiamo assistito a un vero e proprio caos da quando il vaccino è disponibile. E’ di tutta evidenza che coloro che lavorano a stretto contatto con il pubblico, spesso in luoghi a rischio affollamento o comunque a transito frequente, sono particolarmente a rischio. L’auspicio è che l’autorevolezza del premier Draghi e la professionalità del Commissario all’emergenza Figliuolo possano davvero imporre una svolta nelle tempistiche del piano vaccinale affinché, a prescindere dalle priorità, si possa arrivare a vaccinare la maggioranza della popolazione entro l’estate.

La deputata di FI Simona Vietina chiedeva già nel 2019 di aumentare il personale nei servizi di sicurezza più rischiosi, a partire dal trasporto di valori, e di avviare un rapido confronto per il rinnovo del contratto di lavoro scaduto a dicembre 2015. La situazione è invece ancora in stallo: di quali iniziative vi potreste fare promotori per agevolare leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/primapagina/forza-italia-priorita-nei-vaccini-e-un-nuovo-ccnl-per-la-vigilanza-privata-9900.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, Rinnovo CCNL, ccnl, coronavirus, vaccino

P.S.A. GROUP