Fratelli d’Italia: guardie giurate all’estero e un nuovo CCNL per ripensare la vigilanza privata

Fratelli d’Italia: guardie giurate all’estero e un nuovo CCNL per ripensare la vigilanza privata

Il partito Fratelli d’Italia, da sempre vicino al comparto della sicurezza privata, si è reso tra l’altro promotore di un‘iniziativa di legge sull’impiego delle guardie giurate all’estero che aprirebbe rilevanti aree di business ad oggi precluse dalla normativa italiana. Ma FdI ha anche chiesto con forza al precedente Governo che venisse convocato il tavolo del CCNL della Vigilanza Privata e servizi fiduciari, il cui rinnovo non vede la luce ormai dal lontano 2015. Qual è la linea di FdI nella sua attività di opposizione al Governo Draghi? Qual è il pensiero politico di FdI sui vaccini e sullo status giuridico delle guardie giurate?
Ne abbiamo parlato con l’On. Emanuele Prisco, deputato di Fratelli d’Italia e membro della I Commissione (Affari costituzionali, della presidenza del consiglio e interni).

Fratelli d’Italia è sempre stata molto attiva, anche con una proposta di legge, sullo spinoso tema dell’impiego delle guardie giurate all’estero, che aprirebbe rilevanti aree di business ad oggi precluse dalla normativa italiana. Basti pensare che per la protezione non solo delle imprese italiane all’estero, ma addirittura dei compound militari all’estero, le imprese italiane devono di necessità rivolgersi a security contractor stranieri. Quali iniziative intendete portare avanti su questo fronte?

Il tema è molto complesso ma di grande rilevanza nazionale. Molte grandi imprese italiane, soprattutto quelle che operano in settori strategici per l’interesse nazionale all’estero, penso all’energia per esempio, si trovano costrette a rivolgersi a contractor stranieri. Questi a loro volta sono soggetti anche al controllo dei rispettivi governi e – per il lavoro che svolgono – entrano in contatto con preziosissimi know how nazionali che credo l’Italia debba tutelare e difendere. Perché non farlo con aziende italiane che, per colpa di questa mancata scelta, perdono anche importanti quote di mercato internazionale che porterebbero in Italia in termini di fatturati e posti di lavoro? Su questo è giacente in Commissione affari costituzionali una nostra proposta di legge.
Mi auguro che con la nuova maggioranza la si voglia prendere in considerazione.

Avete chiesto per un anno al precedente Governo di convocare il tavolo per il rinnovo del contratto della Vigilanza privata, scaduto nel lontano 2015: quali iniziative intendete portare avanti in tal senso nell’attività di opposizione al Governo Draghi?

Obiettivamente l’aggiornamento del contratto consente di rivalutare sia le istanze dei lavoratori che delle aziende del settore. Il tutto a vantaggio della qualità di un servizio sempre più richiesto da cittadini ed imprese e le cui esigenze cambiano con la velocità con cui in questo periodo cambia la società nella quale viviamo.

Daniele Zampaglione, responsabile dip. sicurezza provincia di Roma di FdI, chiede che i lavoratori del comparto di vigilanza privata vengano “equiparati alle forze dell’ordine, cominciando ad integrarli nel programma vaccinale previsto, con l’impegno di rivedere, nel prossimo futuro, contratti e diritti. Rendendoli in questo modo come gli operatori di polizia, con i quali condividono rischi ed oneri ma non parità di trattamento “. Condivide questo pensiero? E’ la linea di FdI?

Fratelli d’Italia ha sempre avuto a cuore questo comparto e il tema della sicurezza integrata. Sicuramente leggi tutto

From: https://www.vigilanzaprivataonline.com/rinnovo-ccnl/fratelli-ditalia-guardie-giurate-allestero-e-un-nuovo-ccnl-per-ripensare-la-vigilanza-privata-9849.html

Category: Primapagina, Riforma Tulps, Rinnovo CCNL, ccnl, coronavirus, fratelli d’italia

P.S.A. GROUP